L'UOMO DEGLI 80 EURO, RENZI, FA SAPERE A ''CIRCO MASSIMO'' CHE "IL REDDITO DI CITTADINANZA È UNA BOIATA PAZZESCA - L'AUTORIZZAZIONE SU SALVINI? SE M5S VOTA NO È PER SALVARE LE POLTRONE. RECESSIONE? GOVERNO O PORTA SFIGA O È CIALTRONE - HO SBAGLIATO A NON ANDARE VIA IL 5 DICEMBRE. NON DICO CHI VOTERO' ALLE PRIMARIE, MA AIUTERO' - FOA NON È DEGNO DI FARE PRESIDENTE RAI" - VIDEO: PSYCHO-SHOW RENZIANO

-

Condividi questo articolo

 

 

 

Da Circo Massimo - Radio Capital

 

Parola a Rousseau. Sulla piattaforma del Movimento 5 Stelle è in corso il voto degli iscritti sull'autorizzazione a procedere contro Matteo Salvini per il caso Diciotti. Molti dirigenti pentastellati si sono schierati con il ministro dell'interno: "Colpisce che improvvisamente diventino difensori dell'immunità parlamentare", attacca Matteo Renzi, ospite di Massimo Giannini nello Speciale di Circo Massimo in onda su Radio Capital in diretta dal Teatro Parenti di Milano,

 

BONUS Renzi 80 Euro BONUS Renzi 80 Euro

"Se il Movimento vota contro lo fa per salvare le poltrone, visto che la maggior parte dei loro parlamentari se va casa non sa cosa fare. Io", continua il senatore, "voterò a favore della richiesta. Un politico ha il compito di farsi giudicare come tutti gli altri. In questo caso c'è una vicenda diversa dalla politica: su quella nave c'erano ragazze violentate e persone che secondo la magistratura avevano il diritto costituzionale di scendere. Tocca ai magistrati stabilire se c'è stato un reato". Parlando di immigrazione, l'ex premier dice che "Salvini sta strumentalizzando in modo vergognoso il tema. Ed è un tema che arriverà nei prossimi anni, non è ancora arrivato: oggi c'è un miliardo di africani, fra trent'anni saranno due e mezzo. Dobbiamo riuscire ad aiutarli davvero a casa loro. Non è lo stesso slogan di Salvini, che non mette i soldi sulla cooperazione internazionale. L'unica roba che la Lega ha portato in Africa sono i diamanti in Tanzania".

virman cusenza matteo renzi lucia annunziata virman cusenza matteo renzi lucia annunziata

 

Il Paese, intanto, è arrivato in recessione: "colpa dei governi precedenti", dice il vicepremier Di Maio. "Nel febbraio del 2014 abbiamo preso il Paese in recessione, bloccato, fermo e abbiamo 'casualmente' fatto 14 trimestri di crescita", ribatte Renzi, "poi sono arrivati loro, siamo andati in recessione e improvvisamente la colpa è nostra. Ora, le ipotesi sono due: o portano sfiga, ma non credo alla scaramanzia, o sono incapaci e cialtroni". Secondo l'ex segretario del PD il governo ha "bruciato i soldi per vendere la cenere. La responsabilità totale è di questo governo e oggi andiamo incontro a una crisi economica". Il senatore poi critica la misura simbolo dei 5 stelle citando Fantozzi: "Il reddito di cittadinanza è una boiata pazzesca. Ed è un baciamano istituzionale", dice, prima di definire i navigator "forestali del terzo millennio" e negare che il reddito sia una misura di sinistra: "Chi lo considera una cosa di sinistra o non ha colto le cose che ho colto io, o non è di sinistra perché la sinistra è lavoro, non assistenzialismo".

 

renzi martina renzi martina

Capitolo PD. L'ex leader del centrosinistra fa mea culpa: "Il mio errore più grande è stato non andarmene il 5 dicembre", il giorno dopo il referendum costituzionale che però, insiste Renzi, "se fosse passato avrebbe reso più forte l'Italia". Nella partita delle primarie non si schiera: "Voterò uno tra Zingaretti, Martina e Giachetti. E chiunque vincerà avrà il mio sostegno. L'importante è che l'Italia si scuota". E nega la possibilità di uscire dal PD:

 

RENZI GIACHETTI RENZI GIACHETTI

"Le scissioni le ho subìte, sarei potuto andar via quando avevo il 40% ma non l'ho fatto. Se si fa l'accordo con i 5 stelle non sono io che faccio la scissione, ma il PD che cambia strada. Sia Martina che Zingaretti che Giachetti hanno detto mai con M5S, quindi io darò una mano. Ho vinto due volte le primarie del PD", ricorda Renzi, "e due volte mi hanno sparato alle gambe dal di dietro. Io non farò lo stesso". Il presidente del Lazio ha detto che, se diventerà segretario e il governo cadrà, chiederà elezioni anticipate: "Sono d'accordo con Zingaretti, penso lo dica tutto il PD. Per me cadranno, ma non lasceranno mai la poltrona. Voteranno qualsiasi cosa".

 

L'ex premier nega poi di essere in una corrente: "I renziani hanno una malattia da cui si può guarire, qualcuno lo ha fatto anche molto velocemente". Quando Massimo Giannini gli fa notare che D'Alema diceva la stessa cosa, Renzi risponde: "Può capitare una volta nella vita di dire la stessa cosa di D'Alema...".

 

RENZI ZINGARETTI RENZI ZINGARETTI

In chiusura, parlando delle nomine, Renzi attacca Marcello Foa: "Noi non abbiamo messo alla RAI un presidente che come primo atto ha fatto un'intervista a un quotidiano israeliano dicendo che gli europarlamentari del PD prendono i soldi da Soros. Foa ha detto una frase falsa, spero che gli eurodeputati del PD prendano un sacco di soldi dalla causa civile che hanno annunziato. E non è degno di fare il presidente della RAI".

 

Condividi questo articolo

politica