AGI, LA NUOVA AGENZIA STEFANI – MARIO SECHI DA PALAZZO CHIGI DETTA LA LINEA, E LA LINGUA! GIORGIA MELONI, A PIAZZA DEL POPOLO PER IL CENTENARIO DELL’AERONAUTICA MILITARE, SALE SU UN JET E LA GLORIOSA AGENZIA ITALIA, ANCORA ETERO-DIRETTA DAL CAPO UFFICIO STAMPA DELLA DUCETTA, LE DEDICA DUE LANCI RICOLMI DI BAVA, DAL TITOLO EVOCATIVO: “MELONI: E SU PIAZZA DEL POPOLO PLANA IL PRESIDENTE PILOTA”. TRA AUTOGRAFI E SELFIE, SPUNTA L’IMMANCABILE SCOLARESCA CHE, “DAVANTI ALL'F35, SVENTOLA LE BANDIERINE E SCANDISCE ME-LO-NI, ME-LO-NI (LEI RICAMBIA MANDANDO BACI CON LE MANI)”. PER COMPLETARE IL QUADRETTO, MANCAVA SOLO LO SLOGAN "CHI VOLA, VALE E CHI NON VOLA E' UN VILE" - VIDEO

Condividi questo articolo


GIORGIA MELONI SALE SU UN AEREO DA COMBATTIMENTO A PIAZZA DEL POPOLO

 

 

 

Meloni: e su piazza del Popolo 'plana' il 'presidente pilota'

AGENZIA AGI SU GIORGIA MELONI PRESIDENTE PILOTA AGENZIA AGI SU GIORGIA MELONI PRESIDENTE PILOTA

(AGI) - "Eh, ma io devo dirle una cosa importante". "E perche' quel signore l'autografo ha potuto farlo e io no?". "Un attimo solo, un selfie e me ne vado. Prometto".

 

Quando i cronisti attraversano i capannelli di folla che assediano i leader politici ascoltano e vedono ripetersi sempre la stessa scena - mentre devono a loro volta provare a farsi strada nel muro di scorte e security aggiuntive, sia pure per altri motivi, e magari cercando di dare meno nell'occhio - proprio come e' accaduto oggi a piazza del Popolo all'Air Force Experience.

giorgia meloni giorgia meloni

 

Rapido conciliabolo (andiamo, ma no torniamo un'altra volta, ma perche'? siamo gia' qui) e alla fine passa la linea Meloni: conclusa la cerimonia alla Terrazza del Pincio, si scende anche in piazza del Popolo, dove si trova il 'villaggio' allestito per i cento anni dell'Aeronautica Militare.

 

Ecco, solo viene respinta l'idea di andare a piedi, momento aggiuntivo di 'decompressione' - e meno complicato, in apparenza, rispetto allo spostamento del corteo di auto - che non sarebbe dispiaciuto a Meloni. E cosi', protocollo da reinventare letteralmente al volo, ed ecco tutti in piazza, colonizzata da migliaia di persone che fanno la fila per vedere aerei ed elicotteri, e per salire in cabina di pilotaggio.

 

rita lofano mario sechi rita lofano mario sechi

Proprio quello che fa anche Meloni, oggi dunque in versione 'presidente pilota' come si potrebbe dire sulla scia della formula coniata a suo tempo da Silvio Berlusconi, e rinverdita di recente dalla stessa leader FdI. Dopo aver assistito, naso all'insu', insieme alle altre autorita' dello Stato, Sergio Mattarella in testa, al passaggio di oltre settanta tra aerei e elicotteri, il presidente del Consiglio guadagna la scaletta di quelli a terra ed entra nell'abitacolo di un F35, di un Eurofighter, e di un elicottero HH139, a bordo del quale - per un'evidente questione di corporatura - puo' stavolta unirsi anche il ministro della Difesa, Guido Crosetto, che l'accompagna per tutto il giro come 'padrone di casa'.

 

giorgia meloni dentro un aereo da combattimento a piazza del popolo giorgia meloni dentro un aereo da combattimento a piazza del popolo

Quando i curiosi che affollano l'area si accorgono del fuori programma si scatena appunto una corsa alla foto, all'autografo. Scatenata la scolaresca che, davanti all'F35, sventola le bandierine e scandisce Me-lo-ni, Me-lo-ni (lei ricambia mandando dal cockpit baci con le mani) come ormai e' consuetudine nella 'Repubblica pop' dove si mescolano consenso e emozione del contatto con i volti resi familiari da media tradizionali e social. A un certo punto. Meloni entra nelle 'bolle' dedicate alla storia dell'Aeronautica a oggi e lascia la piazza da li', mentre la voce comincia a spargersi e a richiamare altri curiosi.

 

ali alla patria ali alla patria

A chi le chiedeva della reazione festante della scolaresca, Meloni ha detto che "vedere tutti questi bambini con le bandierine tricolore e' fantastico, vivaddio riusciamo ancora a trasferire il sentimento della patria". Ai militari che l'hanno accompagnata tra gli stand ha detto che "l'Aeronautica e' innovazione, gioventu' e storia, e' uno dei grandi fiori all'occhiello di questa nazione, una grande ambasciatrice della nostra credibilita', del nostro coraggio, della nostra serieta' e della nostra umanita'". "La patria non esiste senza il vostro lavoro, la dedizione, la disponibilita' al sacrificio, l'umanita', senza valori che si rischiano di perdere e che, ringraziando Dio, noi non perdiamo, grazie soprattutto al lavoro che fanno questi uomini e queste donne", ha detto ancora il presidente del Consiglio.

giorgia meloni in elicottero a piaza del popolo giorgia meloni in elicottero a piaza del popolo sergio mattarella giorgia meloni sergio mattarella giorgia meloni giorgia meloni dentro un aereo da combattimento a piazza del popolo 1 giorgia meloni dentro un aereo da combattimento a piazza del popolo 1 frecce tricolori. frecce tricolori. frecce tricolori frecce tricolori sergio mattarella giorgia meloni sergio mattarella giorgia meloni giorgia meloni dentro un aereo da combattimento a piazza del popolo giorgia meloni dentro un aereo da combattimento a piazza del popolo giorgia meloni dentro un aereo da combattimento a piazza del popolo 2 giorgia meloni dentro un aereo da combattimento a piazza del popolo 2 giorgia meloni dentro un aereo da combattimento a piazza del popolo giorgia meloni dentro un aereo da combattimento a piazza del popolo ignazio la russa sergio mattarella giorgia meloni ignazio la russa sergio mattarella giorgia meloni sergio mattarella giorgia meloni sergio mattarella giorgia meloni

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - A MEDIASET NULLA SARÀ COME PRIMA: CON PIER SILVIO E MARINA AL COMANDO, TRAMONTA LA STELLA DEL GRAN CAPO DELL'INFORMAZIONE, MAURO CRIPPA (DA OLTRE 25 ANNI SOTTO L'ALA PROTETTIVA DI CONFALONIERI) - NELLA PROSSIMA STAGIONE TV, I CONDUTTORI-ULTRA’ CHE HANNO POMPATO I VOTI DI SALVINI E ORA TIRANO LA VOLATA ALLA MELONI (DEL DEBBIO, PORRO E GIORDANO) DOVRANNO DARSI UNA REGOLATA: PIER SILVIO VUOLE UN BISCIONE PLURALISTA - LO SCAZZO DI “PIERDUDI” CON PAOLO DEL DEBBIO - NICOLA PORRO, SE NON SI TOGLIE IL FEZ, RISCHIA DI PERDERE IL PROGRAMMA: LO STIPENDIO GLIELO PAGA MEDIASET, NON FRATELLI D’ITALIA - SILVIO NON C'E' PIU', CONFALONIERI HA 87 ANNI E CRIPPA INIZIA A PRENDERE CEFFONI: LA CACCIATA DELLA D’URSO E IL LICENZIAMENTO IN TRONCO DI DEL CORNO…

DAGOREPORT - I FRATELLINI D’ITALIA VARANO TELE-MELONI CON GIAMPAOLO ROSSI SEDUTO SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO E SIMONA AGNES (IN QUOTA FORZA ITALIA) ALLA PRESIDENZA - ALLA LEGA, CHE VUOLE LA DIREZIONE GENERALE, NIENTE. SALVINI S'INCAZZA DI BRUTTO E SFANCULA I MELONI DI VIALE MAZZINI: LE NOMINE RAI RISCHIANO DI SALTARE A SETTEMBRE - LA DAGO-INDISCREZIONE DI UNA TRATTATIVA IN CORSO PER UN TRASLOCO DI FIORELLO A DISCOVERY NON HA FATTO PER NIENTE PIACERE (EUFEMISMO) ALLA MELONA. C’È UN ANTICO AFFETTO E SIMPATIA TRA FIORELLO E L’EX BABY SITTER DELLA FIGLIA OLIVIA DIVENTATA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. ED È SUBITO PARTITA UNA TELEFONATA DELLA MELONA AI “SUOI” DIRIGENTI RAI: IL SUO “FIORE ALL’OCCHIELLO” DEVE RESTARE IN AZIENDA A QUALSIASI COSTO…

DAGOREPORT - GIORGIA MELONI È AL SUO PIÙ IMPORTANTE BANCO DI PROVA: IL VOTO PER L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE DEFINIRÀ IL SUO PROFILO INTERNAZIONALE. FARÀ UNO SCATTO DA STATISTA, METTENDO GLI INTERESSI ITALIANI AL CENTRO E VOTANDO PER LA RICONFERMA DI URSULA VON DER LEYEN O DIRÀ “NO, GRAZIE”, IN VERSIONE RAMBA DELLA GARBATELLA, SPINGENDO L’ITALIA IN UN MARE DI GUAI? - DAL MES AL PATTO DI STABILITA’, DALLA FINANZIARIA AL POSTO DA COMMISSARIO, CON BRUXELLES BISOGNERA’ TRATTARE: MEGLIO FARLO DA AMICO CHE DA NEMICO - LA SPINTA DI CONFINDUSTRIA, TAJANI E CROSETTO: GIORGIA, VOTA URSULA…

DAGOREPORT - DOPO LA CONFERENZA STAMPA AL VERTICE NATO, BIDEN HA PARTECIPATO A UNA CONFERENCE CALL CON BARACK OBAMA, IL LEADER DEI DEMOCRATICI AL SENATO, CHUCK SCHUMER, E LA GOVERNATRICE DEL MICHIGAN, GRETCHEN WHITMER. I TRE SONO STATI PIUTTOSTO ASSERTIVI NEL FAR CAPIRE A BIDEN CHE LA SITUAZIONE È PRECIPITATA: SE NON FARÀ UN PASSO INDIETRO, I GOVERNATORI DEMOCRATICI NON MANDERANNO I LORO DELEGATI ALLA CONVENTION DEMOCRATICA, PREVISTA DAL 19 AL 22 AGOSTO A CHICAGO: UN CHIARO ATTO OSTILE PER SABOTARE LA CANDIDATURA - DIETRO LA LETTERA DI CLOONEY C'E' LA MANO DI OBAMA CHE DOMANI PARLERA' AGLI AMERICANI...

L’ESTATE SI CONFERMA LA STAGIONE PIÙ CRUDELE PER LE CELEBRITÀ! - DOPO TOTTI-BLASI, AMENDOLA-NERI, MARCUZZI-CALABRESI, BONOLIS-BRUGANELLI, FEDEZ-FERRAGNI, DAGOSPIA È COSTRETTA AD ANNUNCIARE LA SEPARAZIONE DI CHECCO ZALONE DALLA COMPAGNA MARIANGELA EBOLI - I DUE STAVANO INSIEME DAL 2005, ANNO IN CUI IL COMICO PUGLIESE ESORDI' SUL PALCO DI ZELIG OFF - IN BARBA ALLA LORO IDIOSINCRASIA PER IL BARNUM DEL FLASH, SULLA COPPIA CIRCOLAVANO DA TEMPO VOCI DI CRISI. IL SIPARIO SI È DEFINITIVAMENTE ABBASSATO ALCUNI GIORNI FA QUANDO CHECCO, ALL’ANAGRAFE LUCA PASQUALE MEDICI, SI È PRESENTATO NELLO STUDIO DI UN AVVOCATO DI ROMA PER ATTIVARE LE PRATICHE DI FINE RAPPORTO (MALGRADO LA NASCITA DI DUE BAMBINE, NON HANNO MAI TROVATO LA STRADA VERSO L’ALTARE PER IL FATIDICO “SÌ”)