ALTRA FIGURA DI PALTA PER IL PD: COSA DICE LETTA DEI TRE EURODEPUTATI DEM CHE HANNO VOTATO CONTRO LA RISOLUZIONE SULLA RUSSIA “STATO SPONSOR DEL TERRORISMO?” – SOLO ALCUNI DEM E I 5 STELLE, OLTRE AI NOSTALGICI NAZISTI TEDESCHI DI AFD E AI SEGUACI DELLA LE PEN, SI SONO SMARCATI – LA RITORSIONE DEGLI HACKER DI PUTIN CHE MANDANO IN TILT I COMPUTER DEL PARLAMENTO EUROPEO. LA PRESIDENTE METSOLA: “A LORO RISPONDO SOLO UNA COSA: GLORIA ALL'UCRAINA”

-

Condividi questo articolo


Laura Cesaretti per “il Giornale”

 

LETTA LETTA

«La Russia è uno stato sponsor del terrorismo, che utilizza mezzi terroristici». Passano solo pochi minuti dall'approvazione solenne, nel Parlamento europeo, di questa risoluzione (su cui la sinistra italiana si spacca, con M5S e alcuni Pd che si astengono o votano contro insieme alle estreme destre putiniste), e un attacco hacker col timbro del

Cremlino blocca i terminali e i siti della massima istituzione elettiva Ue.

 

Come a dare conferma ufficiosa della definizione di «terrorismo» di Stato. «Ci attaccano dopo che abbiamo proclamato che la Russia è uno sponsor del terrorismo. La mia risposta? Slava Ukraini», dice la presidente dell'europarlamento Roberta Metsola.

 

La durissima risoluzione, approvata con 494 voti a favore, 58 no e 44 astensioni, era stata presentata congiuntamente dai gruppi Popolare, Liberale e Conservatore. I Socialisti si dividono, il Pd perde pezzi. Il M5s, per riguardo al Cremlino, si astiene: per loro, il tentativo di massacro dei civili ucraini non ha nulla di terroristico.

 

massimiliano smeriglio massimiliano smeriglio

«Gli attacchi deliberati e le atrocità perpetrate dalla Federazione russa contro la popolazione civile dell'Ucraina - si legge nel testo, appoggiato dalla maggioranza di governo italiana - con la distruzione di infrastrutture civili e altre gravi violazioni dei diritti umani, costituiscono atti terroristici contro e sono crimini di guerra».

 

Ma nella sinistra italiana non tutti la pensano così, e sono tre gli eurodeputati Dem che votano contro: Massimiliano Smeriglio (corrente Bettini, che passeggia volentieri sulla Neva), Andrea Cozzolino (dalemiano e prossimo al passaggio nel partito di Conte, dicono nel Pd), Pietro Bartolo (cattopacifista vicino al Sant' Egidio di Riccardi). Si ritrovano così nella compagnia filo-putinista dei nostalgici nazisti tedeschi di AfD e dei seguaci della Le Pen, nonché dei gruppuscoli della estrema sinistra post-staliniana. Criticare il regime dittatoriale di Putin, spiegano arditamente Cozzolino e Smeriglio, «allontana la pace».

andrea cozzolino andrea cozzolino

 

Ma anche altri Dem si smarcano e prendono le distanze dalla condanna del terrorismo russo: «Sono dispiaciuto, la risoluzione non mi convince», dice ad esempio il candidato alla guida della Lombardia, Pierfrancesco Majorino (impegnato nell'inseguimento dell'alleanza coi grillini). Altri, da Giuliano Pisapia a Caterina Chinnici, non partecipano al voto. Nel gruppo si svolge una estenuante mediazione, per evitare una clamorosa ritrattazione della limpida linea filo-ucraina tenuta dalla segreteria Letta, ma ormai sempre più messa in discussione dall'ala sinistra e filogrillina.

 

Del resto, lo stesso capogruppo Brando Benifei, pochi giorni fa, aveva asserito che «oggi non si può continuare a inviare armi», perché «non possiamo restare schiacciati sulle posizioni Usa: il Pd deve superare una postura troppo militare». Ieri, dopo ore di dibattito interno, si è rassegnato: «Voteremo a favore della risoluzione», ha annunciato, ma solo «perché nessuno possa strumentalizzare da qualunque lato la nostra linea». Che non si capisce bene quale sia, a questo punto.

 

pietro bartolo 3 pietro bartolo 3

Le uniche parole chiare arrivano dalla vicepresidente dem del Parlamento Europeo, Pina Picierno, che plaude alla «presa di posizione chiara, netta e inequivocabile» dell'aula di Strasburgo: «Un voto importante che ci vede ancora una volta schierati con nettezza con l'Ucraina e per lo Stato di diritto».

 

Condividi questo articolo

politica

ORGE, METANFETAMINE E VIDEOGAME: LA VITA FOLLE DI SAM BANKMAN-FRIED E CAROLINE ELLISON – LUI È IL FONDATORE DI FTX, L’IMPERO DELLE CRIPTOVALUTE DA 32 MILIARDI DI DOLLARI FINITO IN BANCAROTTA. LEI LA CEO DI ALAMEDA RESEARCH, LA SOCIETÀ CHE FINANZIAVA GLI INVESTIMENTI GONFIATI E TRUFFALDINI DELLA SOCIETÀ DI TRADING. INSIEME, DA UN RESORT DI LUSSO ALLE BAHAMAS, PRATICAVANO IL POLIAMORE, E DA STRAFATTI SOGNAVANO DI CAMBIARE IL MONDO. NON È ANDATA PROPRIO COME VOLEVANO – TUTTA LA STORIA

“LA DIRIGENZA DI SINISTRA ITALIANA SAPEVA, LI AVEVO AVVISATI IO” – L’EX SENATRICE ELENA FATTORI INCASTRA FRATOIANNI SUL CASO SOUMAHORO: “HO VISITATO LA COOPERATIVA KARIBU. ERA SPORCA, FATISCENTE, C’ERA LA MUFFA. NE HO VISTE TANTE DI STRUTTURE, MA QUELLA È STATA LA PEGGIORE” – “NE HO PARLATO CON FRATOIANNI, MA NON HA PENSATO CHE FOSSE RILEVANTE. D'ALTRONDE SOUMAHORO AVEVA UN GRANDE PESO MEDIATICO. ERA APPENA COMPARSO SU UNA COPERTINA DI UN SETTIMANALE COME FUTURO LEADER DELLA SINISTRA” – “ESPELLERLO ORA SAREBBE IPOCRITA: LO HANNO CERCATO PER LA CANDIDATURA SAPENDO CHI ERA”