ALTRO CHE TRUMP E PUTIN, L’INCUBO DELLA “LINK” ORA E’ IL FALLIMENTO -  NEL 2017 L'AGENZIA DELLE ENTRATE HA CONTESTATO MANCATI PAGAMENTI PER 1.200.000 EURO ALL'UNIVERSITÀ DELLO SPYGATE CHE AGITA CONTE - POCHI GIORNI FA IL PRESIDENTE, VINCENZO SCOTTI, HA PRESENTATO UNA PROPOSTA DI CONCORDATO. A BREVE È ATTESA LA SENTENZA DEL GIUDICE

-

Condividi questo articolo


Simone Di Meo per la Verità

 

vincenzo scotti vincenzo scotti

Non si chiama Donald Trump né Vladimir Putin il tormento che agita le austere stanze del Casale di San Pio V, a Roma. Là dove ha sede la Link Campus University, la filiale italiana dell' Università di Malta finita al centro di una trama di spionaggio internazionale per le mail rubate dagli hacker russi alla candidata democratica Hillary Clinton e offerte all' entourage del presidente Usa dal professor Joseph Mifsud, da tempo ormai scomparso dai radar. L' angoscia è dovuta al fatto che l' Agenzia delle entrate pretende 1.207.641,67 euro di tasse mai versate all' erario.

 

putin trump putin trump

E poiché l' Università di Roma non ha onorato il maxi debito, la stessa Agenzia delle entrate ne ha chiesto il fallimento trascinandola davanti alla sezione specializzata del tribunale della capitale. A occuparsi del procedimento numero 2612/17 è il giudice delegato Daniela Cavaliere. Al quale, nei giorni scorsi, secondo quanto La Verità ha potuto verificare, il presidente dell' Ateneo romano Vincenzo Scotti, ex plenipotenziario democristiano, ha inoltrato istanza di concordato preventivo.

 

Un modo per attivare la sospensione dell' iter e presentare un piano di ristrutturazione dei debiti da sottoporre ai creditori al fine di evitare la procedura concorsuale e trovare un accordo che impedisca il default. Facoltà riconosciuta dal 6° comma dell' articolo 161 della legge fallimentare che prevede che «l' imprenditore può depositare il ricorso contenente la domanda di concordato unitamente ai bilanci relativi agli ultimi tre esercizi e all' elenco nominativo dei creditori con l' indicazione dei rispettivi crediti, riservandosi di presentare la proposta, il piano e la documentazione [] entro un termine fissato dal giudice compreso fra 60 e 120 giorni e prorogabile, in presenza di giustificati motivi, di non oltre sessanta giorni».

joseph mifsud vincenzo scotti joseph mifsud vincenzo scotti

 

Com' è stato possibile però arrivare a questo punto? L' ateneo, per ammissione del suo stesso presidente, versa in condizioni di gravissima crisi dovuta ai costi fissi di mantenimento della struttura e acuita dai ritardi nel pagamento delle rette da parte degli studenti. In più la Link Campus ha ricevuto, dal 2005 in poi, atti impositivi per tasse e contributi non versati da parte di Inps e altri agenti della riscossione che ne hanno indebolito la tenuta finanziaria.

 

mifsud e vincenzo scotti alla london school of economics mifsud e vincenzo scotti alla london school of economics

Il tutto, spiega l' ateneo, per colpa di un equivoco o meglio di un errore che risale a circa 13 anni fa, quando la società consortile a responsabilità limitata che gestiva l' organizzazione dell' Università venne trasformata nell' attuale Fondazione Link Campus University. Un passaggio che non solo avvenne senza la contestuale iscrizione della Fondazione alla sezione specifica dedicata agli enti ma, cosa ancor più grave, in mancanza della cancellazione della vecchia società consortile a responsabilità limitata dal Registro delle imprese. Una disattenzione che, di fatto, secondo l' università, ha comportato l' accumulo di milioni di euro di debiti con le varie amministrazioni dello Stato ormai non più sostenibili.

 

joseph mifsud vincenzo scotti joseph mifsud vincenzo scotti

La storia della Link Campus inizia poco prima degli anni Duemila quando un decreto del ministero della Ricerca scientifica le riconosce lo status di «filiazione» in Italia dell' università della piccola isola del Mediterraneo. È il 27 novembre del 1999. Passano pochi mesi e il 16 giugno 2000 l' università di Malta e la Società per la gestione della Link Campus Università of Malta Spa costituiscono, davanti a un notaio della capitale, la Link Campus società consortile a responsabilità limitata con un capitale sociale di 10.000 euro, diviso per il 90 per cento all' università di Malta e per il restante 10 per cento alla Spa. Superata la fase di start up, nel 2006, la società consortile si trasforma in Fondazione con una dotazione finanziaria di 100.000 euro messa a disposizione dalla Link Campus Università of Malta Spa. Da allora, l' ateneo ha allargato la sua offerta formativa puntando su corsi di laurea legati al mondo della pubblica amministrazione e alle scienze della sicurezza.

vincenzo scotti frattini mifsud vincenzo scotti frattini mifsud

 

Negli ultimi tempi, la Link ha offerto al M5s numerosi quadri dirigenti. L' ex ministro della Difesa, Elisabetta Trenta, è stata ad esempio vicedirettrice del master in intelligence dell' ateneo. E proprio della Trenta è stata assistente al ministero, per la «gestione degli aspetti linguistici», la giovane docente Veronica Fortuzzi, indagata dalla Procura di Firenze nell' ambito di un filone su presunti esami facili al campus. Il fascicolo per falso raccoglie oltre una quarantina di posizioni tra studenti-poliziotti, professori, tutor e sindacalisti delle forze di polizia.

link istanza di concordato preventivo link istanza di concordato preventivo

vincenzo scotti vincenzo scotti

 

L' ipotesi della pm Christine von Borries è che gli agenti, iscritti al corso di laurea triennale in Scienza della politica e dei rapporti internazionali, nel quadriennio 2016-2019 abbiano sostenuto esami senza la presenza dei professori e con la possibilità di copiare. Le indagini sono ancora in fase istruttoria, e quando saranno chiuse di sicuro il tribunale fallimentare avrà già deciso sulla richiesta di Scotti di evitare la bancarotta di una piccola università finita in un gioco mortale di spie e ricatti.

vincenzo scotti 1 vincenzo scotti 1 vincenzo scotti foto di bacco (1) vincenzo scotti foto di bacco (1) vincenzo scotti (2) vincenzo scotti (2) vincenzo scotti (1) vincenzo scotti (1) vincenzo scotti foto di bacco vincenzo scotti foto di bacco

 

Condividi questo articolo

politica

GOVERNO ALL'ULTIMA SPIAGGIA - SUI BALNEARI CONTINUANO GLI SCAZZI: NON C'È ANCORA L'ACCORDO SU COME RIFORMULARE L'EMENDAMENTO, APPROVATO IN CONSIGLIO DEI MINISTRI LO SCORSO FEBBRAIO, CHE PREVEDE LA SCADENZA DELLE CONCESSIONI A FINE 2023 E LA CONSEGUENTE MESSA A GARA - DOPO L'INCONTRO FRA DRAGHI E SALVINI, È STATA "FORZA ITALIA" A IMPUNTARSI: NO A "UN SEMPLICE MAQUILLAGE" DEL TESTO - POSSIBILE COMPROMESSO FINALE: L'IPOTESI DI INDENNIZZI PIÙ ALTI PER CHI PERDE LA CONCESSIONE - FRATELLI D'ITALIA NON SE NE FA UNA RAGION E RICORRE ALLA CONSULTA...

I TRE TENORES DI PUTIN (SALVINI, BERLUSCONI E GRILLO) DESTABILIZZANO DRAGHI - A PALAZZO CHIGI NON HANNO PRESO BENISSIMO L'ATTACCO DI SILVIO A USA E NATO: C’È LA SENSAZIONE CHE IL “BANANA” SI STIA PERICOLOSAMENTE RIAVVICINANDO ALLE POSIZIONI DI SALVINI, CREANDO UNA "TRIMURTI" FILO-RUSSA CON GRILLO – NON A CASO GELMINI, CARFAGNA E BRUNETTA, MINISTRI SUPER-DRAGHIANI DI “FORZA ITALIA” IN ROTTA CON LA LINEA RONZULLI, HANNO SUBITO PROVATO A RIMEDIARE, CON “MARY-STAR” CHE SI È SPINTA OLTRE: “NON POSSO CREDERE CHE BERLUSCONI ABBIA DETTO QUELLE PAROLE. SE LA LINEA È CAMBIATA QUALCUNO DOVREBBE DIRCELO”