GLI AMERICANI SANNO COME SI SPIA - COME AVVENUTO CON L'INVASIONE RUSSA DELL'UCRAINA, ANCHE NEL CASO DEL BOMBARDAMENTO IRANIANO A ISRAELE GLI 007 AMERICANI AVEVANO ANTICIPATO TUTTO - E' LA "DOTTRINA BLINKEN": IL SEGRETARIO DI STATO USA, ANTONY BLINKEN, HA CONVINTO I SERVIZI STATUNITENSI A DIFFONDERE LE INFORMAZIONI IN LORO POSSESSO PER AVVISARE PUTIN E AYATOLLAH. DELLA SERIE: CONOSCIAMO LE VOSTRE MOSSE - QUELLA TELEFONATA DEL 2014 TRA PUTIN E OBAMA DURANTE L'INVASIONE RUSSA DELLA CRIMEA: "VLADIMIR, NOI NON SIAMO CIECHI...ABBIAMO OCCHI E VI VEDIAMO"

-

Condividi questo articolo


I DETTAGLI DELL ATTACCO DELL IRAN A ISRAELE I DETTAGLI DELL ATTACCO DELL IRAN A ISRAELE

Estratto dell’articolo di Enrico Franceschini per “la Repubblica”

 

Per la seconda volta in poco più di due anni, gli Stati Uniti hanno utilizzato in modo nuovo e inconsueto l’intelligence in loro possesso, facendone uno strumento per influenzare un conflitto. L’attacco missilistico iraniano contro Israele, nella notte tra sabato e domenica, si è svolto esattamente nei tempi e nei modi resi di dominio pubblico nei giorni precedenti dallo spionaggio americano.

 

festeggiamenti in iran per l attacco in israele festeggiamenti in iran per l attacco in israele

È stata una ripetizione di quanto Washington aveva fatto nel febbraio 2022, quando il Pentagono pubblicò notizie e immagini sul numero e sui movimenti di truppe russe alla frontiera con l’Ucraina, affermando che Mosca si preparava a invaderla, come poi effettivamente avvenuto. L’anomalia è che in passato l’intelligence Usa, come quella di altri Paesi, teneva per sé le informazioni riservate raccolte dai propri agenti sul campo o dai satelliti spia nello spazio.

 

antony blinken benjamin netanyahu antony blinken benjamin netanyahu

Rivelare pubblicamente quello che si conosce sul nemico è controproducente, affermava la regola nel mondo degli 007, perché espone i propri informatori al rischio di essere scoperti e fa capire all’avversario quello che si sa, o non si sa, sulle sue intenzioni. […] A cambiare atteggiamento ha provveduto […] la “dottrina Blinken”, che prende il nome dal segretario di Stato Antony Blinken e il cui braccio operativo è il capo della Cia William Burns.

antony blinken in turchia antony blinken in turchia

 

Sarebbe stato il capo della diplomazia Usa a convincere i servizi segreti americani a mostrare a tutti, compreso il nemico, le carte che avevano in mano. È stato lui a tirarle fuori più volte in conferenza stampa per smentire le versioni ufficiali del Cremlino. Una dottrina che in Blinken maturava da anni, fin da quando era vicesegretario di Stato nell’amministrazione di Barack Obama, come ha raccontato in una intervista del 2017 alla rete televisiva americana Pbs, ricordando un colloquio telefonico a cui ha assistito nell’ufficio ovale della Casa Bianca fra Obama e Putin a proposito della prima invasione russa dell’Ucraina, quella del 2014.

William Burns William Burns

 

«Putin mentiva apertamente, negando la presenza delle sue forze in Ucraina», ricorda Blinken nell’intervista. «E Obama gli rispondeva: “Vladimir, non siamo ciechi, abbiamo occhi, possiamo vedere”. Ma Putin continuava a parlare facendo finta di niente. Sentivamo di avere bisogno di una strategia contro le sue menzogne, ma non sapevamo quale». Cinque anni più tardi, promosso segretario di Stato dal presidente Biden, Blinken l’ha trovata, comprendendo che contro le fake news dei dittatori c’è un solo mezzo: mostrare al mondo intero tutte le prove contro di loro.

 

OBAMA PUTIN OBAMA PUTIN

Così, alla vigilia dell’invasione dell’Ucraina nel febbraio 2022, gli Usa hanno contraddetto le affermazioni del presidente russo, secondo cui le truppe russe stavano svolgendo esercitazioni alla frontiera e non c’era alcuna intenzione di invadere. Le dettagliate foto satellitari pubblicate dagli Stati Uniti dimostrarono che il capo del Cremlino mentiva, e al tempo stesso permisero alla popolazione ucraina di sapere che cosa si stesse preparando. E in seguito le informazioni dell’intelligence Usa hanno aiutato a mettere Putin sotto processo per i crimini di guerra commessi dalle sue truppe a Bucha […]

 

massacro bucha associated press e frontline pbs massacro bucha associated press e frontline pbs

La differenza, nel conflitto tra Iran e Israele, è che Teheran ha annunciato fin da subito che avrebbe risposto al bombardamento […] Ma gli Stati Uniti, rendendo pubblici i piani dei Pasdaran, hanno probabilmente contribuito a contenerli entro certi limiti. È stato come avvertire qualcuno che sta per commettere una violenza: ti teniamo d’occhio e siamo pronti a fermarti.

 

Anche per questo, sentendosi scoperto, l’attacco iraniano, pur senza precedenti, è stato dimostrativo più che diretto a infliggere danni reali a Israele. […] la pubblicazione anticipata dei piani iraniani può avere esercitato pressioni su Teheran per una risposta calibrata, in modo da non scatenare una piena guerra fra i due Paesi. […]

massacro bucha associated press e frontline pbs 9 massacro bucha associated press e frontline pbs 9 IRON DOME - LO SCUDO CHE PROTEGGE ISRAELE IRON DOME - LO SCUDO CHE PROTEGGE ISRAELE I DETTAGLI DELL ATTACCO DELL IRAN A ISRAELE I DETTAGLI DELL ATTACCO DELL IRAN A ISRAELE PUTIN OBAMA 1 PUTIN OBAMA 1

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - CHE SUCCEDE SE IL 10 GIUGNO, APERTE LE URNE, IL DIVARIO TRA M5S E PD RISULTASSE MOLTO FORTE, O ADDIRITTURA ELLY SCHLEIN RIUSCISSE A DOPPIARE LA PERCENTUALE DEI 5STELLE? - I SOGNI DI GLORIA DI CONTE "LEADER DELLA SINISTRA” FINIREBBERO NEL CESTINO DELLE AMBIZIONI SBAGLIATE MA SOPRATTUTTO COMINCEREBBE LA GUERRA CIVILE NEL MOVIMENTO - CONTE HA CONTRO LA NOMENKLATURA CHE È STATA TAGLIATA FUORI DALLA NORMA DEL DOPPIO MANDATO: FICO, FRACCARO, BONAFEDE, BUFFAGNI, TAVERNA, RAGGI, DI BATTISTA, TUTTI MIRACOLATI CHE SI ERANO ABITUATI ALLA CUCCAGNA PARLAMENTARE DEI 15 MILA EURO AL MESE - ALL’OSTILITÀ DEI REDUCI E COMBATTENTI DEL GRILLISMO CON AUTO BLU, AGGIUNGERE LA FRONDA DEI PENTASTELLATI CHE NON HANNO PER NULLA DIGERITO L’AUTORITARISMO DI CONTE QUANDO HA SCELTO I SUOI FEDELISSIMI DA PIAZZARE IN LISTA PER LE EUROPEE, SENZA PASSARE DALLE SELEZIONI ONLINE E FACENDOLI VOTARE DAGLI ATTIVISTI IN UN ELENCO BLOCCATO... 

"NELLA CHIESA C'È TROPPA ARIA DI FROCIAGGINE" - IERI DAGOSPIA HA SANTIFICATO LA SANTA DOMENICA CON UNO SCOOP SU BERGOGLIO COATTO CHE OGGI IMPAZZA SU TUTTI I SITI (A PARTE ''REPUBBLICA'') - PAPALE PAPALE: I VESCOVI DEVONO SEMPRE   "METTERE FUORI DAI SEMINARI TUTTE LE CHECCHE, ANCHE QUELLE SOLO SEMI ORIENTATE"  - LO RIFERISCONO PARECCHI VESCOVI ITALIANI INTERVENUTI ALL’ASSEMBLEA GENERALE DELLA CEI, DOVE PAPA FRANCESCO HA RIBADITO PUBBLICAMENTE, MA A PORTE CHIUSE, LA SUA NOTA CONTRARIETÀ AD AMMETTERE AL SACERDOZIO CANDIDATI CON TENDENZE OMO - BERGOGLIO NON È NUOVO A UN LINGUAGGIO SBOCCATO. DURANTE LA RECENTE VISITA A VERONA, HA RACCONTATO UNA STORIELLA… - VIDEO