ANCHE OGGI MEDVEDEV HA ESAGERATO CON LA VODKA! – IL VICE-PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DI SICUREZZA RUSSO TORNA AD ATTACCARE L’OCCIDENTE: “IL LIVELLO DEI POLITICI È CADUTO IN BASSO. È CHIARO A TUTTI CHE MARIO DRAGHI NON È SILVIO BERLUSCONI E OLAF SCHOLZ NON È ANGELA MERKEL” – “I GRANDI LEADER DEL PASSATO NON ERANO RUSSOFOBI, E SONO STATI SOSTITUITI DA UNA NUOVA GENERAZIONE DI PERSONE DEBOLI CHE SI DEFINISCONO TECNOCRATI…”

-

Condividi questo articolo


Estratto da www.lastampa.it

 

SILVIO BERLUSCONI DMITRY MEDVEDEV SILVIO BERLUSCONI DMITRY MEDVEDEV

Il livello dei politici occidentali è «caduto in basso» e «l'ho visto con i miei occhi negli ultimi 20 anni». In Europa, ad esempio, «non c'è nemmeno traccia di personaggi politici del livello di Helmut Kohl, Jacques Chirac o Margaret Thatcher» e «senza offesa per nessuno, ma è chiaro a tutti che Mario Draghi non è Silvio Berlusconi, e Olaf Scholz non è Angela Merkel».

 

Parole del vice presidente del Consiglio di sicurezza della Federazione russa, Dmitri Medvedev, che in un nuovo messaggio su Telegram torna a scagliarsi contro l'Europa. Secondo l'ex premier ed ex presidente russo, i grandi leader del passato, che «non sono mai stati russofobi», sono stati sostituiti da una nuova generazione di «persone deboli» che «convenzionalmente si definiscono tecnocrati.

 

DMITRY MEDVEDEV ANGELA MERKEL DMITRY MEDVEDEV ANGELA MERKEL

Alcuni di loro sono specialisti abbastanza qualificati, ma niente di più. E qui sta il problema! Queste persone sono in grado di formulare correttamente un'idea, dare istruzioni precise agli assistenti. Ma non sono in grado di assumersi la responsabilità». «Cercano di nascondersi, sviare, parlare delle congiunture, addirittura dei cambiamenti climatici ma non prendono una decisione. Oppure la prendono con un ritardo catastrofico. E questo già è un guaio totale».

dmitri medvedev vladimir putin dmitri medvedev vladimir putin MARIO DRAGHI JOE BIDEN MARIO DRAGHI JOE BIDEN DMITRY MEDVEDEV DMITRY MEDVEDEV

 

Condividi questo articolo

politica

DAGONOTA - NON SI CAPISCE PERCHE’ TRAVAGLIO, PADELLARO E GRULLINI VARI SIANO FURIOSI CON DRAGHI PER I GIUDIZI SU CONTE: VISTO CHE L'INTERLOCUTORE DEL PREMIER ERA GRILLO, DOVEVA ESSERE IL GARANTE DEL MOVIMENTO IL PRIMO A SFANCULARLO CON UN VIBRANTE "FATTI I CAZZI TUOI!" - MA CONTE E TRAVAGLIO NON S'INCAZZANO DIRETTAMENTE CON GRILLO: HANNO PAURA? LA VERITA’ E’ CHE BEPPEMAO E' CONTRO L'USCITA DAL GOVERNO E CON IL SUO NO ALLE DEROGHE AL SECONDO MANDATO HA PRATICAMENTO ANNIENTATO IL PARTITO DI CONTE...