ARCHEO - QUANDO RENZI E GRILLO SI INCONTRARONO DURANTE LE CONSULTAZIONI PER LA FORMAZIONE DEL GOVERNO NEL 2014 - FU UNO SCAMBIO D’AMORE CHE DURO’ MENO DI 10 MINUTI: “BEPPE, ESCI DA QUEL BLOG. C’E’ BISOGNO DI AFFRONTARE LE QUESTIONI REALI”, “RAPPRESENTI UN POTERE MARCIO, NON SEI CREDIBILE” - VIDEO

-

Condividi questo articolo
 

 

 

Da https://www.blitzquotidiano.it

 

GRILLO RENZI 2 GRILLO RENZI 2

Matteo Renzi e Beppe Grillo, il 19 Febbraio 2014 si incontrarono durante le consultazioni per la formazione del nuovo Governo. L’incontro tra i due venne trasmesso in streaming dalla Camera dei Deputati: “Beppe esci da questo blog, questo è un luogo dove c’è il dolore vero delle persone, c’è bisogno di affrontare le questioni reali” fu la famosa frase pronunciata da Matteo Renzi all’indirizzo di Beppe Grillo. Il fondatore del Movimento 5 Stelle rispose senza mezzi termini: “Rappresenti un potere marcio non sei credibile, non ti dò la fiducia”.

 

GRILLO RENZI GRILLO RENZI

L’incontro tra i due durò meno di 10 minuti ed a parlare fu quasi soltanto Beppe Grillo. L’incontro Renzi-Grillo fu soltanto questo, con il leader M5s (allora fortissimo e convintissimo di non doversi alleare con nessuno) che arrivò alla Camera senza nessuna intenzione di confrontarsi su nulla.

 

Come da protocollo a parlare per primo fu Renzi: “Vi ringrazio di aver accettato l’invito alla consultazione. Per quello che ci riguarda non vi chiediamo alcun accordo vecchio stile, non siamo a chiedervi la fiducia”.

 

Grillo replicò subito alzando i toni: “Mi stai spiazzando per questa gentilezza, se non mi chiedi nulla allora perché siamo venuti?”. 

 

RENZI GRILLO STREAMING RENZI GRILLO STREAMING

Ancora Grillo: “Siamo qua per essere totalmente indignati con quello che rappresenti. Non sei credibile, rappresenti De Benedetti, vuoi essere giovane ma non sei giovane“.

 

Renzi, a questo punto provò più volte a fermare il monologo del comico-politico, chiedendo di parlare. Alla fine Grillo gli concesse un minuto dopo aver però detto questa frase: “Non ho tempo per te, non sono democratico”.

 

grillo renzi grillo renzi

Il minuto, in realtà durò però molto meno, con Renzi che riuscì a dire soltanto questa frase: “Sei un incrocio tra Gasparri e la Biancofiore. Ma sei qui perché il tuo popolo ti ha detto di venire. In 30 secondi ti dico: vogliamo superare le province, il Senato e il Titolo V della Costituzione”.

 

“Non è vero – rispose secco Grillo. – Non ti sto provocando. La nostra stima non ce l’hai. Non ha neanche un’idea di come potrebbe essere il mondo. Non ce l’hai un’idea. Le rinnovabili non sai neanche cosa sono”.

 

INCONTRO IN STREAMING TRA RENZI E GRILLO INCONTRO IN STREAMING TRA RENZI E GRILLO

“Io pagavo il biglietto per venire ai tuoi spettacoli” replicò Renzi, quasi a voler supplicare Grillo.  Che però rispose dicendo: “Non ho nessuna fiducia in te e nel tuo sistema”.

 

“Caro Beppe esci da questo blog, questo è un luogo dove c’è il dolore vero delle persone”, la replica secca di Renzi. Grillo rispose ancora sarcastico e a quel punto fu Renzi a decidere che bastava così. L’allora leader del Pd decise quindi di alzarsi, stringere la mano a Grillo e congedarsi.

INCONTRO IN STREAMING TRA RENZI E GRILLO INCONTRO IN STREAMING TRA RENZI E GRILLO

 

Agenzia Vista di Alexander Jakhnagiev pubblica di nuovo il video dell’incontro che avvenne nel febbraio 2014:

 

Condividi questo articolo

politica

GENDARMI IMPROPRI - IL PAPA ACCETTA LE DIMISSIONI DI DOMENICO GIANI, DA 20 ANNI A CAPO DELLE GUARDIE VATICANE. ACCUSATO DI AVER DIFFUSO IL DOCUMENTO DELLE INDAGINI SULLE SPERICOLATE OPERAZIONI IMMOBILIARI E PETROLIFERE PAGATE CON L'OBOLO DI SAN PIETRO (QUEL FOGLIO È STATO INVIATO A 500 GENDARMI…), C’È CHI SOSPETTA CHE LA DIFFUSIONE FOSSE PROPRIO UN MODO PER COLPIRE IL COMANDANTE. L’AVER CONDOTTO INDAGINI E PERQUISIZIONI, IN QUESTI ANNI, GLI HA PROCURATO MOLTI NEMICI INTERNI…

VIDEO: IL LINCIAGGIO DELLA IENA FILIPPO ROMA ALLA FESTA DEI 5 STELLE, COLPITO DA SCHIAFFI E PUGNI E POI SALVATO DALLA POLIZIA - TRA CHI INVEISCE C'È ANCHE UNA CONSIGLIERA COMUNALE DI ROMA, CRISTIANA PACIOCCO, CHE URLA ''VERGOGNA VERGOGNA'', FA AVVICINARE LA IENA ALLA GRATA MENTRE UN SUO AMICO PROVA A MENARLO - PERCHÉ DI MAIO NE' IL MOVIMENTO DICONO UNA PAROLA SUI PICCHIATORI A 5 STELLE? L'INVIATO VOLEVA CHIEDERE CONTO ALLA RAGGI DELLO SCANDALO RIFIUTI, OVVERO FACEVA IL SUO LAVORO