Arriva la ’bomba’? Arriva, arriva, state tranquilli che arriva - fini si propone di entrare a gamba tesa negli ’affari’ di tremonti - Bersani starebbe pensando anche di riesumare il simbolo dell’Ulivo, oltre che il nome - marpionne se ne frega di Governo e Confindustria - Il Colle, ovvero la «prima magistratura dello Stato» dapprima ha difeso Fini a spada tratta. Poi più nulla. Se ne è via via distaccato. Ci sarà un motivo?...

Condividi questo articolo


Gianni Caracciolo per Italia Oggi

AndreaAndrea Tornielli

1 - Arriva la «bomba»? Arriva, arriva, state tranquilli che arriva. Con l\'avvio dei lavori parlamentari arriva la «bomba». Mediatica, s\'intende.

2 - Se Andrea Tornielli, vale a dire il vaticanista attualmente più vicino alle alte e altissime sfere vaticane, arriva a scrivere senza mezzi termini che «la chiesa scarica Fini», beh, fossi in Gianfranco mi preoccuperei, non molto, ma moltissimo.

E pure se fossi un cattolico che volesse avvicinarsi ai futuristi. Nel pezzo si legge, tra l\'altro:» Fini non ha alcun seguito nella Chiesa, non ha nessuno a cui appoggiarsi, il suo cambiamento di questi ultimi anni non lo riusciamo a capire...». Il giudizio, pronunciato da un alto e autorevole prelato d\'Oltretevere, non lascia spazio a dubbi. E dubbi in proposito non hanno ne i cardinali ne i vescovi, ovvero la Cei.

GIANFRANCOGIANFRANCO FINI

Siamo sicuri che dal Colle hanno apprezzato molto l\'improvviso dietrofront di Umberto Bossi che sta cercando, in tutti i modi, di recuperare Fini. Ma chi o cosa avrà fatto cambiare idea così repentinamente al senatur? Sarà stato solamente Berlusconi o la paura di Casini? (Bossi che ha paura di Casini? Non ci credo nemmeno se lo vedo).

PIERFURBYPIERFURBY CASINI

3 - Governo e Confindustria sono stati completamente ignorati dal mega discorso di Marchionne a Rimini. E la cosa è stata notata.

4 - Avvertite Tremonti (e, già che ci siete, pure Bossi) che, per la sua ripartenza settembrina, Gianfrancuccio Fini pensa proprio alle tematiche economico/sociali.
E quindi si propone di entrare a gamba tesa negli «affari» di Tremonti. Proprio come fece un anno fa con la «contromanovra» che tanto successo ebbe.

bossibossi

5 - Mission impossibile per il finiano Andrea Augello: convincere Fini a votare (e digerire...) il processo breve tanto caro a Berlusconi. Ci riuscirà? E intanto il Lazio è una delle poche regioni (sondaggi alla mano) dove i finiani farebbero il pieno di consensi e quindi rischierebbero di far perdere il senato al Pdl in caso di elezioni. Ma anche al comune di Roma i finiani si starebbero organizzando e presto potrebbero uscire allo scoperto.

AndreaAndrea Augello

6 - Udite udite: il pielle Bersani starebbe pensando anche di riesumare il simbolo dell\'Ulivo, oltre che il nome. Tra poco, ci manca solo che ci riproponga Prodi e poi siamo a posto.

BersaniBersani

7 - Il Colle, ovvero la «prima magistratura dello Stato» dapprima ha difeso Fini a spada tratta. Poi più nulla. Se ne è via via distaccato. Ci sarà un motivo?

8 - Fine delle vacanze e totonomine al via nel Lazio. In arrivo due mega direttori di dipartimento (fate bene attenzione perchè parliamo di stipendi da oltre 200mila euro l\'anno). Si fanno con insistenza i nomi di Luca Fegatelli (già direttore con Marrazzo ai «rifiuti») e del sempreverde Guido Magrini (saldamente al comando del tanto discusso bilancio della regione Lazio sin dal 1995). Per la serie: largo ai giovani...

BRUNOBRUNO VESPA

9 - E per finire: alzi la mano chi non ha pensato, almeno per un istante, che la boutade estiva di Vespa a Sanremo sia stato, in realtà, un tentativo come un\'altro per provare a distogliere l\'attenzione dei giornali dai guai dei Tulliani/Fini? Chi vuole salvare il soldato Fini?

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SALUTAME A CINECITTÀ: LA HOLLYWOOD DE’ NOANTRI TRASLOCA IN SICILIA – SE IL TAORMINA FILM FEST CHIAMA MARCO MÜLLER, A SIRACUSA SI APRONO GLI “STATI GENERALI DEL CINEMA”. UNA VACANZA A 5 STELLE PER UNA MAREA DI ADDETTI AI LAVORI (DA BUTTAFUOCO A MONDA, DA MUCCINO A CASTELLITTO, CRONISTI COMPRESI), PAGATA DALLA REGIONE (SCHIFANI) ED ENIT (SANTANCHE'), E SENZA COINVOLGERE QUEI BURINI DI SANGIULIANO E BORGONZONI, CHE HA LA DELEGA IN MATERIA DI CINEMA - SE FOSSE COSTRETTA ALLE DIMISSIONI, LA PITONESSA FA CIAK?...

“IL FOGLIO” METTE IL DITO NELLA PIAGA: “LAUDATI RIVELA CHE NESSUN ACCERTAMENTO NEI CONFRONTI DI CROSETTO È MAI STATO EFFETTUATO DALL’UFFICIO SOS DELLA PROCURA ANTIMAFIA: GLI ACCESSI SONO STATI EFFETTUATI SULLA BANCA DATI IN DOTAZIONE ALLA GUARDIA DI FINANZA, NEI CUI UFFICI PASQUALE STRIANO LAVORAVA TRE GIORNI A SETTIMANA” - ERGO: STRIANO ERA AL SERVIZIO DI DUE PADRONI: FINANZA E MAGISTRATURA; UN RUOLO AMBIVALENTE CHE GLI PERMETTEVA DI NON RENDERE CONTO A NESSUNO DEI SUOI ACCESSI ABUSIVI ALLE BANCHE DATI, FINO A QUANDO QUALCUNO DEI SERVIZI SEGRETI AVVERTÌ IL MINISTRO DELLA DIFESA CROSETTO CHE FECE L’ESPOSTO CHE DETTE VITA ALLO SCANDALO - CHI SI È INVENTATO IL DUPLEX FINANZA-DNA CHE VA AL DI LÀ DELLE PREROGATIVE DI LEGGE, QUINDI ILLEGALE? - PERCHE' LA MELONIANA CHIARA COLOSIMO NON HA ANCORA SENTITO IL BISOGNO DI INTERROGARE NON SOLO STRIANO, MA SOPRATTUTTO GIUSEPPE ZAFARANA, IL COMANDANTE GENERALE DELLE FIAMME GIALLE DAL 2019 AL 2023, DA CUI STRIANO ERA ALLE DIPENDENZE?

FLASH! – MENTRE TANTI CIANCIANO DEL TENERO PIER SILVIO A CAPO DI FORZA ITALIA (SUPREMA CAZZATA), NESSUNO SI È ACCORTO CHE IL VERO EREDE DI SILVIO BERLUSCONI SI CHIAMA MARINA. E’ LEI CHE HA DATO L’ORDINE ALL’INFORMAZIONE MEDIASET DI FINIRLA CON LE POMPE IN GLORIA DELLA MELONA. NON SOLO. APPROFITTANDO DELLA PRESENTAZIONE ROMANA DEL FILM SU ENNIO DORIS, SI E’ SPARATA LA SUA PRIMA “ARRINGA” IN VISTA DELLE EUROPEE. BERSAGLIO: GIORGIA E MATTEO: “VOTARE FORZA ITALIA SIGNIFICA VOTARE PER CHI AVRÀ UN RUOLO DA PROTAGONISTA: È L’UNICO A FAR PARTE DELLA GRANDE FAMIGLIA DEL PPE”