AVVOCATO VUOL DIRE CONNIVENTE? - DOPO CHE LA CORTE COSTITUZIONALE HA CANCELLATO LA CENSURA DELLA CORRISPONDENZA TRA I DETENUTI AL 41 BIS E I LORO LEGALI, "IL FATTO" HA TITOLATO "GENIALE: COSÌ I BOSS POTRANNO ORDINARE OMICIDI E STRAGI", FACENDO INCAZZARE LA GIUNTA DELLE CAMERE PENALI - "LIBERO": "I SOSTENITORI DELLA CAMPAGNA GIUSTIZIALISTA E MANETTARA CONFONDONO L'AVVOCATO CON IL CLIENTE" - IL CASO PITTELLI, AVVOCATO ED EX PARLAMENTARE, IN CARCERE PERCHE' ACCUSATO DI...

-

Condividi questo articolo


Roberto Cota per "Libero Quotidiano"

 

DETENUTI IN REGIME DI CARCERE DURO 41 BIS DETENUTI IN REGIME DI CARCERE DURO 41 BIS

La Corte Costituzionale ha dichiarato illegittima la norma che prevede la censura della corrispondenza tra cliente detenuto in regime di 41 bis e avvocato. La questione di costituzionalità, peraltro, era stata sollevata dalla Corte di Cassazione.

 

Il Giudice delle leggi ha osservato in sentenza come l'esercizio del diritto di difesa comprende il diritto di comunicare in modo riservato con i propri difensori. Tale diritto spetta a chi è recluso in carcere ed anche a chi è in regime di 41 bis. Direi tutto normale.

 

DETENUTI IN REGIME DI CARCERE DURO 41 BIS DETENUTI IN REGIME DI CARCERE DURO 41 BIS

L'anomalia era la limitazione precedentemente in essere, assolutamente non in linea con uno dei principi cardine dello stato di diritto. Inoltre, la Corte Costituzionale ha sostenuto che la tesi contraria rappresenterebbe "una generale ed insostenibile presunzione di collusione del difensore dell'imputato".

 

Senonché, nel successivo dibattito è intervenuto Il Fatto Quotidiano che con un titolo ad effetto ha così dato la notizia della decisione: "La Consulta cancella la censura della corrispondenza tra i detenuti al 41 bis e gli avvocati. Geniale: così i boss potranno ordinare omicidi e stragi".

 

SQUALIFICATI

MARCO TRAVAGLIO MARCO TRAVAGLIO

Oltre a sposare la tesi secondo la quale chi è in regime di 41 bis non deve avere neppure il diritto di difendersi, il giornale di Travaglio, nella sostanza, qualifica tutti gli avvocati come mafiosi.

 

I sostenitori della campagna giustizialista e manettara utilizzano adesso un nuovo argomento: quello di confondere l'avvocato con il cliente. Se l'avvocato difende un mafioso è un mafioso. Lo schema delegittimante, purtroppo, è quello tipico dei sistemi antidemocratici, dove la figura del difensore viene relegata ad inutile e fastidioso orpello.

 

MARCO TRAVAGLIO MARCO TRAVAGLIO

TENDENZA

La Giunta delle Camere Penali ha giustamente reagito, ma questa tendenza sta prendendo piede, non soltanto sulle pagine de Il Fatto e non sempre può arrivare la Corte Costituzionale a sistemare le cose.

 

Il recente caso Pittelli è emblematico. Pittelli, avvocato ed ex parlamentare, è in carcere perché accusato di aver concorso, nel difendere dei clienti appartenenti alla ndrangheta, nei reati dei propri assistiti.

 

detenuti carcere 5 detenuti carcere 5

La materia è delicata, ma il problema del perimetro del lavoro del difensore va affrontato e non lasciato al caso. La politica, come al solito, ha la tendenza a non occuparsi delle questioni, soprattutto quelle spinose.

 

Il rapporto professionale avvocato-cliente dovrebbe essere rispettato e tutelato perché siamo in un paese democratico dove i diritti fondamentali hanno ancora un senso. Nei mesi scorsi c'è stata una sacrosanta mobilitazione per chiedere all'Egitto il rispetto dei diritti umani nel caso Zaki: da noi è tutto a posto?

 

Condividi questo articolo

politica

SILVIO BERLUSCONI, PERCHÉ CHIAMARLO ANCORA CAVALIERE? – FRANCESCO MERLO PROPONE L’ANTOLOGIA DI NOMIGNOLI CON CUI APPELLARE IL BANANA: “NANEFROTTOLO, PSICONANO, CAIMANO, CAINANO, SILVIOLO, AL TAPPONE, BELLICAPELLI, BERLOSCO, BERLUSCA, BERLUSCAZ, BURLESQUONI, BUNGAMAN, CAVALIER BANANA, CAVALIERE DEL CIALIS, CAVOLIERE, PAPINO, IL RIFATTO DI DORIAN GRAY, PAPINO IL BREVE, PIRLUSCONI, PSICOPAPI, REO SILVIO, SUA BREVITÀ, SUA EMITTENZA, SUA IMPUNITÀ, TESTA D'ASFALTO, VIAGRASCONI, BERLUSCKAISER, L'UNTO DEL SIGNORE, ER CATRAME, FROTTOLINO AMOROSO…”

E’ TORNATO L’ASILO MARIUCCIA – LITE DA POPPANTI TRA CARLO CALENDA E MATTEO SALVINI – IL “CHURCHILL DEI PARIOLI” SMONTA L’INTENZIONE DI SALVINI DI VOLARE A MOSCA: “PIANTALA DI DIRE CAZZATE, PERCHÉ LA GUERRA È UNA COSA SERIA E DRAMMATICA. QUINDI VAI A BACIARE IL CACIOCAVALLO, SALUTA LE MUCCHE SULLA SPIAGGIA E LASCIA LAVORARE GLI ADULTI” – LA REPLICA DEL LEGHISTA: “CALENDA DICE CHE NEPPURE SU MARTE DAREBBERO INCARICHI DI GOVERNO AL M5S E CHE SAREBBE PREFERIBILE FDI? ALLORA GLI CONSIGLIO DI ANDARE A VIVERE SU MARTE, IN COMPAGNIA DELLA MELONI…”

"L'ALLEANZA M5S-PD NON FUNZIONA E SE A METÀ GIUGNO VERRÀ MESSA LA FIDUCIA SUL DECRETO AIUTI, TORNERÒ A FARE IL SENATORE…" – IL CAPODELEGAZIONE M5S AL GOVERNO E MINISTRO DELL’AGRICOLTURA, STEFANO PATUANELLI, CERTIFICA L’INSOFFERENZA RECIPROCA TRA DEM E GRILLINI: “NON POSSIAMO STARE ASSIEME SOLO NELLA CONVINZIONE CHE NON DEVONO GOVERNARE GLI ALTRI. CI SONO TROPPI SCONTRI. PARTIAMO DAL PROGETTO PER LA SICILIA, NON DAI NOMI – L’INCENERITORE A ROMA? ADESSO È EVIDENTE CHE TUTTE LE CRITICHE CHE VENIVANO FATTE A VIRGINIA RAGGI ERANO ASSOLUTAMENTE STRUMENTALI…”

LA SOLITA “SALVINATA” – PRIMA IPOTIZZA UN VIAGGIO DIPLOMATICO A MOSCA, POI SALVINI E’ COSTRETTO A FARE DIETROFRONT: “NON HO CERTEZZE CHE CI ANDRÒ, CI STIAMO LAVORANDO. E SI VA SE SERVE, CERTEZZE NON CE NE SONO” – NEL FRATTEMPO SI SONO INCAZZATI TUTTI, DALL’IPER-ATLANTISTA GUERINI (“VIAGGIO IMPROBABILE, NO COMMENT”) A ENRICO LETTA (“VUOLE ANDARE DOVE GLI BATTE IL CUORE”) – IL GELO DI DRAGHI CERTIFICATO DALLE VOCI DI PALAZZO CHIGI: “E’ UNA NOTIZIA CHE SI COMMENTA DA SOLA”