BEATO LUI - PAOLO VI COME LICVIO GELLI: DA IERI E’ “VENERABILE” - NEL 2013 LA BEATIFICAZIONE? - LA CONGREGAZIONE DELLE CAUSE DEI SANTI STUDIERA’ LA GUARIGIONE DI UN FETO NEL 1996 - QUALCHE RISERVA DAI TRADIZIONALISTI: “FORSE ASSECONDÒ TROPPO I MOTI IDEOLOGICI DEL TEMPO” - PER “VATICAN INSIDER” LE VOTAZIONI DEI TEOLOGI E DEI CARDINALI SULL’EROICITÀ DELLE VIRTÙ DI PAOLO VI SONO STATE ANZI UNANIMI…

Condividi questo articolo


Marco Ansaldo per "la Repubblica"

giovanni battista montini paoloVIgiovanni battista montini paoloVI

Da ieri è "venerabile". Ma presto, forse già il prossimo anno, anche Paolo VI, come altri Pontefici, diverrà beato. Gli "manca" un miracolo, o meglio, l'approvazione di un gesto miracoloso. Ma si sta provvedendo.

Ieri il primo passo, quando il Papa attuale, Benedetto XVI ha ufficialmente firmato il decreto che riconosce l'eroicità delle virtù di Giovanni Battista Montini, dichiarato dunque "venerabile". Il postulatore che ha lavorato alla sua causa, padre Antonio Marrazzo, ha preparato la documentazione da sottoporre alla Congregazione delle Cause dei Santi. Il fascicolo si concentra soprattutto su un caso, e cioè la guarigione di un feto, avvenuta nel 1996 in California.

Paolo VI MontiniPaolo VI Montini

Durante quella gravidanza, i medici avevano riscontrato nel feto un problema grave. E per possibili conseguenze cerebrali il consiglio dato alla madre era stato quello dell'eventualità di abortire. La donna però volle ugualmente continuare la gravidanza, affidandosi all'intercessione di Paolo VI, Pontefice nel quale la giovane madre aveva una grande fiducia. Il bambino nacque infine senza problemi. Allo studio delle Cause dei Santi c'è anche una seconda guarigione, finora ritenuta inspiegabile, riguardante una suora affetta da un tumore, anch'essa molto devota nei confronti del Pontefice bresciano.

montini paolo VImontini paolo VI RATZINGER PAPA BENEDETTO XVIRATZINGER PAPA BENEDETTO XVI

Montini, che nacque a Concesio (BS) il 26 settembre 1897 e morì a Castel Gandolfo il 6 agosto 1978, e portò a conclusione il Concilio Vaticano II, fu il Pontefice dell'"Humanae vitae", l'enciclica in cui la Chiesa esprimeva il suo "no" alla contraccezione chimica.
Negli ambienti della Chiesa non tutti però concordano con la scelta di innalzare Paolo VI. «Fino a quando la firma del Sommo Pontefice non sarà apposta al decreto - scriveva ieri ad esempio il sito "Messainlatino. it" - noi continueremo a esprimere fortissime riserve in merito a tale inopportuna decisione».

BENEDETTO XVIBENEDETTO XVI

Secondo i tradizionalisti Montini, non reggendo il peso delle pressioni anche all'interno della Curia, «forse assecondò troppo i moti ideologici del tempo e indulse troppo nel voler
compiacere i falsi amici della Chiesa (interni ed esterni)». Il sito tuttavia non nega «i molti gesti e discorsi di Papa Montini, a difesa della Chiesa», il quale «accusò pubblicamente che invece della primavera, lo spirito del Concilio aveva provocato l'inverno. E denunciò che il fumo di Satana era entrato nella Chiesa». «Messainlatino.it» assicura perciò che se Joseph Ratzinger firmerà il decreto per il miracolo, e dunque Paolo VI sarà beato, non si leveranno voci di protesta dai cattolici tradizionalisti.

PAPA RATZINGER BENEDETTO XVIPAPA RATZINGER BENEDETTO XVI

Secondo il sito "Vatican Insider" le votazioni dei teologi e dei cardinali sull'eroicità delle virtù di Paolo VI sono state anzi unanimi. Montini potrebbe essere innalzato agli altari nel 2013. E dunque a 50 anni esatti dalla sua elezione al Pontificato, che avvenne nel 1963, alla morte di Giovanni XIII. Una cerimonia che potrebbe anche rappresentare il culmine dell'Anno della Fede, indetto dal Papa attuale, ripetendo proprio quello celebrato da Paolo VI nel 1967-1968.

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – CHI SOGNA IL RITORNO DI TRUMP ALLA CASA BIANCA? DI CERTO NETANYAHU ED EMIRATI ARABI UNITI, MA TRA LE VEDOVELLE DI “THE DONALD” NON C’È PUTIN. “MAD VLAD” PREFERISCE IL PREVEDIBILE NEMICO BIDEN A QUEL MATTACCHIONE INAFFIDABILE DEL TYCOON (CHE GIUSTO IERI HA INVOCATO LE BOMBE AMERICANE SU MOSCA). UNA DIFFIDENZA POTENZIALMENTE UTILE A “SLEEPY JOE”: IL CREMLINO POTREBBE “CONCEDERGLI” LA PACE IN UCRAINA PER EVITARE IL RITORNO DI TRUMP – E LA MELONI? TIENE IL PIEDE IN DUE STAFFE: MANDA I SUOI ALLA CONVENTION CPAC, MA SI FA DARE I BACETTI DA BIDEN…

FLASH! - FIAMME GIALLE IN FIAMME: AVVISATE ANDREA DE GENNARO CHE IL GENERALE FRANCESCO GRECO NON GRADISCE PER NIENTE L'EVENTUALE INCARICO AL COMANDO AERO-NAVALE; SI ILLUDEVA DI ANDARE AL COMANDO INTERREGIONALE DI ROMA - AVVISATE MANTOVANO CHE L'EX DIRETTORE DELL'AISE LUCIANO CARTA, FINITO PRIMA A LEONARDO, POI BOCCIATO DA TIM COME UOMO DI VIVENDI, ORA ALL'AGENZIA DI STAMPA LA PRESSE, NON HA PERSO LA SPERANZA DI OCCUPARE LA PRESIDENZA DI UNA AZIENDA PUBBLICA. E HA RIPRESO A INCONTRARE I SUOI VECCHI AMICI (CARAVELLI & C.)

DAGOREPORT – ASPETTANDO IL VOTO, MACRON E SCHOLZ HANNO TROVATO UN ACCORDO DI MASSIMA: SILURATA URSULA ED ESCLUSA OGNI ALLEANZA CON LA MELONI, I DUE LASCERANNO AL PPE, GRUPPO DI MAGGIORANZA, L’ONERE DI TROVARE UN NOME ALTERNATIVO A VON DER LAYEN PER LA COMMISSIONE (NO A WEBER, UN PO' TROPPO DI DESTRA, IN POLE IL BAVARESE SÖDER) – I SOCIALISTI PUNTANO ALLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO EUROPEO, DOVE SANCHEZ FA PRESSIONE SU SCHOLZ PER IL PORTOGHESE COSTA. MA SE LA SCELTA RICADESSE SUI LIBERALI, MACRON PROPORREBBE MARIO DRAGHI - MORALE DELLA FAVA: ALLA FACCIA DEL CAMALEONTISMO, LA DUCETTA IN EUROPA SARA' IRRILEVANTE...

DAGOREPORT – GIORGETTI È DISPERATO: NON SA DOVE TROVARE I SOLDI PER LA PROSSIMA FINANZIARIA (SI PRESENTA A OTTOBRE MA ANDAVA CUCINATA IERI), MENTRE I PARTITI DELLA MAGGIORANZA, IN PIENA SBORNIA DA EUROPEE, SPARANO PROMESSE IRREALIZZABILI. MA DOPO IL 9 GIUGNO SI CHIUDERA' IL CORDONE DELLA BORSA: E SARANNO BOTTI TRA GIORGETTI E IL PERICOLANTE SALVINI (LEGA VICINA ALL'IMPLOSIONE) – "MELONI, DETTA GIORGIA" SI ILLUDE DI POTER RIDISCUTERE L'INSOSTENIBILE PATTO DI STABILITÀ, BARATTANDOLO ALLA RATIFICA DEL MES - MA A BRUXELLES LA REGINA DI COATTONIA SARA' IRRILEVANTE (I VOTI DI ECR NON SERVIRANNO PER LA COMMISSIONE UE) E GLI EURO-POTERI PREPARANO GIA' UNA BELLA PROCEDURA D'INFRAZIONE PER L'ITALIA – LA PREOCCUPAZIONE DELL'UE PER LA DEBOLEZZA STRUTTURALE DELL’ECONOMIA ITALIANA: NEMMENO I MOLTI MILIARDI DEL PNRR STANNO FACENDO VOLARE IL PIL...