BERGOGLIO VA DA PUTIN? - CI SONO STATI CONTATTI TRA IL SEGRETARIO DI STATO VATICANO PIETRO PAROLIN E IL MINISTRO DEGLI ESTERI RUSSO, SERGHEI LAVROV, PER UN VIAGGIO PAPALE A MOSCA - SE A SETTEMBRE IL PONTEFICE RIUSCISSE NELL'IMPRESA DI ANDARE IN RUSSIA SI TRATTEREBBE DI UN VIAGGIO STORICO - NELLE SCORSE SETTIMANE IL CREMLINO HA RINGRAZIATO PUBBLICAMENTE IL PAPA PER LA SUA POSIZIONE SULLA GUERRA IN UCRAINA: BERGOGLIO HA DETTO CHE IN QUESTO CONFLITTO ESISTE UN AGGRESSORE MA NELLO STESSO TEMPO HA CONDANNATO IL “L’ABBAIARE" DELLA NATO AI CONFINI RUSSI…

-

Condividi questo articolo


PUTIN BERGOGLIO PUTIN BERGOGLIO

Paolo Rodari per “la Repubblica”

 

Ci sono stati contatti tra il cardinale segretario di Stato vaticano Pietro Parolin e il ministro degli Esteri russo, Serghei Lavrov, su un possibile viaggio papale a Mosca. Lo dice direttamente Papa Francesco in un'ampia intervista concessa a Reuters . I segnali all'inizio non sono stati buoni, dice; si è provato a organizzare questo possibile viaggio per la prima volta diversi mesi fa, ma Mosca ha risposto sostenendo che non era il momento opportuno.

 

PAPA BERGOGLIO E VLADIMIR PUTIN PAPA BERGOGLIO E VLADIMIR PUTIN

Francesco ha tuttavia lasciato intendere che adesso qualcosa potrebbe essere cambiato in meglio: «Vorrei andare in Ucraina, e volevo prima andare a Mosca. Ci siamo scambiati dei messaggi a questo proposito, perché pensavo che se il presidente russo mi avesse concesso una piccola finestra per servire la causa della pace... E ora è possibile, dopo il mio ritorno dal Canada, che io riesca ad andare in Ucraina.

 

La prima cosa da fare è andare in Russia per cercare di aiutare in qualche modo, ma vorrei andare in entrambe le capitali». Se a settembre davvero Francesco riuscisse nell'impresa di volare a Mosca si tratterebbe di un viaggio destinato a entrare nella storia. Mai un Pontefice c'era riuscito prima. Da tempo i rapporti ecumenici con la Chiesa ortodossa di Mosca sono aperti e molti scogli superati.

BERGOGLIO PUTIN PADRE GEORG BERGOGLIO PUTIN PADRE GEORG

 

Nelle scorse settimane Mosca ha lanciato segnali positivi verso il Vaticano ringraziando pubblicamente il Papa per la sua posizione equilibrata sulla guerra in Ucraina. Bergoglio ha detto chiaramente che in questo conflitto esiste un aggressore, ma nello stesso tempo ha condannato il "vociare" della Nato ai confini occidentali della Russia.

Le parole del Papa in ogni caso tolgono ogni dubbio circa le sue imminenti dimissioni. «Non mi è mai passato per la testa. Per il momento no.

 

Putin e Papa Francesco a novembre Putin e Papa Francesco a novembre

Dio lo dirà», spiega. Circolavano suggestioni secondo cui alcuni appuntamenti recenti o programmati (il Concistoro di fine agosto, la vista all'Aquila dove è sepolto Celestino V, il Papa che si dimise nel 1294) potevano significare una vicina rinuncia al pontificato; ma Francesco smentisce: «Tutte queste coincidenze hanno fatto pensare ad alcuni che la stessa "liturgia" sarebbe avvenuta. Ma non mi è mai passato per la testa. Per il momento no, per il momento no. Davvero!».

 

Allo stesso tempo, come già più volte in questi anni, il Vescovo di Roma afferma che la possibilità di dimettersi esiste - in particolare dopo la scelta di Benedetto XVI nel 2013 - nel caso la salute gli rendesse impossibile proseguire nel suo ministero. Ma sulla eventuale tempistica dichiara: «Non lo sappiamo. Dio lo dirà».

INCONTRO TRA PUTIN E BERGOGLIO INCONTRO TRA PUTIN E BERGOGLIO Putin e il Papa lo scorso novembre Putin e il Papa lo scorso novembre

 

Condividi questo articolo

politica

“CALENDA MI SEMBRA UN BIPOLARE CON DISTURBO DI PERSONALITÀ. È ‘BULLO DA SOLO’” - DAGO FA LA MESSA IN PIEGA AI POLITICI: “LETTA HA TANTI DIFETTI: NON HA CAPITO CHE BISOGNA PARLARE PER SLOGAN - RENZI HA IL CARATTERE DI UN PROVINCIALE FRUSTRATO, CHE VORREBBE FARSI ACCETTARE, NON CI RIESCE E FA LO SPACCONE - CONTE? NON SI È RESO CONTO CHE GRILLO GLI STA RESETTANDO IL M5S E ASPETTA CHE PASSI IL SUO CADAVERE - SALVINI E BERLUSCONI? NESSUNO DETESTA GIORGIA MELONI COME LORO. QUESTI NON HANNO CAPITO CHE L’ITALIA È UN PAESE A SOVRANITÀ LIMITATA. TUTTO SI DECIDE A BRUXELLES O A WASHINGTON. SE LAGARDE SMETTE DI COMPRARE BOT ITALIANI, FINIAMO CON IL SEDERE PER TERRA - LE ELEZIONI ITALIANE SARANNO OSSERVATE DALL’INTELLIGENCE DI TUTTO IL MONDO"

AGENTI DELL'FBI HANNO FATTO VISITA NELLA RESIDENZA DI TRUMP IN FLORIDA GIA’ LO SCORSO APRILE. SECONDO LA “CNN” IN QUELL'OCCASIONE INCONTRARONO DUE AVVOCATI DEL TYCOON –L’ARCINEMICA NANCY PELOSI GONGOLA VELENOSA: “NESSUNO È AL DI SOPRA DELLA LEGGE, NEANCHE UN EX PRESIDENTE” – IL FIGLIO ERIC: “SONO STATO IO AD AVVERTIRE MIO PADRE SUL RAID. ERANO UNA TRENTINA, FORSE DI PIÙ. NON VOGLIONO CHE MIO PADRE VINCA ANCORA NEL 2024” – A QUESTO PUNTO THE DONALD RISCHIA DI NON POTERSI RICANDIDARE PERCHE’…

DI BATTISTA SCOPRE LE CARTE: “NON MI CANDIDO PERCHÉ TANTI NON MI VOGLIONO, DA GRILLO A FICO - CONTE E' STATO IL PIU' CORRETTO E ONESTO CON ME - POLITICAMENTE OGGI NON MI FIDO DI BEPPE GRILLO CHE FA DA PADRE PADRONE E IO SOTTO DI LUI NON CI STO - MI HANNO IMPEDITO DI FARE IL CAPO POLITICO DEL M5S EVITANDO DI VOTARE, QUANDO NON HANNO NEPPURE VOLUTO PUBBLICARE I VOTI DEGLI STATI GENERALI PERCHÉ IO AVEVO PRESO IL TRIPLO DEI VOTI DI DI MAIO - C'E' CHI SI INFILA IN SEDE PD PER ELEMOSINARE UN SEGGIO, NON SONO COME LORO - CREERÒ UN’ASSOCIAZIONE PER FARE POLITICA DA FUORI…” - IL VIDEO SFOGO DI DI BATTISTA

E’ STATA LA MANO DI GRILLO - LEGGENDO L’INTERVISTA DI CASALINO AL “CORRIERE” SI IMMAGINA CHE LA SUA MANCATA CANDIDATURA SIA FRUTTO DI UN GESTO DI RESPONSABILITÀ: “HO CAPITO CHE LA MIA PRESENZA IN LISTA AVREBBE SCATENATO POLEMICHE E L'ULTIMA COSA CHE VOGLIO È ARRECARE UN DANNO AL MOVIMENTO O A CONTE” - IN REALTÀ LO STOP A CASALINO, CHE DA ANNI SOGNA DI POGGIARE LE SUE NATICHE SULLO SCRANNO DI SENATORE, È ARRIVATO DA BEPPE GRILLO, CHE SI E’ VENDICATO CON CONTE PER IL TRATTAMENTO RISERVATO ALLA SUA COCCA VIRGINIA RAGGI - IL VIDEO CON IL "CHE GUEVARA DI ROMA NORD" SPIEGA LA MANCATA CANDIDATURA