IN BIRMANIA SI MUORE DAL CALDO E L’EX CAPO DEL CAPO DEL GOVERNO AUNG SAN SUU KYI LASCIA LA PRIGIONE: E’ STATA TRASFERITA AGLI ARRESTI DOMICILIARI. SI TRATTA DI UNA MISURA SANITARIA A CAUSA DELL'ONDATA DI CALORE CHE HA COLPITO IL PAESE - L’EX PREMIO NOBEL, 78 ANNI, ERA STATA INCARCERATA NEL 2021 DOPO IL COLPO DI STATO - SUU KYI STA SCONTANDO UNA PENA DETENTIVA DI 27 ANNI…

-

Condividi questo articolo


Estratti da repubblica.it

 

Aung San Suu Kyi Aung San Suu Kyi

L'ex capo del governo birmano Aung San Suu Kyi, premio Nobel per la pace nel 1991, incarcerata dal colpo di stato del 2021, è stata trasferita dalla prigione agli arresti domiciliari come misura sanitaria a causa dell'ondata di caldo, che ha colpito il Paese. Lo ha reso noto la Giunta militare al potere. Suu Kyi, 78 anni, e Win Myint, 72 anni, ex presidente del suo governo spodestato, sono tra i prigionieri anziani e malati trasferiti fuori dal carcere a causa del forte caldo, ha dichiarato il portavoce dell'esercito, il Maggior Generale Zaw Min Tun.

 

Suu Kyi sta scontando una pena detentiva di 27 anni nella capitale Naypyitaw per una serie di condanne penali che, secondo i suoi sostenitori e i gruppi per i diritti, sono state inventate per motivi politici. Win Myint stava scontando una condanna a otto anni di carcere a Taungoo, nella regione di Bago.

 

 

aung san suu kyi aung san suu kyi

Il portavoce della giunta birmana Zaw Min Tun ha affermato che il caldo ha spinto le autorità ad adottare misure per proteggere i detenuti vulnerabili. "Non solo Daw Aung San Suu Kyi e U Win Myint, ma anche alcuni vecchi prigionieri hanno ricevuto le cure necessarie a causa del clima molto caldo", ha detto Zaw Min Tun all'AFP.

 

I media locali hanno riferito che durante il processo durato mesi, Suu Kyi aveva sofferto di vertigini, vomito e talvolta non era stata in grado di mangiare a causa di un'infezione ai denti. Suo figlio Kim Aris ha detto all'AFP a febbraio che era ancora detenuta in un complesso appositamente costruito nella capitale militare Naypyidaw.

 

aung san suu kyi 2 aung san suu kyi 2

(…)

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)

DAGOREPORT - RINNEGANDO LE SVASTICHELLE TEDESCHE DI AFD, MARINE LE PEN SPERAVA DI NON ESSERE PIU' DISCRIMINATA DAGLI EURO-POTERI: MA CONTRO DI LEI C’È MACRON, CHE LA DETESTA - IL TOYBOY DELL’ELISEO HA LA LEADERSHIP DELL'UNIONE EUROPEA E DARÀ LE CARTE DOPO IL 9 GIUGNO. INSIEME CON SCHOLZ E IL POLACCO TUSK NON VUOLE LE DESTRE TRA LE PALLE: UNA SCHICCHERA SULLE RECCHIE DI GIORGIA MELONI, CHE, CON LA SUA ECR, SARÀ IRRILEVANTE E DOVRA' ACCONTENTARSI, AL PARI DI LE PEN, DI UN COMMISSARIO DI SERIE B – LA FUSIONE A FREDDO TRA GLI “IDENTITARI” DI LE PEN E I “CONSERVATORI” DELLA “SÒLA GIORGIA” POTREBBE AVVENIRE, MA SOLO DOPO LE ELEZIONI EUROPEE. MA TRA LE DUE CI SONO SOLO OPPORTUNISMI