CAMPIDOGLIO DEI FAMIGLI - POLEMICHE PER L’ASSUNZIONE DELLA COMPAGNA DELL'ASSESSORE AL BILANCIO, GIANNI LEMMETTI: LAVORERA’ NELLA SEGRETERIA DEL RESPONSABILE URBANISTICA, LUCA MONTUORI - LA RAGGI SI E’ INCAZZATA E VUOLE FERMARE TUTTO MA I GRILLINI LA UCCELLANO: “DIFFICILE CHE NON SAPESSE, I CONTENUTI DELLE DELIBERE, LE VENGONO SEMPRE ANTICIPATI” - CONGELATA UN’ASSUNZIONE DI MASSIMILIANO CAPO DA PARTE DEL COMUNE: PER “REPUBBLICA” ERA IL COMPAGNO DELL’ASSESSORE LORENZA FRUCI. LEI SMENTISCE MA…

-

Condividi questo articolo


1 - L'IRA DI RAGGI SU LEMMETTI: LA COMPAGNA ALL'URBANISTICA

Maria Egizia Fiaschetti per il “Corriere della Sera - Edizione Roma”

 

SILVIA DI MANNO E GIANNI LEMMETTI SILVIA DI MANNO E GIANNI LEMMETTI

Imbarazzo e nervi tesi in Campidoglio per l' assunzione di Silvia Di Manno, compagna dell' assessore al Bilancio Gianni Lemmetti, nella segreteria del responsabile dell' Urbanistica, Luca Montuori. Secondo la versione filtrata dal Campidoglio la sindaca, ignara della vicenda in quanto non avrebbe partecipato al voto in giunta per l' approvazione della nomina, sarebbe «infuriata».

 

Sopraffatta dagli attacchi degli avversari politici che gridano alla «lottizzazione», avrebbe chiesto il ritiro dell' atto o che la 46enne originaria di Pietrasanta (Lucca), libraia alla «Vela» di Viareggio, faccia un passo indietro. Tra i pentastellati, tuttavia, più di qualcuno si dice perplesso: «Chi le crede? Difficile che Virginia non sapesse, i contenuti delle delibere le vengono sempre anticipati».

 

gianni lemmetti e compagna foto di bacco gianni lemmetti e compagna foto di bacco

Il provvedimento protocollato 15 marzo, con la firma dell' assessore alle Risorse umane Antonio De Santis e di tre dirigenti, instaura un rapporto di lavoro a tempo determinato (23 mila euro l' anno) nello staff di Montuori: «Rilevato che tali mansioni, connotate da estrema delicatezza, necessarie per veicolare nella maniera migliore possibile tutte le iniziative poste in essere dall' assessorato, richiedono una figura in possesso di elevate doti di riservatezza e capacità di lavorare in team - è quanto si legge nel provvedimento - si evidenzia come sia ampiamente idonea a tale ruolo la figura professionale della dottoressa Silvia Di Manno, alla luce della formazione culturale e dell' esperienza professionale maturata in precedenti incarichi».

 

gianni lemmetti foto di bacco gianni lemmetti foto di bacco

Dalle opposizioni il consigliere di FdI Francesco Figliomeni, vicepresidente dell' assemblea capitolina, denuncia «l' ennesima e patetica sceneggiata di Raggi, che fa finta di cadere dalla nuvole»: dopo aver depositato due interrogazioni, ha inoltre presentato richiesta di accesso agli atti al titolare dell' Urbanistica: «Le sue giustificazioni non ci convincono. Vogliamo acquisire i curricula di tutti i candidati che si sono proposti, ai fini della selezione che l' esponente grillino sostiene di aver svolto».

 

GIANNI LEMMETTI GIANNI LEMMETTI

Figliomeni si è inoltre rivolto al Segretariato generale, per verificare se la nomina non sia incompatibile con lo Statuto di Roma Capitale. L' articolo 31 comma 3 prevede che i collaboratori assunti non possano avere vincolo affettivo con i titolari delle cariche: si sollevano dubbi, da chiarire, sul fatto che Lemmetti e Montuori siano entrambi nella «cabina di regia» sul Centro carni.

 

«Scandaloso questo criterio familistico - accusa Davide Bordoni (Lega) - . Sfumata la nomina e forse pure la liaison tra Fruci (Lorenza, assessora alla Cultura, ndr ) e il dj Alessandro Capo, si finalizza invece un posto nel Cda del Bioparco per Andrea Ciannavei, membro del collegio dei probiviri del M5S e legale della sindaca». Il capogruppo dem Giulio Pelonzi è pronto a convocare la commissione Trasparenza: «Vogliamo sapere in base a quali criteri siano state stabilite le nuove assunzioni e perché siano state selezionate figure così vicine alla squadra di Virginia Raggi».

LORENZA FRUCI A L ARENA DI GILETTI LORENZA FRUCI A L ARENA DI GILETTI

 

2 - L'ASSESSORA FRUCI "NON HO ASSUNTO MIO MARITO"

Da “la Repubblica”

 

«Massimiliano Capo non è stato assunto presso l' Amministrazione capitolina. Si rende noto inoltre che l'assessora Lorenza Fruci è nubile e non ha nessuna relazione con Capo se non, in passato, artistica e professionale» . Così, dal Campidoglio, replicano agli articoli sulla titolare del dossier Cultura e la nomina «congelata» di Massimiliano Capo.

 

lorenza fruci lorenza fruci

Risposta di “Repubblica”

 

Prendiamo atto della risposta del Comune. In nessuna delle repliche, però, si spiega il motivo del passo indietro sull' assunzione già messa nero su bianco e firmata dall'assessorato al Personale e da tre dirigenti capitolini. Se è vero che tra Lorenza Fruci e Massimiliano Capo non c'è alcuna relazione, cosa ha bloccato una nomina a quel punto legittima? Quando abbiamo provato a domandarlo all' assessora, ci è stata negata qualsiasi possibilità di dialogo. Restano, poi, foto e video prima pubblicati e poi spariti da Facebook e da YouTube. Nelle prime si vedevano Fruci e Capo inscenare un matrimonio, con tanto di auguri da parte di amiche e amici (che, se di fiction si tratta, devono essere stati a loro volta tratti in inganno). Nel filmato, l' assessora e il suo amico si chiamano «marito e moglie». Per quanto riguarda l' incarico, ci chiediamo infine perché Capo fosse già nella chat dei capistaff prima che la nomina venisse «congelata».

lorenza fruci lorenza fruci lorenza fruci lorenza fruci lorenza fruci lorenza fruci lorenza fruci lorenza fruci lorenza fruci compagna della raggi lorenza fruci compagna della raggi

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

PER ROMA È LA FINE DI UN’ERA: CHIUDE I BATTENTI “IL BOLOGNESE” (MA NON PER SEMPRE) – ALFREDO TOMASELLI E SUO FIGLIO ETTORE VENDONO LO STORICO RISTORANTE DI PIAZZA DEL POPOLO, DOVE IN OLTRE 60 ANNI SI SONO ATTOVAGLIATE CELEBRITÀ D'OGNI SORTA, CAPI DI STATO E STARLETTE, BOIARDI DELLA PRIMA REPUBBLICA E ASPIRANTI VIP ACCORSI SPERANZOSI DI FARSI VEDERE DALLA PIÙ REMOTA PROVINCIA – I TOMASELLI PASSANO LA MANO MA LA GLORIOSA INSEGNA RESTERÀ AI NUOVI PROPRIETARI: “RESISTERE AL DEGRADO DEL CENTRO DI ROMA ERA DIVENTATO TROPPO FATICOSO” – QUELLA VOLTA CHE GHEDDAFI TEMETTE DI ESSERE AVVELENATO…

FLASH! – CONFLITTO TOTALE: SALVINI ACCUSA GIORGETTI DI ESSERE LO ZERBINO DELLA DUCETTA E FIAMMA CANTANTE (ARIANNA, SCURTI, FAZZOLARI) - DAL SUPERBONUS RETROATTIVO AL PONTE SULLO STRETTO, DAL MES A DRAGHI A BRUXELLES, DALLA CANDIDATURA VANNACCI ALLE NOMINE IN CDP, I CONTRASTI NON SI CONTANO PIÙ - IL LEADER DELLA LEGA, SEMPRE PIU’ IN AFFANNO PER LA CRESCENTE DISAFFEZIONE DEGLI ELETTORI DEL CARROCCIO, COL SORPASSO DI FORZA ITALIA SUL COLLO, SI SPARA UN CONDONO AL GIORNO MANDANDO ALL’ARIA LE CORONARIE E LE CASSE VUOTE DEL MINISTRO DELL’ECONOMIA…

FLASH! – A BRUXELLES SI CHIEDONO BASITI: PERCHE’ LE BANCHE ITALIANE (DA INTESA A UNICREDIT) NON FANNO PRESSIONE SUL GOVERNO MELONI PER LA RATIFICA DELLA RIFORMA DEL MES? (L’ITALIA DELLA DUCETTA E’ L’UNICO PAESE SU 27 CHE L’HA RIFIUTATO) - IN FIN DEI CONTI, AGGIUNGONO I PARTNER EUROPEI, E’ UNA RIFORMA CHE TOCCA DA VICINO LE ISTITUZIONI CREDITIZIE PERCHE’, IN CASO DI UN EVENTUALE CRACK BANCARIO, DEVE SERVIRE AD EVITARE CHE I GOVERNI NAZIONALI SIANO COSTRETTI A METTERE LA MANO AL PORTAFOGLIO DEI CITTADINI…

DAGOREPORT – PERCHE' L'"INCIDENTE" HA FATTO FELICI IRAN E ISRAELE - RAISI MIRAVA ALLA SUCCESSIONE DELL’85ENNE KHAMENEI. MA, PER IL RUOLO DI GUIDA SUPREMA, L’AYATOLLAH HA SCELTO IL FIGLIO MOJTABA, 'EMINENZA GRIGIA' DEI PASDARAN CHE HANNO IN MANO IL POTERE POLITICO ED ECONOMICO DELL'IRAN – NON SOLO: RAISI AVEVA INIZIATO A INCIUCIARE CON GLI STATI UNITI PER LA STABILIZZAZIONE DEL GOLFO. L’”AMERIKANO” RAISI HA FATTO IMBUFALIRE NON SOLO I PASDARAN, MA ANCHE NETANYAHU, IL QUALE VIVE IN ATTESA DEL RITORNO DI TRUMP ALLA CASA BIANCA E HA BISOGNO COME IL PANE DI UN NEMICO PER OCCUPARE ANCORA LA POLTRONA DI PREMIER... 

MA DOVE STA ZHANG ZHANG? - IL 32ENNE IMPRENDITORE CINESE, DAL 2018 AZIONISTA DI MAGGIORANZA DELL’INTER, NON SI VEDE IN GIRO DA UN ANNO. NON ERA A MILANO NEMMENO PER LA FESTA SCUDETTO. LA VERITÀ È CHE ZHANG NON PUÒ LASCIARE LA CINA DA OLTRE UN ANNO PER LA CONDANNA DEL TRIBUNALE DI HONG KONG A RISARCIRE CHINA CONSTRUCTION BANK E ALTRI CREDITORI DI 320 MILIONI - A QUESTO PUNTO, NON CI VUOLE IL MAGO OTELMA PER SCOPRIRE IL MOTIVO PER CUI IL MEGA-FONDO AMERICANO PIMCO SI SIA RITIRATO DAL FINANZIAMENTO DI 430 MILIONI DI EURO A UN TIPINO INSEGUITO DAI TRIBUNALI, A CUI PECHINO NON RILASCIA IL VISTO PER ESPATRIARE, COME MISTER ZHANG…