LA CANDIDATURA DI VANNACCI ALLE EUROPEE È UN BEL REGALO DI SALVINI A PUTIN – IL GENERALE HA TRASCORSO 18 MESI A MOSCA COME ADDETTO MILITARE ALL’AMBASCIATA, PRIMA DI ESSERE ESPULSO INSIEME AD ALTRI FUNZIONARI – ARRIVATO LÌ DOPO LE CRITICHE ALLA NATO, VANNACCI SI È MOSSO CON DISINVOLTURA CON ALCUNI THINK TANK VICINI A “MAD VLAD” – IN RUSSIA MOLTI SPERANO IN UNA SUA ELEZIONE CON LA LEGA, PER AVERE UN “AMICO” A BRUXELLES…  

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Antonio Fraschilla e Giuliano Foschini per “la Repubblica”

 

ROBERTO VANNACCI ROBERTO VANNACCI

Nella storia tra la Lega e la Russia di Vladimir Putin ci sono diversi punti che guardano al passato (l’affaire Metropol, le fotografie di Matteo Salvini sulla piazza Rossa, le dichiarazioni sue e di molti altri parlamentari sul governo di Mosca, eccetera eccetera), ma ce n’è uno che guarda al futuro. E si chiama Roberto Vannacci.

 

Non è un mistero che il generale sia uno dei possibili candidati della Lega alle prossime elezioni europee: il partito lo vuole, lui chiede garanzie in caso di mancata elezione, si sta discutendo, ma dalle parti di Salvini sono ottimisti che la partita si chiuda. A Mosca in molti lo sperano. Perché, se così fosse, avrebbero un amico a Bruxelles.

 

SALVINI CON LA MAGLIA DI PUTIN SALVINI CON LA MAGLIA DI PUTIN

Nella carriera di Vannacci ci sono circa 18 mesi di vita e di lavoro in Russia, da novembre 2020 quando arrivò come addetto militare in ambasciata e maggio del 2022 quando fu espulso insieme con gli altri funzionari di ambasciata: fu la risposta russa all’espulsione dell’omologo di Vannacci a Roma. […]

 

Arrivato in Russia con una chiara connotazione – quella di militare con posizioni molto critiche nei confronti della Nato – si era mosso con grande disinvoltura con i suoi omologhi e con alcuni think tank vicini a Putin.

 

Frequentazioni, condivisioni, mossi anche da un comune punto di vista sull’alleanza atlantica. Da quello che risulta, il generale aveva ottime relazioni sia con alcuni vertici militari sia con il giro italiano vicino al Cremlino: «Si è sempre offerto ai suoi interlocutori russi come assolutamente dialogante» racconta oggi una fonte a Repubblica. […]

 

ROBERTO VANNACCI SI TUFFA IL PRIMO GENNAIO A VIAREGGIO ROBERTO VANNACCI SI TUFFA IL PRIMO GENNAIO A VIAREGGIO

I report di Vannacci – finiti poi nell’indagine interna che il ministero della Difesa ha aperto dopo la pubblicazione del suo libro – erano sempre teneri nei confronti della Russia: non solo non aveva lanciato alcun alert su un possibile attacco all’Ucraina, ma al contrario aveva sminuito gli allarmi lanciati da alcuni servizi stranieri. Un errore, sicuramente. E forse niente più.

 

«Io da Putin sono stato cacciato», ha risposto Vannacci in questi mesi a chi gli contestava una sua vicinanza a Putin. Ma, certo, non ha potuto smentire quello che aveva scritto su “madre Russia” nel suo libro- scandalo, “Il mondo al contrario”. Parole di elogio per un modello che, per il generale, andava preso ad esempio.

 

roberto vannacci con il salutatore foto di bacco roberto vannacci con il salutatore foto di bacco

Per dire: tema immigrazione. «In Russia – scrive Vannacci – nonostante l’incredibile estensione del territorio e l’impossibilità di gestirne e controllarne le frontiere, l’immigrazione clandestina non esiste. Il clandestino in Russia non lo vai a fare perché sai che non avrai vita facile. Per immigrare le candidature dei potenziali lavoratori sono vagliate nel paese di origine e, a chi viene accettato, è garantito il contratto di lavoro ed il contratto per la casa prima ancora dell’ingresso nella terra degli Zar».

 

roberto vannacci foto di bacco roberto vannacci foto di bacco

E ancora sulla sicurezza: «In Russia, e in particolare a Mosca, incontravo, ben dopo l’imbrunire nei grandissimi e bellissimi parchi cittadini, donne sole e mamme con bambini che assaporavano il fresco delle sere estive senza il benché minimo timore di essere molestate da qualcuno».

 

Vannacci ama la Russia, poi, perché non cede alle politiche ambientaliste. Che, per il generale, sono cavolate. Mosse da altri interessi. […]

MATTEO SALVINI E PUTIN MATTEO SALVINI E PUTIN ROBERTO VANNACCI ROBERTO VANNACCI ROBERTO VANNACCI ROBERTO VANNACCI IL GENERALE ROBERTO VANNACCI IL GENERALE ROBERTO VANNACCI

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT: IL DELITTO PAGA SEMPRE (PURE IN VATICANO) - IL DUO BERGOGLIO-PAROLIN AVEVA DEPOSTO MONSIGNOR ALBERTO PERLASCA DA RESPONSABILE DELL'UFFICIO ECONOMICO DELLA SEGRETERIA DI STATO, ALL’INDOMANI DELLO SCANDALO DELLA COMPRAVENDITA DEL PALAZZO LONDINESE. ACQUA (SANTA) PASSATA: IL TESTIMONE CHIAVE DEL PROCESSO BECCIU, IN OTTIMI RAPPORTI CON FRANCESCA CHAOUQUI E GENOVEFFA CIFERRI, E’ STATO RINOMINATO PROMOTORE DI GIUSTIZIA AGGIUNTO AL SUPREMO TRIBUNALE DELLA SEGNATURA APOSTOLICA, CHE FUNGE ANCHE DA TRIBUNALE AMMINISTRATIVO PER TUTTA LA CHIESA - DOPO IL CARDINALE BECCIU, CHISSÀ A CHI TOCCHERÀ...

DAGOREPORT – SALUTAME A CINECITTÀ: LA HOLLYWOOD DE’ NOANTRI TRASLOCA IN SICILIA – SE IL TAORMINA FILM FEST CHIAMA MARCO MÜLLER, A SIRACUSA SI APRONO GLI “STATI GENERALI DEL CINEMA”. UNA VACANZA A 5 STELLE PER UNA MAREA DI ADDETTI AI LAVORI (DA BUTTAFUOCO A MONDA, DA MUCCINO A CASTELLITTO, CRONISTI COMPRESI), PAGATA DALLA REGIONE (SCHIFANI) ED ENIT (SANTANCHE'), E SENZA COINVOLGERE QUEI BURINI DI SANGIULIANO E BORGONZONI, CHE HA LA DELEGA IN MATERIA DI CINEMA - SE FOSSE COSTRETTA ALLE DIMISSIONI, LA PITONESSA FA CIAK?...