IL CAPO DELLA PROTEZIONE CIVILE, ANGELO BORRELLI, FA UNA CLAMOROSA AMMISSIONE DI IMPOTENZA: "TROVIAMO SOLO UN CONTAGIATO SU DIECI, MANCANO LE MASCHERINE E I VENTILATORI, IL VIRUS È PIÙ VELOCE DI NOI" - COME MAI? È UN MODO PER PROTEGGERE LA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DALLE PREVEDIBILI CRITICHE SE LA SITUAZIONE DOVESSE PRECIPITARE. SI TEMONO NUMERI MOLTO PIÙ ALTI. IL PEGGIO DEVE ANCORA ARRIVARE?

-

Condividi questo articolo

Marco Antonellis per Dagospia

 

ANGELO BORRELLI ANGELO BORRELLI

"Troviamo solo un contagiato su dieci, mancano le mascherine e i ventilatori, il virus è più veloce di noi" . Parole come pietre quelle del capo della protezione civile Borrelli quasi una resa, una vera e propria ammissione di impotenza. "Dopo parole del genere dovrebbe essere conseguente e lasciare l'incarico" spiegano fonti di centrodestra che, per carità di patria, parlano solo off the record. Ma le cose non stanno esattamente così. Perché il clamoroso outing del capo della protezione civile in realtà ha un'altra ratio ed è quella di proteggere il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte.

 

giuseppe conte in diretta facebook 4 giuseppe conte in diretta facebook 4

Il capo della protezione civile (fedelissimo del Premier) è uscito allo scoperto per "salvare" Giuseppi spiegano fonti di maggioranza. "Sta assumendo tutta la responsabilità su di sé per salvaguardare ruolo e prestigio della Presidenza del Consiglio se la situazione dovesse precipitare". D'altra parte anche Massimo Galli del Sacco di Milano stamattina ha dichiarato che il numero dei contagiati potrebbe essere molto più alto dei dati ufficiali. Vuoi vedere che il peggio deve ancora venire? Ognuno faccia gli scongiuri del caso...

 

Condividi questo articolo

politica

IL PIANO DI MACRON, SANCHEZ, CONTE, ETC.: EUROBOND CON LA GARANZIA DELL'EUROPA FINALIZZATI SOLO ALL’EMERGENZA DEL CORONAVIRUS CON UNA COMMISSIONE CHE VERIFICHERÀ L’UTILIZZO DEI FONDI DEI VARI PAESI - LA SITUAZIONE È NELLE MANI DI TRE TEDESCHI (HOYER, URSULA E REGLING) DA UNA PARTE, DALL’ALTRA IL PRESIDENTE DELLA BCE CHRISTINE LAGARDE CON FABIO PANETTA CHE LA CONTROLLA (A LUI SI DEVE IL CAMBIO DI ROTTA DELLA FRANCESE), PIÙ DAVID SASSOLI - IL PROSSIMO PASSO DI CONTE: LO STATO GARANTIRA' I PRESTITI DELLE BANCHE ALLE IMPRESE - SI STA STUDIANDO L'ALLENTAMENTO DEL LOCKDOWN: SECONDO GLI ESPERTI IL 16 APRILE DOVREBBE FERMARSI L’ECATOMBE E DAL 18 SI POTREBBE PARTIRE CON UNA CAUTA RIAPERTURA