CAVOLETTI DA BRUXELLES – LA PRIMA REAZIONE DELLA COMMISSIONE EUROPEA ALLA MANOVRA VARATA DAL GOVERNO MELONI È TIEPIDA, QUASI GELIDA. IL COMMISSARIO ALL'ECONOMIA GENTILONI: “LA ESAMINEREMO QUANDO ARRIVERÀ” – E IN UN DOCUMENTO PUBBLICATO OGGI SI LEGGE CHE LE PREOCCUPAZIONI DELLA COMMISSIONE PER L'ITALIA SONO “LEGATE ALL’ALTO RAPPORTO TRA DEBITO PUBBLICO E PIL” E “LE DEBOLEZZE DEL MERCATO DEL LAVORO”...

-

Condividi questo articolo


Da www.corriere.it

 

giorgia meloni ursula von der leyen 1 giorgia meloni ursula von der leyen 1

La prima reazione della Commissione europea di fronte alla manovra varata dal governo italiano è di cautela. Ed è affidata alle parole del commissario all’Economia, Paolo Gentiloni: «Il bilancio è stato approvato stanotte. Lo esamineremo quando arriverà: immagino tra mercoledì e giovedì sarà inviato a Bruxelles». E ancora: «Per noi è molto difficile seguire una prima impressione, dobbiamo vedere il bilancio, i testi e valutarli. Penso sia anche un dovere di trattamento uguale nei confronti di tutti i Paesi».

 

Resta però un punto, impossibile da evitare. Un punto affidato dalla Commissione a un documento ufficiale, pubblicato a Strasburgo proprio oggi e affidato al Parlamento europeo e al Consiglio.

 

giorgia meloni paolo gentiloni giorgia meloni paolo gentiloni

In questo documento si legge che «nel Ciclo precedente, la Commissione ha condotto una revisione approfondita» della situazione economica dell’Italia, e «ha concluso che l’Italia si trova ad affrontare squilibri macroeconomici eccessivi. Quest’anno, la Commissione ritiene opportuno esaminare la persistenza di questi squilibri o la loro riduzione, in quello che sarà un esame approfondito per l’Italia».

 

Una preoccupazione che non riguarda solo l’Italia: «l’esame» che cercherà di capire se gli squilibri sono «in peggioramento, in miglioramento, o definitivamente risolti» riguarderà 10 Paesi: Cipro, Francia, Germania, Grecia, Italia, Paesi Bassi, Portogallo, Romania, Spagna e Svezia.

 

giorgia meloni giancarlo giorgetti giorgia meloni giancarlo giorgetti

Per quanto riguarda l’Italia, le preoccupazioni sono «legate all’alto rapporto tra debito pubblico e Pil» — ma sono preoccupazioni «invariate». Potrebbero invece crescere «le debolezze del mercato del lavoro», e i «rischi» su un settore bancario che «è però in miglioramento».

giancarlo giorgetti giorgia meloni matteo salvini giancarlo giorgetti giorgia meloni matteo salvini giorgia meloni ursula von der leyen giorgia meloni ursula von der leyen GIORGIA MELONI E URSULA VON DER LEYEN GIORGIA MELONI E URSULA VON DER LEYEN

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGIE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…

DAGOREPORT –  PER SALVARE IL "CAMERATA" ROSSI, PROSSIMO A.D. RAI, UNA MELONI INCAZZATISSIMA VUOLE LA TESTA DEL COLPEVOLE DEL CASO SCURATI PRIMA DEL 25 APRILE: OGGI SI DECIDE IL SILURAMENTO DI PAOLO CORSINI, CAPO DELL'APPROFONDIMENTO (DESTINATO AD ESSERE SOSTITUITO DOPO LE EUROPEE DA ANGELA MARIELLA, IN QUOTA LEGA) – SERENA BORTONE AVEVA PROVATO A CONTATTARE CORSINI, VIA TELEFONO E MAIL, MA SENZA RICEVERE RISPOSTA - ROSSI FREME: PIÙ PASSA IL TEMPO E PIU’ SI LOGORA MA LA DUCETTA VUOLE LE NOMINE RAI DOPO IL VOTO DEL 9 GIUGNO SICURA DEL CROLLO DELLA LEGA CON SALVINI IN GINOCCHIO…)