CHE BARBA CHE DI NOIA - ITALIA BEFFATA DALLA GERMANIA: LA CANDIDATA TEDESCA VERENA ROSS HA AVUTO LA MEGLIO SUL COMMISSARIO CONSOB, CARMINE DI NOIA, NEL VOTO PER LA SCELTA DEL PRESIDENTE DELL'ESMA, L'AUTORITÀ EUROPEA PER I MERCATI - EPPURE SEMBRAVA UNA NOMINA SCONTATA DA DIVERSI MESI, CHE SI DOVEVA CHIUDERE CON UNA PURA FORMALITÀ: INVECE AL BALLOTTAGGIO A SCRUTINIO SEGRETO GLI AMBASCIATORI DEI 27 STATI MEMBRI...

-

Condividi questo articolo


carmine di noia 1 carmine di noia 1

(LaPresse) Una nomina data per scontata da diversi mesi, che invece si è chiusa con un colpo di scena. La candidata tedesca Verena Ross ha avuto la meglio sul commissario Consob, Carmine Di Noia, nel voto per la scelta del presidente dell'ESMA, l'autorità europea per i mercati.

 

Al ballottaggio a scrutinio segreto gli ambasciatori dei 27 Stati membri hanno preferito la direttrice generale uscente dell'autorità come successore dell'olandese Steven Maijoor. Una beffa per il candidato italiano la cui scelta sembrava una questione di pura formalità.

 

verena ross 2 verena ross 2

Ross è stata eletta dal Comitato dei rappresentanti permanenti del Consiglio dell'Unione europea. Una procedura inedita, visto che di norma il candidato in testa viene indicato direttamente dal Consiglio.

 

Spetta adesso al Parlamento europeo approvare la nomina. Il mandato del presidente dell'ESMA dura cinque anni e può essere riconfermato. Ross ha già diretto l'agenzia negli ultimi 10 anni e - potenzialmente - il suo mandato potrebbe scadere tra altri 10. Il rinnovo del vertice di ESMA era in stallo da mesi.

 

esma esma

La Germania ha chiesto e ottenuto il ballottaggio tra Ross e Di Noia per trovare il sostituto di Maijor, il cui mandato è scaduto lo scorso marzo. Entrambi i candidati vantano una lunga esperienza in ambito di regolamentazione finanziaria.

 

carmine di noia carmine di noia

Proprio i lunghi trascorsi nell'Autorithy di Ross, però, avevano spinto il ministro dell'Economia Daniele Franco a sottolineare l'importanza di un ricambio nelle istituzioni internazionali.

 

verena ross 3 verena ross 3

Solo lo scorso luglio, in occasione dell'Ecofin, Franco aveva spiegato a proposito della nomina che non si trattava di "una questione di nazionalità, ma di avere una persona molto competente".

 

verena ross 1 verena ross 1

Il governo tedesco avrebbe invece posto la questione in termini di parità di genere. A questo proposito Roma aveva contestato la necessità di un bilanciamento, ricordando che l'equilibrio di genere era già stato raggiunto con la nomina della francese Natasha Cazenave come direttore esecutivo dell'ESMA e dell'olandese Petra Hielkema come presidente della Vigilanza assicurativa Eiopa.

 

esma 1 esma 1

"Il board dell'ente ha individuato in un italiano la persona più competente. C'è un pacchetto di tre nomine, di cui due sono state assegnate a donne, la presidenza dell'Eiopa e la direzione generale dell'Esma. Quindi credo che la questione uomo/donna sia stata superata", aveva rimarcato Franco.

 

Condividi questo articolo

politica

FERMI TUTTI! – GLI STATI UNITI STANNO CREANDO UN UFFICIO DI SPIONAGGIO CHE SI OCCUPERÀ ESCLUSIVAMENTE DELLA CINA – TERRORIZZATO DALLA MINACCIA CINESE, “SLEEPY JOE” VUOLE INFILARE LE ORECCHIE NEGLI AFFARI DEL DRAGONE E IL DIRETTORE DELLA CIA, WILLIAM BURNS CALA L’ASSO: “RAFFORZERÀ IL NOSTRO LAVORO COLLETTIVO SULLA PIÙ IMPORTANTE MINACCIA GEOPOLITICA CHE AFFRONTIAMO NEL 21MO SECOLO, UN GOVERNO CINESE SEMPRE PIÙ OSTILE” – DAL 2010 I CINESI HANNO FATTO FUORI UNA VENTINA DI FONTI TANTO CHE SI ERA PENSATO A UNA TALPA ALL’INTERNO DELL’INTELLIGENCE STATUNITENSE…

E’L’ORA DI "DRACRON"! C’E’ UN NUOVO DUO AL VERTICE DELL’UE: DRAGHI-MACRON! LA STAMPA TEDESCA OSSERVA L’ITALIA IN CRESCITA ED ESALTA “I MESI DI SUCCESSI” DI MARIOPIO - PER L'HANDELSBLATT, IL RESTO D'EUROPA GUARDA CON INCREDULITÀ L'ITALIA, CHE È IN FUGA RISPETTO AGLI ALTRI GRANDI PAESI IN TERMINI DI CRESCITA ECONOMICA E A LIVELLO INTERNAZIONALE, HA RIACQUISTATO REPUTAZIONE E CREDIBILITÀ - RIUSCIRÀ DRAGHI A TENERE UNITO IL GOVERNO FINO ALLA FINE DELLA LEGISLATURA NEL 2023 O ANCHE OLTRE?