A CHE SERVE LA POLITICA? A FARE I SOLDI DOPO COME LOBBISTA O CONFERENZIERE - TRA GAS E FINANZA, È PIENA DI DENARI LA SECONDA VITA DEGLI EX PREMIER - SCHRODER HA INTRALLAZZI COL GASDOTTO RUSSO NORDSTREAM2, RENZI E' IN LOVE CON BIN SALMAN - IL CASO PIÙ CLAMOROSO? JOSE' MANUEL BARROSO: SOSTENITORE DELL'AUSTERITÀ PER LA GRECIA, È DIVENTATO ADVISOR DI GOLDMAN SACHS (CORRESPONSABILE DEI DERIVATI CHE AVEVANO FATTO SCHIZZARE PROPRIO IL DISAVANZO DI ATENE)

-

Condividi questo articolo


Francesca Sforza per "La Stampa"

 

John Major John Major

Delle volte è tutta una questione di stile. Perché non è vero che sono solo di sinistra i leader che dopo aver chiuso con la grande politica si sono dati al grande business. Ma certo hanno fatto tanto più rumore.

 

In quanti ricordano, ad esempio, che l'ex premier britannico conservatore John Major guadagnò milioni entrando - al termine del suo mandato - nel fondo di Private Equity Carlyle?

 

gerhard schroeder e vladimir putin gerhard schroeder e vladimir putin

Molto più difficile da dimenticare l'ex cancelliere tedesco Gerhard Schröder che, dismessi i panni del socialdemocratico tutto d'un pezzo, ha fatto il suo ingresso prima nel consiglio di amministrazione del colosso petrolifero di Stato russo Rosneft e oggi siede in quello del controverso gasdotto NordStream2, contrastato dagli Stati Uniti e maggior ragione di attrito tra la Germania e l'attuale amministrazione Biden.

 

gerhard schroeder gerhard schroeder

Di recente in patria gli è stato ricordato il suo passato di leader libertario e di sinistra da una sua ex sodale dei Verdi: «Come può continuare a occupare quel posto di fronte a quanto avvenuto all'oppositore di Putin, Alexiej Navalny?». In linea con la politica di comunicazione del Cremlino, la deputata Göring-Eckardt non ha ricevuto risposta dall'ex cancelliere.

 

tony blair 1 tony blair 1

«Deve essere una questione legata al materialismo storico - ha osservato qualche tempo fa, non senza una certa ironia, un ex laburista oggi professore alla London School of Economics, Meghnad Desay -: Tony Blair ha sempre invidiato quanti soldi aveva raccolto Bill Clinton una volta finita la sua presidenza».

tony blair 2 tony blair 2

 

E se ricordare che il materialismo storico non va confuso con interessi materiali finalizzati al proprio tornaconto potrebbe suonare come una sofisticheria fuori luogo, distinguere fra una Fondazione benefica e una partecipazione alla realizzazione di un gasdotto in Azerbaijan è senz'altro di più immediata comprensione: uno è Clinton, l'altro è Blair.

 

RENZI E TONY BLAIR RENZI E TONY BLAIR

Subito dopo aver lasciato la politica nel 2007 il teorico della terza Via, dei mercati che andavano mano nella mano con la difesa dello stato sociale, è prima diventato inviato speciale del Quartetto per il Medio Oriente e poi, attraverso la Tony Blair Associates, ha allargato il suo raggio di consulente a varie altre entità sociali (dal clima all'Africa) fino ad approdare al consorzio guidato da British petroleum per l'esportazione di gas in Europa dall'Azerbaijan (incidentalmente presieduto da Ilham Aliev, figlio del presidente precedente Haidar Aliev ed eletto all'ultima tornata con l'87% dei voti).

 

BARROSO BARROSO

Meno affascinato dalle autocrazie dell'Est è sembrato essere José Manuel Barroso, anche lui socialdemocratico di estrazione, e passato alla storia europea come strenuo difensore delle politiche di austerità che tanto amaramente colpirono la Grecia.

 

Tra le ragioni del mostruoso disavanzo greco ci furono anche strumenti finanziari derivati sottratti alla contabilità pubblica dai governi dei primi anni duemila con il tacito assenso dei vertici di Goldman Sachs, lo stesso istituto presso cui Barroso divenne advisor appena terminato il suo incarico come presidente della Commissione Europea (dopo aver rispettato il periodo di 18 mesi previsto per l'assunzione di qualsiasi nuovo incarico).

 

manuel barroso 6 manuel barroso 6

«Traditore un giorno, traditore sempre», strillò in prima pagina il quotidiano francese Libération. «Niente di illegale - osservò più pacatamente il presidente Hollande - ma certo così poco opportuno».

 

E di opportunità si è tornato a parlare anche in Italia, di recente, dopo le incursioni del senatore Matteo Renzi per intervenire sul Rinascimento economico in Arabia Saudita con lo sceicco Mohammed Bin Salman.

 

cameron barroso cameron barroso

Di nuovo, niente di illegale, e nel suo caso non vale neanche l'amarissima considerazione rivolta agli altri della lista da Mark Blyth, economista della Brown University: «Si trovano adesso nello stesso luogo - l'incrocio opaco di aziende che mescolano energia e danaro - in cui si troverebbero se non avessero mai governato». Per Renzi appunto non vale, perché non ha governato abbastanza.

 

Condividi questo articolo

politica

“TUTTO QUESTO HA LO STILE DI UNA VENDETTA POLITICA” – LA DIFESA DI MASSIMO D’ALEMA DALLE ACCUSE DELLA FONDAZIONE DEI SOCIALISTI EUROPEI, CHE SOSTIENE CHE SI SIA INTASCATO ILLEGITTIMAMENTE 500MILA EURO: “IO LO SO DA DOVE VIENE QUESTO ATTACCO” (PERCHÉ NON FA I NOMI?) - “LA RETRIBUZIONE ERA DI 5MILA EURO NETTI AL MESE, E SONO STATO PAGATO MENO DEL VALORE DELLE MIE PRESTAZIONI. DOPO L’USCITA DAL PARLAMENTO AVEVO MOLTE OFFERTE DI LAVORO. IN PARTICOLARE DA UNA SOCIETÀ INGLESE CHE MI OFFRIVA…"

“È DAL FEBBRAIO DEL 1975 CHE L’ABORTO NON È PIÙ UN REATO” - L’AVVOCATO SARA KELANY (ISCRITTA A FRATELLI D’ITALIA) DIFENDE LA MELONI DOPO L’ACCUSA DI SELVAGGIA: “LA PERLA SCOVATA DALLA LUCARELLI SAREBBE CHE LA LEGGE 194 È DEL 1978  E CHE DUNQUE,  ESSENDO GIORGIA DEL 1976, AI TEMPI NARRATI ABORTIRE SAREBBE STATO UN REATO. MA LA CORTE COSTITUZIONALE, CON LA SENTENZA 27/1975, AVEVA ESPRESSAMENTE SANCITO CHE NON POTESSERO ANDARE INCONTRO A CONSEGUENZE PENALI COLORO CHE PROCURAVANO L’ABORTO E LE DONNE CHE VI CONSENTIVANO..."