CHI HA DIFFUSO L’AUDIO DELL’INCONTRO DI SAVOINI A MOSCA? – SECONDO EDWARD LUTTWAK DI CERTO NON SONO STATI GLI AMERICANI: “È UN’ASSURDITÀ. GLI STATI UNITI SI CURANO POCO DEI LEGAMI DELL’ITALIA CON MOSCA. ROMA SI È SEMPRE SCHIERATA CON WASHINGTON. PIUTTOSTO, AL MOMENTO L’INTERESSE È CHE L’ITALIA NON VADA CON LA CINA” – “L’ECONOMIA RUSSA È IN DECLINO, MOSCA TENTA DI FORAGGIARE I POLITICI PER INDEBOLIRE L’OCCIDENTE, MA…”

-

Condividi questo articolo

Michele Pierri per www.formiche.net

 

edward luttwak (2) edward luttwak (2)

Una mano americana dietro la diffusione dell’audio pubblicato da Buzzfeed? “Un’assurdità pensarlo” secondo Edward Luttwak, che risponde così all’ipotesi, riportata da alcuni articoli, di un possibile coinvolgimento di Washington nella vicenda, che ha visto la pubblicazione della registrazione di un incontro a Mosca di un (ex?) collaboratore di Matteo Salvini, Gianluca Savoini, per trattare – secondo la ricostruzione della testata – un presunto finanziamento con cui mandare avanti la campagna elettorale della Lega per il rinnovo del Parlamento di Strasburgo.

vladimir putin e gianluca savoini vladimir putin e gianluca savoini

 

Gli Stati Uniti, evidenzia l’analista e politologo americano, già stratega militare della Casa Bianca, “si curano poco dei legami che l’Italia intrattiene con Mosca”. Piuttosto, rimarca in una conversazione con Formiche.net, sono preoccupati dei rapporti tra Italia e Cina.

 

Luttwak, che cosa ne pensa del caso sollevato dall’audio pubblicato da Buzzfeed?

Posso solo dire che se la Lega – come qualunque altro partito in altre circostanze – avesse ricevuto del denaro in quel modo sarebbe molto grave, oltre che illegale. Ma finora non abbiamo nessuna prova che ciò sia accaduto. Tuttavia ci sono altri aspetti che mi danno da pensare.

matteo salvini vladimir putin luigi di maio matteo salvini vladimir putin luigi di maio

 

Quali?

Diverse testate hanno parlato di un legame tra Gianluca Savoini e Aleksandr Dugin, ultranazionalista di destra russo e ideologo dell’anti-Europa, sostenitore del presidente russo Vladimir Putin. Questo rapporto, se esiste, andrebbe approfondito o chiarito, perché – che i soldi siano stati dati o no, e ho già detto che non è possibile saperlo per ora – ci porta al cuore di quello che io ritengo sia il problema, che è soprattutto politico e che non riguarda solo l’Italia.

 

Di che tipo di problema si tratta?

aleksandr dugin 6 aleksandr dugin 6

La Russia utilizza come metodo quello di sostenere, in vario modo, tutti i partiti politici in Europa contrari alla Nato e alle istituzioni europee. Anche se l’economia russa è ormai in declino – il Pil del Paese è inferiore a quello dell’Italia – Mosca tenta di foraggiare e influenzare i politici per indebolire l’Occidente. A volte ci riesce, a volte no. Ma in ogni caso basterebbe questo per rendersi conto che alcuni incontri andrebbero a mio parere quantomeno evitati, se non altro per ragioni di opportunità.

xi jinping conte xi jinping conte

 

Alcuni articoli hanno riportato l’ipotesi di una mano americana dietro la fuoriuscita di quelle conversazioni. Lo ritiene verosimile?

Considero un’assurdità pensarlo. In primo luogo perché si danno alla Cia più potere e più capacità di quelle che realmente abbia. E poi, cosa più importante, perché gli Stati Uniti si curano poco dei legami che l’Italia intrattiene con Mosca. Roma, sulle cose che contano davvero nel rapporto con la Russia – sanzioni e crisi ucraina innanzitutto – ha finora dimostrato di schierarsi sempre dalla parte di Washington. Piuttosto, al momento l’interesse americano è che l’Italia non vada con la Cina, che è considerato il vero rivale strategico dei prossimi anni.

Edward Luttwak Edward Luttwak aleksandr dugin 4 aleksandr dugin 4 xi jinping conte xi jinping conte il presidente cinese xi jinping, il ministro degli esteri wang yi, il vicepremier di maio e il premier conte il presidente cinese xi jinping, il ministro degli esteri wang yi, il vicepremier di maio e il premier conte edward luttwak (1) edward luttwak (1)

 

Condividi questo articolo

politica

DAGOREPORT - IL GOVERNO È ARRIVATO ALLA FRUTTA: LA SITUAZIONE STA PRECIPITANDO - LA GOCCIA È STATA LA SONORA SCONFITTA DI SALVINI AL PARLAMENTO EUROPEO, CON SASSOLI E LA BEGHIN (M5S) CHE HANNO ASSICURATO LA NOMINA DELLA VON DER LEYEN GRAZIE AI 14 VOTI GRILLINI - SALVINI NON HA AVUTO LA PERCEZIONE CHE LO STAVANO METTENDO IN UN ANGOLO, DALLA RUSSIA ALL’EUROPA - UNA PARTE DEI DI PD E M5S SAREBBE PRONTA A COSTITUIRE UN GOVERNO CHE SPEDISCA LA LEGA ALL’OPPOSIZIONE. MA TUTTO CIÒ NON È NEI PIANI DI MATTARELLA...