CHI DI SPERANZA VIVE... - IL MINISTRO DELLA SALUTE E' INCALZATO DALL'INCHIESTA SU OMS E PIANO PANDEMICO MA DRAGHI ASPETTA: NON VUOLE OCCUPARSENE FINCHÉ NON CI SARANNO "DATI OGGETTIVI" (OVVERO FINCHÉ SPERANZA NON SARÀ INDAGATO) - SUPERMARIO VERSIONE APERTURISTA HA RISPEDITO AL MITTENTE IL CONSIGLIO DI NUOVE CHIUSURE AVANZATO DALLA MERKEL: "NON ABBIAMO LA STESSA ECONOMIA DELLA GERMANIA" (OVVERO: GRAZIE, MA NON CE LO POSSIAMO PERMETTERE)

-

Condividi questo articolo


speranza draghi speranza draghi

DAGOREPORT

Inizia a mancare la terra sotto i piedi di Roberto Speranza. Il ministro della Salute è incalzato dall'inchiesta sull'Oms e il piano pandemico, Fratelli d'Italia ha presentato una mozione di sfiducia contro di lui e c'è la richiesta di commissione d'inchiesta parlamentare, avanzata da Matteo Renzi, sulla gestione della prima ondata di pandemia da parte del governo. Anche Salvini chiede la sua testa, il M5s tace e Mario Draghi aspetta. Non vuole occuparsi di questa grana finché non ci saranno "dati oggettivi" (ovvero finché Speranza non sarà indagato).

 

ROBERTO SPERANZA E MARIO DRAGHI ROBERTO SPERANZA E MARIO DRAGHI

SuperMario non ha una grande simpatia personale per Speranza nonostante l'abbia difeso dall'assalto di Salvini ("Ho voluto io Speranza nel governo e no ho molta stima"). Pur non considerandolo colpevole di gravi omissioni, non ha apprezzato le sue reticenze e i suoi silenzi sulla questione del piano pandemico. E non ama neanche Silvio Brusaferro, portavoce del Comitato Tecnico Scientifico. Non è un caso che alla delicata conferenza stampa dell'8 aprile sui vaccini abbia preferito avere accanto a sé Franco Locatelli, che del Cts è il coordinatore.

 

Draghi e Speranza sono distanti anche sul modo con cui armonizzare risposta sanitaria e emergenza economica. Speranza è un rigorista, Draghi è diventato aperturista perché ha capito che il tessuto produttivo italiano non può permettersi altri mesi di chiusure. Lo ha fatto presente anche ad Angela Merkel.

 

DRAGHI ARCURI SPERANZA DRAGHI ARCURI SPERANZA

La Cancelliera gli ha consigliato di proseguire con la linea del rigore, dopo che lei stessa ha imposto nuove restrizioni nazionali bypassando i Lander. Draghi ha risposto nel modo più ovvio: "L'Italia non ha la stessa economia della Germania". Ovvero: grazie per il consiglio ma noi non ce lo possiamo permettere. Alla linea del rigore teutonico si è invece accodato quel micron di Macron, illuso che la traballante economia francese possa imitare Berlino senza ripercussioni. Prego, s'accomodi.

 

ROBERTO SPERANZA, INDISCREZIONI: COSTRETTO ALLE DIMISSIONI SOLTANTO SE INDAGATO

Da www.liberoquotidiano.it

 

mario draghi angela merkel mario draghi angela merkel

Crisi nera a Palazzo Chigi: aperto un fronte giudiziario nei confronti dell'ex Commissario straordinario Domenico Arcuri e l'esperto italiano dell'Oms Ranieri Guerra. La procura di Bergamo ha aperto un fascicolo per indagare sulla vicenda del documento dell'Organizzazione mondiale della sanità che si sarebbe cercato di far sparire.

 

A quanto si apprende, il documento avrebbe leso fortemente l'immagine dell'ex premier Giuseppe Conte. Il ruolo del ministro della Salute Roberto Speranza non è chiaro, e dovrà ora spiegare meglio la vicenda. Nonostante Speranza si trovi in cima ad un castello di carte che si sta lentamente sgretolando, il ministro non è ancora stato sfiorato dalle indagini.

ROBERTO SPERANZA MARIO DRAGHI ROBERTO SPERANZA MARIO DRAGHI

 

In molti non avevano capito la scelta di Mario Draghi di confermare un ministro che oggi viene considerato, non solo dall'opinione pubblica, come uno dei principali fautori del fallimento italiano nella gestione della pandemia.

 

Giovedì scorso, 8 aprile 2021, Mario Draghi aveva ribadito con fermezza in conferenza stampa la scelta di riconfermare Speranza nel esecutivo a "larghe intese". Draghi ha detto non solo di averlo scelto lui personalmente, ma anche di averne "molta stima". Eppure, l'uomo che ci sta tenendo chiusi in casa da oltre un anno, portando sull'orlo del fallimento migliaia di imprese italiane, non sembra aver azzeccato nemmeno una decisione.

 

draghi merkel draghi merkel

Politicamente Speranza ha perso su tutta la linea. Lo si può notare anche dalle recenti proteste che si sono fatte sempre più frequenti nelle ultime settimane. I cittadini italiani sono allo stremo e tutto questo per l'incompetenza di chi ha deciso sulle loro teste, ministro Speranza in primis. Con le sue scelte politiche, Speranza ha aggiunto alla crisi sanitaria quella economica. Senza parlare del fallimento totale nel campo nei vaccini, dalle polemiche su AstraZeneca, fino alle fasce di età decise di giorno in giorno.

 

La domanda che si chiedono gli italiani è quindi una sola: ma perché uno dei maggiori responsabili del fallimento italiano nella gestione della pandemia si trova ancora tranquillo al suo posto? Posto che rischia tra l'altro soltanto nel momento in cui verrà indagato: questa l'ipotesi che trapela dalle sacre stanze. E, oggi, un'indagine ai danni di Speranza non sembra neppure un'ipotesi troppo lontana.

 

MARIO DRAGHI - CONFERENZA STAMPA MARIO DRAGHI - CONFERENZA STAMPA

Si tratta esclusivamente di mantenere gli equilibri politici. La stabilità nell'instabilità. Draghi ha riconfermato Speranza, poiché unica espressione rimasta al governo di Liberi e Uguali (LeU). Inoltre, Speranza gode del pieno appoggio da parte del Pd. Non tanto per le sue abilità politiche -sempre che ne abbia- ma per evitare di fare un "regalo" a Matteo Salvini, da sempre forte oppositore della politica delle chiusure attuata dal ministro.

 

Ma ora che il popolo italiano non ci sta più, anche Speranza cambia strategia: sì alle aperture, con rigore naturalmente, ma i 20mila spettatori per la gara inaugurale degli Europei all'Olimpico di Roma ci saranno. Quindi, non riapriamo più quando "i dati scientifici lo consentiranno", ma quando il popolo italiano si scalda. E Mario Draghi sta a guardare.

 

Condividi questo articolo

politica