CI MANCAVA IL FONDO MARKETTE. CONTE SI INVENTA IL TESORETTO DA 1 MILIARDO "PER ESIGENZE PARLAMENTARI" - DEPUTATI E SENATORI POSSONO SORRIDERE: POTREBBERO AVERE PRESTO A DISPOSIZIONE UN FONDO DA SPENDERE COME VOGLIONO. 800 MILIONI DI EURO PER IL 2021 E 400 MILIONI ALL’ANNO DAL 2022…

-

Condividi questo articolo


Alberto Di Majo per iltempo.it

 

giuseppe conte roberto gualtieri giuseppe conte roberto gualtieri

Deputati e senatori possono sorridere: potrebbero avere presto a disposizione un tesoretto da spendere come vogliono. Con l’articolo 195 dell’ultima bozza della Manovra, sarà creato un fondo per «esigenze Parlamento»: 800 milioni di euro per il 2021 e 400 milioni all’anno dal 2022.

 

Sono stati proprio i capigruppo della maggioranza a sollevare il problema in un vertice con il premier Giuseppe Conte e a lamentare che l’inziativa delle Camere è, di fatto, annullata. Tra decreti firmati dal presidente del Consiglio o dai singoli ministri, a deputati e senatori non è rimasto che ratificare provvedimenti che spesso nemmeno conoscono, in barba alla tanto decantata «centralità del Parlamento».

 

 

Se ne deve essere reso conto anche il premier che, evidentemente, ha ritenuto di «ricompensare» i parlamentari con un fondo molto generoso (vale la metà dell’intero costo annuale della Camera e del Senato). In questo modo gli onorevoli potranno avere la certezza di finanziare le loro inziative senza vedersele rimandare al mittente dalla ragioneria dello Stato che, in mancanza delle coperture finanziarie, blocca le norme.

 

ROBERTO GUALTIERI GIUSEPPE CONTE ROBERTO GUALTIERI GIUSEPPE CONTE

I maligni potrebbero pure chiamarlo «fondo markette», visto che ora i parlamentari avranno la possibilità di realizzare concretamente i provvedimenti richiesti da singole categorie che li supportano o da cittadini del loro collegio. Il fondo servirà anche a disincagliare molte leggi, volute dalla Camera o dal Senato, che sono state accantonate dalla Ragioneria.

 

Per il resto, la bozza della manovra prevede 4 miliardi di euro per il sostegno alle attività colpite dall’emergenza Covid, fondi per il sistema sanitario e per i tamponi al medico di base, 5,3 miliardi per la Cassa integrazione in deroga e 3 miliardi per l’assegno unico familiare a partire dal 1° luglio 2021. Il testo è stato approvato, salvo intese, nel Consiglio dei ministri del 17 ottobre ed era atteso in Parlamento il 20 ottobre ma è riemerso soltanto ora dopo il superlavoro del governo con le Regioni e i decreti ristori. Il tempo è pochissimo. Si comincia lunedì con un incontro tra Conte e le parti sociali.

ROBERTO GUALTIERI GIUSEPPE CONTE ROBERTO GUALTIERI GIUSEPPE CONTE

 

Nel testo domina il «pacchetto Covid»: oltre al fondo da 4 miliardi «per il sostegno delle attività produttive maggiormente colpite dall’emergenza», con contributi a fondo perduto, ci sono 870 milioni per decongestionare il sistema diagnostico con i tamponi rapidi dal medico di base. E ancora un’indennità per gli infermieri e una del 27% per medici, veterinari e sanitari, 210 milioni nel biennio per nuovi contratti di specializzazione di medici, e la proroga fino al 31 dicembre delle assunzioni temporanee del Sistema sanitario.

 

conte gualtieri conte gualtieri

Per il rifinanziamento della Cassa integrazione Covid, per ulteriori 12 settimane, arrivano altri 5,3 miliardi, con lo stop ai licenziamenti fino al 31 marzo. Per il reddito di cittadinanza vengono stanziati 196 milioni nel 2021, 473 milioni nel 2022, che aumentano fino a 477 milioni dal 2028. Sostegno anche al mondo dello spettacolo, con l’incremento del tax credit dal 30% al 40.

Gualtieri Conte Gualtieri Conte

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)

DAGOREPORT - RINNEGANDO LE SVASTICHELLE TEDESCHE DI AFD, MARINE LE PEN SPERAVA DI NON ESSERE PIU' DISCRIMINATA DAGLI EURO-POTERI: MA CONTRO DI LEI C’È MACRON, CHE LA DETESTA - IL TOYBOY DELL’ELISEO HA LA LEADERSHIP DELL'UNIONE EUROPEA E DARÀ LE CARTE DOPO IL 9 GIUGNO. INSIEME CON SCHOLZ E IL POLACCO TUSK NON VUOLE LE DESTRE TRA LE PALLE: UNA SCHICCHERA SULLE RECCHIE DI GIORGIA MELONI, CHE, CON LA SUA ECR, SARÀ IRRILEVANTE E DOVRA' ACCONTENTARSI, AL PARI DI LE PEN, DI UN COMMISSARIO DI SERIE B – LA FUSIONE A FREDDO TRA GLI “IDENTITARI” DI LE PEN E I “CONSERVATORI” DELLA “SÒLA GIORGIA” POTREBBE AVVENIRE, MA SOLO DOPO LE ELEZIONI EUROPEE. MA TRA LE DUE CI SONO SOLO OPPORTUNISMI