LA CINA HA CAPITO COME REAGIRE AL COVID? PIÙ NO CHE XI - IL CAOS IN CUI PECHINO È PIOMBATA NELLA LOTTA ALLA PANDEMIA È SEMPRE PIÙ EVIDENTE, ANCHE PER LE POSIZIONI DIFFERENTI DEI DUE PRINCIPALI LEADER CINESI: IL PRESIDENTE XI JINPING NON HA FATTO ALCUN CENNO ALLA RECESSIONE ECONOMICA DEL PAESE, MENTRE IL PREMIER LI KEQIANG HA DETTO CHE LA STATEGIA "ZERO COVID" STA DANNEGGIANDO LE ATTIVITÀ...

-

Condividi questo articolo


Articolo del "Wall Street Journal" - dalla rassegna stampa estera di "Epr Comunicazione"

 

xi jinping xi jinping

La scorsa settimana, quando i due principali leader cinesi hanno cercato di rassicurare i dirigenti stranieri, sempre più frustrati per le severe misure di controllo del Covid, la leadership cinese sembrava parlare a due voci.

 

Il 18 maggio, il presidente Xi Jinping ha parlato in video delle sfide economiche che il mondo deve affrontare a causa della pandemia, ma non ha fatto alcun cenno alla recessione economica della Cina, che è stata esacerbata dai costi delle severe misure adottate per combattere i focolai di Covid.

 

Un giorno dopo, in un incontro di persona, il premier Li Keqiang ha assunto un tono più schietto e conciliante, concentrandosi in gran parte sui problemi della Cina.

 

li keqiang summit ue cina li keqiang summit ue cina

Parlando a un gruppo di alti rappresentanti di multinazionali americane, europee e asiatiche che operano in Cina, Li ha detto che la Cina è "impegnata a trovare un equilibrio" tra il rilancio dell'economia e il contenimento delle ripetute epidemie di Covid-19, hanno detto le persone che hanno partecipato all'incontro con Li, tenutosi alla Diaoyutai State Guesthouse di Pechino.

 

In particolare, secondo alcuni partecipanti, Li non ha difeso la strategia "zero Covid" di Xi, discostandosi dai recenti incontri che i dirigenti stranieri hanno avuto con gli alti funzionari cinesi, compresi quelli che si occupano di commercio.

 

LI KEQIANG LI KEQIANG

Invece, in risposta alla raccomandazione dei dirigenti stranieri di vaccinare maggiormente la popolazione cinese, soprattutto gli anziani, Li ha detto, secondo i partecipanti: "Ho ascoltato il vostro messaggio sui vaccini e amplieremo la copertura vaccinale".

 

"Non possiamo permettere che le aziende interrompano le loro attività", ha aggiunto il premier – scrive il WSJ.

 

L'adesione della Cina alla politica "zero Covid" di Xi si è tradotta in una combinazione di blocchi, test di massa e quarantene. Questo ha schiacciato l'attività commerciale e ha reso più difficile vaccinare il pubblico, soprattutto la grande popolazione anziana della Cina, una debolezza nelle difese contro il Covid-19 del Paese che i funzionari della sanità hanno pubblicamente riconosciuto.

 

xi jinping 2 xi jinping 2

Durante i due mesi di blocco di Shanghai, un centro economico di oltre 25 milioni di persone, la maggior parte dei centri e dei programmi di vaccinazione sono stati sospesi.

 

A metà marzo, solo il 51% dei cinesi ultraottantenni aveva ricevuto due dosi di vaccino Covid-19, rispetto all'88% circa della popolazione complessiva.

 

Sebbene Xi abbia parlato della necessità di rafforzare la cooperazione globale sullo sviluppo dei vaccini, non ha sottolineato pubblicamente l'importanza di vaccinare la popolazione cinese.

 

XI JINPING AL FORUM ECONOMICO DI BOAO XI JINPING AL FORUM ECONOMICO DI BOAO

Le osservazioni di Li non mettono apertamente in discussione l'approccio di Xi alla pandemia. Ma i commenti hanno messo in luce quelle che i funzionari governativi e i consulenti politici descrivono come tensioni ribollenti tra gli alti funzionari del Partito Comunista sull'impegno di Xi nella sua strategia "zero vaccini".

 

"Li vuole chiaramente concentrarsi su un obiettivo diverso", ha detto uno dei partecipanti all'incontro del 19 maggio con il premier.

 

XI JINPING AL FORUM ECONOMICO DI BOAO 1 XI JINPING AL FORUM ECONOMICO DI BOAO 1

L'Ufficio informazioni del Consiglio di Stato, che gestisce le richieste di informazioni alla stampa per gli alti dirigenti, non ha risposto alle domande.

 

Non è stato possibile stabilire se Li, il premier a lungo messo da parte e la cui influenza politica sta vivendo una sorta di rinascita tardiva, possa spingere per un cambiamento significativo nella strategia cinese di Covid.

 

xi jinping con jiang zemin hu jintao e li keqiang xi jinping con jiang zemin hu jintao e li keqiang

Xi è apparso consapevole del costo delle chiusure del Covid all'inizio dell'anno e ha cercato di dare a Shanghai un certo margine di manovra per affrontare i focolai locali senza chiudere l'intera città, hanno detto persone che hanno familiarità con la questione. Ma ha riaffermato la politica di tolleranza zero in una riunione dei dirigenti all'inizio di maggio, quando la variante Omicron, altamente trasmissibile, si è diffusa in tutto il Paese.

 

Dopo quasi un mese di isolamento a Shanghai, il capo della Commissione nazionale cinese per la salute, in un articolo in prima pagina sul quotidiano Study Times, gestito dal Partito comunista, ha riconosciuto a Xi il merito di aver "comandato personalmente" il piano Covid-19 della Cina.

 

XI JINPING - LI KEQIANG XI JINPING - LI KEQIANG

L'approccio "zero Covid" si è dimostrato efficace nel contenere i focolai e nel far ripartire l'economia all'inizio della pandemia, sostenendo l'opinione di Xi che la Cina abbia gestito il virus meglio dell'Occidente. Cambiare politica sarebbe politicamente insostenibile per il leader, dicono i funzionari e i consulenti del governo, proprio nell'anno in cui sta cercando di ottenere un terzo mandato al potere che rompa la tradizione.

 

Con l'avvicinarsi di un importante conclave del Partito Comunista, previsto per la fine dell'anno, in cui verrà presentata una nuova lista di dirigenti, "la competizione sulla futura direzione della risposta cinese al Covid si è intensificata", ha dichiarato Yanzhong Huang, senior fellow per la salute globale presso il Council on Foreign Relations.

 

li keqiang davos li keqiang davos

Nel suo incontro video con i dirigenti stranieri, Xi non ha dato alcuna indicazione di cambiare l'attuale politica di zero Covid e i dirigenti non sono stati invitati a fargli domande.

 

Secondo il Ministero degli Esteri cinese, "la pandemia che si sta protraendo senza sosta sta rappresentando una seria minaccia per la vita e la salute delle persone, e sta imponendo un pesante tributo all'economia mondiale". Alcuni partecipanti hanno detto che i suoi commenti sembravano distaccati dal fatto che molte economie occidentali si sono riprese relativamente bene dalla pandemia e che l'economia cinese sta ora affrontando una delle maggiori pressioni.

 

li keqiang li keqiang

Dopo lo scoppio dell'Omicron a Shanghai e in altre parti della Cina quest'anno, l'economia cinese ha subito un forte rallentamento, causando una diffusa frustrazione nell'opinione pubblica e spingendo alcune aziende straniere a riconsiderare i loro investimenti in Cina.

 

Apple Inc., ad esempio, ha comunicato agli appaltatori esterni di voler incrementare la produzione al di fuori della Cina, citando l'approccio di Pechino come uno dei motivi, secondo quanto dichiarato da persone coinvolte in queste discussioni.

 

xi jinping xi jinping

I gruppi industriali che rappresentano le aziende occidentali in Cina hanno intensificato gli appelli a Pechino affinché modifichi le sue politiche pandemiche, affermando che le limitazioni ai viaggi e altre restrizioni di lunga data stanno danneggiando i profitti, ostacolando gli investimenti e causando un esodo di dirigenti stranieri.

 

Secondo un sondaggio pubblicato dalla Camera di Commercio dell'Unione Europea in Cina all'inizio di maggio, ben il 23% delle imprese europee sta valutando di spostare le proprie attività fuori dalla Cina, la percentuale più alta degli ultimi dieci anni. La Camera ha esortato le autorità a spostare la strategia di controllo del Covid dalle serrate alla vaccinazione.

 

Gabbie a Shangai Gabbie a Shangai

"Il mondo non sta aspettando la Cina", ha dichiarato in un'intervista Joerg Wuttke, presidente della Camera dell'Unione Europea.

 

Nel frattempo, un sondaggio pubblicato dalla Camera di Commercio Americana in Cina questo mese mostra che più del 50% delle aziende americane ha ritardato o diminuito i propri investimenti in Cina a causa delle recenti epidemie e dei ripetuti blocchi.

 

Code a Pechino per i tamponi Code a Pechino per i tamponi

Secondo uno studio del 2021 dell'Atlantic Council e del Rhodium Group, gli investimenti statunitensi in Cina si erano già stabilizzati nell'ultimo decennio, attestandosi tra i 13 e i 16 miliardi di dollari all'anno, a causa del rallentamento della crescita cinese e dello stallo delle riforme economiche.

 

Code a Pechino per i tamponi 2 Code a Pechino per i tamponi 2

Il messaggio di Li alla comunità imprenditoriale straniera arriva anche nel momento in cui cerca di esercitare un maggiore controllo sulla gestione dell'economia cinese, mentre il suo mandato di premier si avvicina alla fine.

 

Negli ultimi mesi ha contribuito a ridurre alcune delle misure adottate da Xi, che hanno allontanato la Cina dal capitalismo di stampo occidentale e hanno contribuito al rallentamento dell'economia, cercando di influenzare la decisione su chi sarà il suo successore.

 

Code a Pechino per i tamponi 3 Code a Pechino per i tamponi 3

Le osservazioni di Li ai dirigenti stranieri sono state fatte durante un incontro per il 70° anniversario del Consiglio cinese per la promozione del commercio internazionale, un organismo commerciale sostenuto dal governo.

 

Code a Pechino per i tamponi 4 Code a Pechino per i tamponi 4

Nel corso dell'incontro, durato un'ora e mezza, Li non ha menzionato nemmeno una volta la politica dello Zero-Covid di Xi, hanno detto i partecipanti. Appena entrato nella sala riunioni del Diaoyutai, si è tolto la maschera. E dopo aver concluso l'incontro e aver parlato con i partecipanti all'uscita, il suo staff gli ha ricordato di rimettersi la maschera.

 

Campi di quarantena Covid in Cina 5 Campi di quarantena Covid in Cina 5

Alcuni partecipanti all'incontro hanno detto che l'apparente noncuranza del signor Li nei confronti dei rigidi protocolli di Pechino sull'uso della maschera era degna di nota.

 

Li è apparso preoccupato quando i rappresentanti delle imprese straniere hanno parlato di come la strategia Covid della Cina stia lasciando il Paese sempre più isolato, ha preso appunti e ha detto ai partecipanti di dire ai loro governi che la Cina sta ascoltando attentamente le questioni sollevate.

 

"Secondo i partecipanti, questo è un momento speciale e difficile", ha dichiarato durante l'incontro.

 

Condividi questo articolo

politica

È STATA LA MANO DI CRISTINA – TERREMOTO IN ARGENTINA: SI È DIMESSO IL MINISTRO DELL'ECONOMIA MARTÍN GUZMÁN, AFFONDATO DAI CONTINUI ATTACCHI DELLA VICEPRESIDENTE, LA PLURIINDAGATA PER CORRUZIONE CRISTINA KIRCHNER, CHE PUNTA A TORNARE AL POTERE – ORA IL PAESE RISCHIA UN DEFAULT PEGGIORE DI QUELLO DEL 2001: IN QUESTI GIORNI L'ORMAI EX MINISTRO GUZMÁN AVEVA UN APPUNTAMENTO PER RINEGOZIARE CON IL FMI UN PRESTITO DA 2 MILIARDI DI DOLLARI – LA TERZA ECONOMIA DELL'AMERICA LATINA HA IL SECONDO TASSO DI INFLAZIONE PIÙ ALTO TRA LE GRANDI ECONOMIE, PARI AL 60%, IN CONTINUA CRESCITA…

TORTURA E MORTE: RIEDUCAZIONE PUTINIANA – LO SCIENZIATO RUSSO DMITRIJ KOLKER, MALATO TERMINALE AL QUARTO STADIO DI CANCRO AL PANCREAS, È MORTO IN UN OSPEDALE CARCERARIO, LONTANO DA FAMILIARI E AMICI –  ERA ACCUSATO DI ESSERE UNA SPIA AL SERVIZIO DELLA CINA – SECONDO IL FIGLIO SI SAREBBE RIFIUTATO DI TESTIMONIARE CONTRO DUE COLLEGHI DELL’UNIVERSITA' E PER QUESTO SAREBBE STATO CONDANNATO – KOLKER NON È IL PRIMO CASO DI SCIENZIATO INCARCERATO DA PUTIN CON FANTOMATICHE ACCUSE DI SPIONAGGIO

“MA CHI VOLETE PRENDERE PER IL CULO?” – L’IRONIA DI LUCA BOTTURA SU PAOLETTA TAVERNA E STEFANO PATUANELLI, CHE SUI SOCIAL PRIMA LANCIANO IL SASSO POI TIRANO INDIETRO LA MANO: “DICONO CHE È UN ERRORE DELLO STAFF. L'ANALISI SORGE SPONTANEA: MA DAVVERO PENSATE CHE SIAMO VENUTI GIÙ DALLA MONTAGNA DEL SAPONE? MA NON VI VERGOGNATE A TRATTARE I VOSTRI ELETTORI E GLI ITALIANI IN GENERE COME UNA MASSA DI DEMENTI CHE SI BEVE LA QUALUNQUE? VI MERITERESTE DI ESSERE GLASSATI COL MIELE IN UN BOSCO MARSICANO AFFOLLATO DI…”