1. CLIMA PESANTISSIMO TRA MATTARELLA E CONTE. L'USCITA INFELICE DI GIUSEPPI ALLA FESTA DEL "FATTO" SUL SUO MANDATO-BIS HA IRRITATO MOLTISSIMO LA MUMMIA SICULA. PROVA NE È IL RIMPROVERO PESANTISSIMO (E IRRITUALE) CONTENUTO NELLA LETTERA ALLEGATA AL DECRETO SEMPLIFICAZIONI: "HO PROCEDUTO ALLA PROMULGAZIONE SOPRATTUTTO IN CONSIDERAZIONE DELLA RILEVANZA DEL PROVVEDIMENTO NELLA DIFFICILE CONGIUNTURA ECONOMICA E SOCIALE" 
2.  DICONO CHE MARZIO BREDA, IL QUIRINALISTA "VENTRILOQUO" DI MATTARELLA, NON ABBIA POTUTO RACCONTARE I RAPPORTI TESI CON PALAZZO CHIGI. PERCHÉ URBANO CAIRO HA CHIESTO AL DIRETTORE LUCIANO FONTANA DI NON SGUALCIRE LA POCHETTE DI GIUSEPPE CONTE…

Condividi questo articolo

DL SEMPLIFICAZIONI, MATTARELLA FIRMA LA LEGGE MA CON UNA LETTERA DI CRITICHE: "HO PROCEDUTO ALLA PROMULGAZIONE SOPRATTUTTO IN CONSIDERAZIONE DELLA RILEVANZA DEL PROVVEDIMENTO NELLA DIFFICILE CONGIUNTURA ECONOMICA E SOCIALE"

concetto vecchio per repubblica.it – articolo 11 settembre 2020

 

"Ho proceduto alla promulgazione soprattutto in considerazione della rilevanza del provvedimento nella difficile congiuntura economica e sociale".

 

conte mattarella conte mattarella

Lo scrive il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, nella missiva che accompagna la promulgazione della legge Semplificazioni. Una lettera indirizzata ai presidenti del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, della Camera, Roberto Fico, e del Consiglio, Giuseppe Conte.

 

La critica principale che il Capo dello Stato muove al Parlamento è di avere inserito la modifica di quindici articoli del Codice della starda, "che non risultano riconducibili alle predette finalità e non attengono a materia originariamente disciplinata dal provvvedimento".

 

conte mattarella conte mattarella

Una materia insomma, eccentrica rispetto ai contenuti del decreto semplificazioni.

 

Mattarella fa notare l'incongruenza, ricordando che la legge 400 del 1988 annovera tra i requisiti dei decreti legge "l'omogeneità di contenuto". La Consulta, rammenta il Capo dello Stato, ha "in più occasioni richiamato al rispetto di tale requisito". E la legge di conversione "non può aprirsi a qualsiasi contenuto, come del resto prescrive l'articolo 96-bis del regolamento della Camera dei deputati".

 

sergio mattarella giuseppe conte 1 sergio mattarella giuseppe conte 1

Oltretutto la materia è stata approvata in Commissione al Senato, "attraverso un solo emendamento". E così "si è intervenuti in modo rilevante su una disciplina, la circolazione stradale, che, tra l'altro, ha immediati riflessi sulla vita quotidiana delle persone. L'emendamento è stato quindi trasfuso nel più ampio emendamento interamente sostitutivo dell'articolo unico del provvedimento, testo sul quale sia il governo, sia al Senato che alla Camera, ha posto la questione di fiducia".

 

sergio mattarella giuseppe conte 12 sergio mattarella giuseppe conte 12

E' una critica severa al governo e ai presidenti delle Camere. Scrive Mattarella: "Invito il governo a vigilare affinché nel corso dell'esame parlamentare dei decreti legge non vengano inserite norme palesemente eterogenee rispetto all'oggetto e alle finalità dei provvedimenti d'urgenza. Rappresento altresì al Parlamento l'esigenza di operare in modo che l'attività emendativa si svolga in piena coerenza con i limiti di contenuto derivanti dal dettato costituzionale".

 

 

Condividi questo articolo

politica

È MORTO IL DOTTOR FRANZ. ERA UN AGENTE SEGRETO, CHE DA PRAGA MANDÒ UN CABLOGRAMMA: ''MORO È IN VIA GRADOLI''. MA QUALCUNO NASCOSE QUEL MESSAGGIO IN UN CASSETTO - IL RACCONTO DI MARCO GREGORETTI LO INCONTRÒ: ''I SERVIZI ITALIANI MI INGAGGIARONO PER PEDINARE I BRIGATISTI CHE SI ANDAVANO AD ADDESTRARE IN CECOSLOVACCHIA. LI HO VISTI CON I LORO ISTRUTTORI, TUTTI AGENTI DEL KGB E CON I TERRORISTI DELLA RAF, DELL’ETA, E QUELLI LIBICI. GLI EX KGB NEL FRATTEMPO SONO DIVENTATI MILIARDARI DELLA MAFIA RUSSA, CHE FINANZIANO E FORNISCONO ARMI AI TERRORISTI OCCIDENTALI''