COALIZIONE INDIGESTA – MELONI, SALVINI E BERLUSCONI GIURANO CHE IL PROGRAMMA DI GOVERNO DEL CENTRODESTRA È PRONTO E NON CI SONO ATTRITI, MA LA VERITÀ È CE LE QUESTIONI PIÙ SPINOSE SONO SOLO RIMANDATE. A PARTIRE DALLA FLAT TAX: LA LEGA VUOLE L’ALIQUOTA UNICA AL 15%, FORZA ITALIA AL 23. E FRATELLI D’ITALIA INVECE…

-

Condividi questo articolo


Luca Monticelli per “La Stampa”

 

BERLUSCONI SALVINI MELONI - MEME BERLUSCONI SALVINI MELONI - MEME

«Il programma del centrodestra è pronto», dice Maurizio Gasparri. Ieri gli sherpa dei partiti si sono incontrati per definire la bozza finale che sarà vagliata dai leader. Ma l'intesa, di fatto, è solo sui titoli, i veri nodi sono tutti rimandati. A cominciare dalla flat tax che la Lega vorrebbe con un'aliquota al 15%, Forza Italia al 23 e Fratelli d'Italia la immagina invece solo sulla quota di reddito imponibile che supera il livello dell'anno precedente.

 

«Sulla flat tax ogni partito ha la propria idea, ci confronteremo ma la direzione di marcia è unica», sottolinea Alessandro Cattaneo, responsabile dei Dipartimenti di Forza Italia. La formula individuata nella bozza di programma è molto generica e cerca di andare incontro a tutte le forze politiche.

 

Il passaggio su cui è stata sancita l'intesa ieri sera recita: «Estensione della flat tax per le partite Iva fino a 100 mila euro di fatturato (oggi si ferma a 65 mila, ndr), così come sull'incremento di reddito rispetto alle annualità precedenti, con la prospettiva di un ulteriore ampliamento per famiglie e imprese».

 

ARMANDO SIRI MATTEO SALVINI ARMANDO SIRI MATTEO SALVINI

Armando Siri della Lega sostiene che il progetto di flat tax del Carroccio costa "solo" 13 miliardi. Dopo le partite Iva, spiega, la fase 2 prevede l'introduzione di un'unica aliquota al 15% per pensionati e dipendenti: «Per le famiglie monoreddito si prevede una soglia a 50 mila euro con uno scivolo di accompagnamento fino a 55 mila, e per le famiglie bi-reddito tetto a 65 mila euro con uno scivolo che arriva a 70mila euro. Per i single la soglia è a 26 mila euro con uno scivolo a 30 mila».

 

FLAT TAX FLAT TAX

L'impianto della riforma leghista prevede anche una No tax area a 13 mila euro e una fase 3 con la flat tax per le imprese. Un provvedimento complesso su cui gli alleati del centrodestra dovranno confrontarsi ancora a lungo se saranno chiamati a governare il Paese.

 

La revisione del reddito di cittadinanza è un altro di quei temi su cui Giorgia Meloni, Matteo Salvini e Silvio Berlusconi a grandi linee sono d'accordo, ma se si entra nel merito ognuno ha la sua ricetta.

 

alessandro cattaneo foto di bacco (2) alessandro cattaneo foto di bacco (2)

«Per il sussidio si spendono dieci miliardi: sei sono destinati ai non occupabili, che noi vogliamo mantenere e riordinare come sostegno alla povertà nel capitolo welfare. Sull'utilizzo degli altri quattro miliardi la pensiamo diversamente», continua Cattaneo. La Lega, infatti, spinge per una sorta di "voucher formazione" per riassorbire i disoccupati nel mercato del lavoro, Forza Italia è più netta e preferirebbe mettere quei soldi per finanziare il taglio del cuneo fiscale o l'aumento delle pensioni minime a mille euro.

 

SALVINI MELONI BERLUSCONI SALVINI MELONI BERLUSCONI

Tra i 15 punti del programma condiviso da tutti i partiti della coalizione, un posto importante ce l'ha la lotta all'immigrazione clandestina che viene affidata a una nuova edizione dei decreti sicurezza del governo gialloverde (quando Salvini era al Viminale). Stop agli sbarchi quindi, ma senza il blocco navale tanto caro a Giorgia Meloni che non viene citato.

 

Nel documento intitolato "Italia domani" , che ricalca lo slogan scelto dal governo Draghi per il portale sul Piano nazionale di ripresa e resilienza, spicca la collocazione internazionale dell'Italia: «Parte dell'Europa, della Nato e dell'Occidente».

 

SALVINI - BERLUSCONI - MELONI - VIGNETTA BY BENNY SALVINI - BERLUSCONI - MELONI - VIGNETTA BY BENNY

Seguono la riforma del presidenzialismo su cui spinge Fratelli d'Italia e i temi identitari della Lega come il federalismo fiscale e il riconoscimento delle autonomie. Per FdI, ricorda il capogruppo al Senato Luca Ciriani, «sarà importante anche rinegoziare il Pnrr per renderlo adeguato alle nuove esigenze economiche del Paese».

 

Non poteva mancare un capitolo sulla riforma della giustizia, con la separazione delle carriere, la riforma del Csm, la riduzione dei tempi dei processi e la semplificazione delle procedure. Ampio spazio alle misure sulla svolta ecologica definita «una priorità».

 

BERLUSCONI SALVINI MELONI BERLUSCONI SALVINI MELONI

C'è l'impegno a rispettare gli impegni internazionali sul clima e ad accompagnare l'industria nella riconversione, in più si lancia il progetto di introdurre l'educazione ambientale come «materia obbligatoria nelle scuole secondarie». Intanto, anche il tavolo sulle candidature è al lavoro. «È tutto sostanzialmente definito. Mancano i nomi, ma ci arriviamo a cavallo di Ferragosto» annuncia Salvini. Attesa la decisione di Silvio Berlusconi, incerto su una nuova discesa incampo: «Vedremo» dice, anche se, sottolinea, «nel mio partito mi hanno assalito, dicendomi che è importante che mi candidi».

MAURIZIO LEO GIORGIA MELONI MAURIZIO LEO GIORGIA MELONI

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY


politica

CONDONO, CONDONO, CONDONO! – TRAVAGLIO DIFENDE IL SUO IDOLO CONTE SULLA STORIA DELLA NORMA SUL CONDONO DEL 2018: “NON SANAVA UN SOLO ABUSO IN PIÙ DI QUELLI GIÀ COPERTI DALLE SANATORIE DI CRAXI E B. COME SEMPRE, I PIFFERI DI MONTAGNA PARTITI PER SUONARE SONO FINITI SUONATI. MA POSSONO SEMPRE INCOLPARE CONTE PER IL TERREMOTO A ISCHIA DEL 1883” – GRAMELLINI: “FACCIAMOCENE UNA RAGIONE: POICHÉ CIASCUNO SI RITIENE INNOCENTE, A FAR FRANARE ISCHIA NON PUÒ ESSERE STATA CHE LA MANO DI DIO…”