COMPAGNI COLT-ELLY! LA SCHLEIN, CHE DI CORRENTI NON VOLEVA SENTIR PARLARE, SI DEVE ARRENDERE A FRANCESCHINI. "SU-DARIO", GRANDE SPONSOR DI ELLY ALLE PRIMARIE, MOLLA LA SEGRETARIA AL SUO DESTINO, SCIOGLIE LA SUA AREA DEM E PREPARA UN CORRENTONE CON ZINGARETTI, BOCCIA, I LETTIANI, NARDELLA. E’ LUI IL PIANO B PER IL POST-SCHLEIN. SE LA SEGRETARIA DOVESSE ANDARE MALE ALLE EUROPEE, LA CARTA COPERTA SAREBBE IL SINDACO DI FIRENZE…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Lorenzo De Cicco per “la Repubblica”- Estratti

 

Metti una sera insieme Dario Franceschini, Nicola Zingaretti, Francesco Boccia, Marco Meloni (capofila dei lettiani) e perfino Roberto Speranza, che però alla fine avrebbe deciso di sfilarsi.

DARIO FRANCESCHINI ELLY SCHLEIN GATTOPARDO MEME BY SARX88 DARIO FRANCESCHINI ELLY SCHLEIN GATTOPARDO MEME BY SARX88

 

Nel Pd è in incubazione un nuovo correntone: tutti per Elly. Anche se Schlein di correnti non vorrebbe troppo sentir parlare e nella sua cerchia più stretta c’è chi guarda all’operazione più con sospetto che con gratitudine. Ma tant’è: dopo mesi passati a domandarsi “che farà Dario?”, ecco la risposta. L’ex ministro della Cultura scioglierà definitivamente la sua vecchia corrente, Area Dem. Ma non per appendere gli scarpini al chiodo, semmai il contrario. È un rilancio.

 

Prima di Natale, racconta chi ha partecipato alla riunione, che si è tenuta due settimane fa, sarà battezzata una nuova area. Il nome è ancora da scegliere, così come i compagni di viaggio. Non tutti sono convintissimi, altri hanno cortesemente declinato o chiesto tempo. Ci sarà invece Dario Nardella, tanto che i colleghi di partito più abituati a retroscenare (e malignare), leggono l’operazione proprio come un piano B per il post-Schlein. Della serie: se la segretaria dovesse andare male alle Europee, la carta coperta sarebbe il sindaco di Firenze che sogna uno scranno a Bruxelles. 

nardella franceschini nardella franceschini

 

(...)

 

Nardella comunque, che alla riunione non c’era, sarà della partita. Così come dovrebbero esserci i “neo-ulivisti”, cioè i lettiani senza Enrico Letta, che già si sono riuniti il weekend scorso sul lago di Iseo per ufficializzare lo sganciamento dal fronte della minoranza interna e il sostegno pieno alla leader. La presenza alla riunione fa intuire che anche Zingaretti possa essere interessato, così come il capogruppo al Senato Boccia.

 

 

Mentre Speranza, pur stimando Franceschini, non sarebbe convinto di far confluire il suo gruppo, gli ex Articolo 1, in un contenitore zeppo di ex Margherita e cattolici democratici. In ogni caso le manovre sono già partite. La decisione è presa. Manca solo la data del lancio ufficiale, che verrà resa nota nelle prossime settimane e che sarà in calendario prima di Natale, in modo da non arrivare troppo a ridosso delle Europee.

 

elly schlein elly schlein

Anche Bonaccini continua a lavorare alla sua nuova “area” – che non vuole chiamare corrente, come fanno invece due big come Lorenzo Guerini e Piero Fassino: Energia Popolare, dopo la convention a Cesena con ospite Romano Prodi, tornerà a riunirsi il mese prossimo. 

 

(...)

 

 

Quanto alle correnti che si scompongono e ricompongono, come prima, Schlein sembra ormai essersi rassegnata. Non sono più nel mirino, ha fatto capire qualche giorno fa video-collegandosi proprio alla riunione dei lettiani, “purché siano aree culturali e non recinti”.

elly schlein elly schlein

 

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - COME MAI I QUOTIDIANI DEGLI ANGELUCCI (“LIBERO” A FIRMA SECHI, “IL GIORNALE” CON MINZOLINI) HANNO SPARATO A PALLE INCATENATE CONTRO LA MELONA, DOPO LA SCONFITTA IN SARDEGNA, BEN EVIDENZIANDO I SUOI ERRORI E LA SUA ARROGANZA? - MAGARI L'ANGELUCCI FAMILY E’ SCONTENTA PER LE PROMESSE NON MANTENUTE DALLA DUCETTA? - O FORSE LE RASSICURAZIONI RICEVUTE, DOPO LA PRESA DEL SECONDO QUOTIDIANO A MILANO, SI SONO RIVELATE ARIA FRITTA? - LA CAUTELA DI SALLUSTI CHE, PER NON IRRITARE LA DUCETTA, HA LASCIATO SCRIVERE L'EDITORIALE A MINZOLINI…

DAGOREPORT - SUSSURRI MILANESI DI TERZO POLO TV: LA7 DI CAIRO, TV8 DI SKY E NOVE DEL GRUPPO WARNER BROS-DISCOVERY STANNO RAGIONANDO SULL’OPPORTUNITÀ DI CREARE UN “CARTELLO” PER ARRIVARE A PALINSESTI “RAGIONATI”, EVITANDO DI FARSI CONCORRENZA NELLE RISPETTIVE SERATE “FORTI” - FABIO FAZIO “PESCE PILOTA” PER PORTARE A NOVE ALTRI TELE-DIVI RAI (L’ARRIVO DEL DESTRISSIMO GIAMPAOLO ROSSI COME AD A VIALE MAZZINI DARÀ L’AVVIO ALLA DIASPORA DEI RANUCCI E COMPAGNI...)

DAGOREPORT! - LA SCONFITTA IN SARDEGNA AVVIA LA RESA DEI CONTI MELONI-SALVINI - DUCETTA-VENDETTA: VUOLE DISARCIONARE IL “CAPITONE” DALLA GUIDA DELLA LEGA, PER AVERE UN CARROCCIO MODERATO A TRAZIONE NORDISTA CON LA “SUPERVISIONE” DI ZAIA, FEDRIGA E GIORGETTI -  MA PER “CONQUISTARE” IL DOGE, TOCCA RISOLVERE LA GRANA DEL TERZO MANDATO: CON UNA LEGGE DI RIORDINO DEGLI ENTI LOCALI: LE REGIONI DECIDERANNO SUL NUMERO DEI MANDATI - LA ''CONCESSIONE'' CHE SI MATERIALIZZERÀ PER ZAIA SOLTANTO DOPO LA DETRONIZZAZIONE DI SALVINI DALLA GUIDA DELLA LEGA. DELLA SERIE: FRIGGERE IL “CAPITONE”, VEDERE CAMMELLO - LA CONTROMOSSA DI SALVINI: CHIEDERE AL CONSIGLIO FEDERALE DELLA LEGA UN MANDATO PER CHIARIRE LO STATO DI SALUTE DELL'ALLENZA PER POI TOGLIERE L'APPOGGIO  AL GOVERNO - QUANDO LA MELONA SI AUTO-DEFINISCE “NANA” VUOLE FAR SAPERE A SALVINI CHE CONOSCE LO SFOTTÒ CHE LUI USA PER SBERTUCCIARLA (“NANA BIONDA”) – ABRUZZO, EFFETTO TODDE: CALA IL VANTAGGIO DEL MELONIANO MARSILIO SUL CANDIDATO DEL CAMPOLARGO, D'AMICO...

DAGOREPORT - LA FESTA APPENA COMINCIATA È GIÀ FINITA? NO: MA LA SARDEGNA SARÀ L’INIZIO DELLA FINE SE LA DUCETTA NON SI FICCA NELLA TESTOLINA CHE LA POLITICA NON È “QUI COMANDO IO!” - GRAZIE A SU POPULU SARDU, IL CENTROSINISTRA UNITO HA PIÙ NUMERI DEL CENTRODESTRA A PEZZI - FINO A IERI, ALLE AVVISAGLIE DI SALVINI DI TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO, LA MELONA GHIGNAVA MINACCIANDO DI RIPORTARE LA “NAZIONE” AL VOTO. E CON LA VITTORIA DI TRUZZU, AVREBBE CAPITALIZZATO LA SUA PREMIERSHIP DA EROE DEI DUE MONDI - CON LA DISFATTA SARDA E SALVINI AL MURO, DOVE VA “IO SO’ GIORGIA E VOI NON SIETE UN CAZZO”? - SENZA IL TERZO MANDATO, ZAIA PRONTO A SCENDERE DAL CARROCCIO E ADERIRE ALLA LIGA VENETA, LA LEGA SI SPACCA. PER LA DUCETTA INIZIANO GIORNI MOLTO, MOLTO DIFFICILI…