IL COMPROMESSO AL RIBASSO SUL SALARIO MINIMO – LA PROPOSTA DEL MINISTRO ANDREA ORLANDO PREVEDE MINIMI SALARIALI CALCOLATI SUI CONTATTI PIÙ RAPPRESENTATIVI DI CATEGORIA: UN ACCROCCHIO PER EVITARE DI IMPANTANARSI SULL’INTRODUZIONE DEL SALARIO MINIMO LEGALE, UGUALE PER TUTTI – DRAGHI HA BISOGNO DI PLACARE I SINDACATI, E DI DARE UN CONTENTINO AI GRILLINI: SE IL PIL SARÀ MIGLIORE DEL PREVISTO, IL DECRETO AIUTI POTREBBE LIEVITARE A 10-12 MILIARDI (SENZA SCOSTAMENTO DI BILANCIO)

-

Condividi questo articolo


Ilario Lombardo per “la Stampa”

 

roberto garofoli roberto garofoli

La frase di cui tener conto per capire cosa dirà Mario Draghi domani ai sindacati è questa di Roberto Garofoli, pronunciata l'altro ieri sera a Polignano a Mare: «A luglio faremo un nuovo decreto legge, corposo nella quantità e nelle misure».

 

Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, uomo di fiducia del premier e regista dei provvedimenti che passano da Palazzo Chigi, non offre altre anticipazioni, perché come tutti nel governo attende i dati sulla crescita che arriveranno nelle prossime ore. Se il Pil sarà migliore del previsto ci saranno molte più risorse da investire.

 

mario draghi g7 germania mario draghi g7 germania

Ci spera più di tutti il ministro dell'Economia Daniele Franco, anche per resistere alle pressioni dei partiti che chiedono insistentemente lo scostamento di bilancio. Passare dallo 0,1% allo 0,3-0,4% significa che il Tesoro avrebbe uno spazio di manovra più ampio e si potrebbe permettere un decreto più robusto, appunto, rispetto agli 8-9 miliardi previsti finora. Lieviterebbe ad almeno 10 miliardi, forse anche 12 come aveva anticipato La Stampa qualche settimana fa.

 

GIUSEPPE CONTE DOPO L INCONTRO CON MARIO DRAGHI GIUSEPPE CONTE DOPO L INCONTRO CON MARIO DRAGHI

In questo modo si riuscirà a inserire nel decreto anche altro e non solo gli importantissimi interventi sulle bollette, dalla proroga dei crediti di imposta energetici per le imprese al rinnovo degli sconti sulla benzina. La risposta all'inflazione, dirà Draghi ai segretari di Cgil, Cisl e Uil, passa anche da un intervento su salari e rinnovi contrattuali, che serviranno a mettere in sicurezza le buste paga e i consumi.

 

MARIO DRAGHI DANIELE FRANCO MARIO DRAGHI DANIELE FRANCO

Si partirà da qui, un anticipo della manovra d'autunno. Per placare i sindacati, e nella speranza anche di disinnescare gli ultimatum del M5S sulle emergenze sociali. Il governo è pronto a dare il via libera alla proposta di Andrea Orlando: minimi salariali calcolati sui contratti più rappresentativi di categoria, cioè garantiti dal numero maggiore di sigle sindacali.

 

DANIELE FRANCO MARIO DRAGHI ANDREA ORLANDO DANIELE FRANCO MARIO DRAGHI ANDREA ORLANDO

Un compromesso per evitare di impantanarsi sulla legge del salario minimo legale. L'Europa vuole una norma ma all'interno del perimetro d'intervento lasciato da Bruxelles i partiti sono spaccati, perché il centrodestra è contrario. Draghi ha voluto impostare l'incontro di domani sui sindacati su una premessa: «Creare un percorso, da costruire assieme».

 

Lo farà anche per rispondere all'accusa del leader della Cgil Maurizio Landini, che ieri un colloquio sulla Stampa dopo aver ricordato di aver «lavorato molto bene con il governo Conte» ha detto: «Quello attuale non ci ascolta».

MARIO DRAGHI E MAURIZIO LANDINI MARIO DRAGHI E MAURIZIO LANDINI

 

Draghi intende rispolverare la promessa di un patto sociale, fatta agli albori del suo governo, e poi abbandonata nel corso dei mesi. C'è un'agenda, e ora serve un dialogo più serrato sui nodi socialmente rilevanti che la guerra, la crisi energetica e delle materie prime impongono.

A Palazzo Chigi già immaginano che gran parte del confronto con i rappresentanti dei lavoratori si concentrerà sul cuneo fiscale. Anche su questa misura, cara a tutti i partiti e a Confindustria, non ci saranno preclusioni. In vista della legge di Bilancio, si sta cercando una formula sul taglio del costo del lavoro per i redditi medio-bassi.

 

Per le imprese guidate da Carlo Bonomi andrebbero messi subito a disposizione 16 miliardi, a favore dei portafogli di chi guadagna meno di 35 mila euro. Una cifra che Draghi però considera enorme. Altra preoccupazione che sarà condivisa con i sindacati: la spirale inflattiva. Bisogna evitare di aggiungere inflazione a inflazione, caricando sui salari un'illusione monetaria.

GIUSEPPE CONTE MAURIZIO LANDINI GIUSEPPE CONTE MAURIZIO LANDINI

 

Al tavolo con Orlando, Franco e Draghi si discuterà anche di incentivi al welfare aziendale, di premi di produttività e di possibile detassazione degli aumenti contrattuali e dei buoni pasto. E ancora: di cassa integrazione e di smart working. Considerato che il premier, come detto, vuole porsi in posizione di ascolto, è difficile che non verrà toccato il tema della pensioni, e dell'impasse sulla legge Fornero, pronta a tornare nel 2023 se non ci sarà prima una riforma.

MARIO DRAGHI ANDREA ORLANDO MARIO DRAGHI ANDREA ORLANDO mario draghi e maurizio landini mario draghi e maurizio landini maurizio landini mario draghi 2 maurizio landini mario draghi 2 MARIO DRAGHI ROBERTO GAROFOLI MARIO MONTI PIERO GIARDA MARIO DRAGHI ROBERTO GAROFOLI MARIO MONTI PIERO GIARDA

 

Condividi questo articolo

politica