CONTE FA TUTTO DA SOLO. VEDE OGNI CONFRONTO COME UN TENTATIVO DI SMINUIRE IL SUO RUOLO. E NEI PALAZZI DELLA POLITICA, DAL QUIRINALE ALLA BANCA D'ITALIA, SI FA LARGO IL TEMA DELLA POST EMERGENZA SANITARIA: PER LA “RICOSTRUZIONE”, PER RISPONDERE AL DESERTO ECONOMICO, AI NEGOZI CHIUSI, ALLE FABBRICHE FERME, AL TURISMO FANTASMA, A CHI STA A CASA E NON LAVORA, CONTE È L’UOMO GIUSTO?

-

Condividi questo articolo

ITALIA CRAC BUCO ITALIA CRAC BUCO

Vittorio Macioce per “il Giornale”

 

Conte fa tutto da solo. Mancano poche ore alla presentazione in consiglio dei ministri del «decreto liquidità». È la mossa di aprile del governo per rispondere al deserto economico, ai negozi chiusi, alle fabbriche ferme, al turismo fantasma, a chi sta a casa e non lavora, a chi domani si chiede se avrà ancora un lavoro, a chi non ha più soldi per fare la spesa. È la ricerca di soldi per non dover mettere sull' Italia in cartello fallimento.

 

Gualtieri Conte Gualtieri Conte

L' impressione è che ci si stia muovendo con un certo ritardo. Germania, Francia, Spagna, Stati Uniti stanno già muovendo i soldi per evitare il crack. L' Italia sembra ancora ferma alle buone intenzioni. Il virus qui è arrivato prima, la risposta economica dopo. Conte fa capire che non potevamo permetterci di pensare subito ai soldi, perché la preoccupazione più urgente è sopravvivere. L' Italia sta ancora combattendo contro la morte. Su questo non gli si può certo dare troppo torto. La «ricostruzione» è un tema che il governo fatica ad affrontare. I motivi sono anche politici.

CONTE MERKEL SANCHEZ MACRON CONTE MERKEL SANCHEZ MACRON

 

È sera e a distanza c' è un confronto tra Federico D' Inca, ministro per i Rapporti con il Parlamento, i sottosegretari Simona Malpezzi, Gianluca Castaldi, Antonio Misiani e Laura Castelli e i capigruppo di Camera e Senato dei partiti d' opposizione. Più tardi si fa vedere anche Roberto Gualtieri, il ministro dell' Economia.

È un tavolo tecnico sul decreto. Chi la chiama cabina di regia pecca di ottimismo. La realtà è che il confronto è minimo.

 

I rappresentanti del governo si limitano a raccontare le misure che intendono prendere.

Conte, videoconferenza europea Conte, videoconferenza europea

Non c' è dialogo. L' opposizione fa le sue proposte. La più importante sono i 100 miliardi di garanzie bancarie per piccola impresa, artigiani e commercianti. Si parla anche di reintroduzione dei voucher e di abolizione del minimo contributivo Inps. D' Inca e Gualtieri ne prendono atto e si limitano a dire «vi faremo sapere».

Giuseppe conte e le autocertificazioni – Italian beauty by sciscia/spinoza Giuseppe conte e le autocertificazioni – Italian beauty by sciscia/spinoza

 

Lo spirito di collaborazione che tanto sta a cuore a Mattarella è una finzione. Nessuno in questo momento vuole fare polemiche, ma se si parla con Tajani, Salvini o la Meloni si nota un certo scetticismo. Il decreto, dicono, è pronto, ma di fatto non ci hanno coinvolto. Non c' è stato uno scambio di idee.

 

Tutto scorre seguendo la linea della pura formalità. Ma per adesso niente polemiche.

Questo ha a che fare con l' atteggiamento di Conte. Il premier, si è capito, non ama lavorare molto con gli altri. Vede ogni confronto come una limitazione, come un tentativo di imbrigliare o sminuire il suo ruolo. Si sente il protagonista di questa stagione tragica e tende a non fidarsi.

GIUSEPPE CONTE NELLA VIGNETTA DI FRANK GIUSEPPE CONTE NELLA VIGNETTA DI FRANK

 

Il confronto è con un ristretto gruppo di persone. Non esiste, attenzione, un partito di Conte. Quello che c' è è un gabinetto di guerra del presidente del Consiglio. Il discorso che fa è più o meno questo: la responsabilità è mia e mi assumo il dovere delle scelte. I dubbi, per alleati e avversari, sono sulla capacità dell' ex avvocato del popolo di sostenere un ruolo alla Churchill.

 

Zingaretti e il Pd non ne sono affatto convinti. Da qui viene la richiesta sempre più pressante di un commissario per la ricostruzione. È una questione di fiducia. Il Pd non ne ha. Renzi ancora di meno. I Cinque Stelle vanno per conto loro e indicano nel reddito di cittadinanza l' unica soluzione. Nessuno però se la sente davvero di cambiare in corsa. Il risultato è che all' interno della maggioranza le frizioni stanno diventando quotidiane.

 

mattarella visco mattarella visco

Non si segue una strategia. Conte infatti sta sul fronte del palco, ma alla fine non è neppure un decisionista. Gualtieri, più fedele al Pd e all' Europa che al premier, si mostra ancora più cauto. Il risultato è che i decreti economici assomigliano a pezze d' appoggio piuttosto improvvisate.

 

Questo preoccupa sia il Quirinale sia la Banca d' Italia. Mattarella e Visco da settimane chiedono azioni più incisive.

Ci sarebbe anche l' Europa. Solo che lì la situazione resta in stallo. I tempi sono lunghi e le posizioni distanti. Anche questa volta i nostri difficilmente arriveranno.

 

Condividi questo articolo

politica

STURM UND TRUMP! IL PRESIDENTE USA PORTATO CON LA FAMIGLIA NEL BUNKER DURANTE LE MANIFESTAZIONI DAVANTI ALLA CASA BIANCA (ERA DALL’11 SETTEMBRE CHE IL BUNKER NON VENIVA UTILIZZATO) – AMERICA IN RIVOLTA DOPO L’OMICIDIO FLOYD. LE RIBELLIONI E LE VITTIME DEL CORONAVIRUS SONO E SARANNO ADDEBITATE A TRUMP. BIDEN VOLA: ORA HA 10 PUNTI DI VANTAGGIO NEI SONDAGGI (SENZA FAR NULLA…). PS: GLI SCONTRI SOCIALI POTREBBERO INCENDIARE ANCHE L’EUROPA, CAUSA POVERTÀ, CHE SI PREFIGURA DILAGANTE…

CRISTALLO IN FRANTUMI – GLI ITALIANI? VISTI DAGLI OCCHI RADICAL CHIC DELLE SARDINE E DALLA LEADER CALABRESE JASMINE CRISTALLO SONO UN POPOLO DI CIUCCI: “L’ITALIA È IL PAESE PIÙ IGNORANTE D’EUROPA E CHE SI PIAZZA IN DODICESIMA POSIZIONE A LIVELLO MONDIALE”, SCRIVE SCAGLIANDOSI CONTRO “GLI INTELLETTUALI INDIGNATI PER IL TONO ‘PATERNALISTICO’ DI CONTE DURANTE L’EMERGENZA SANITARIA” – DETTO DA QUELLI CHE AVEVA TWITTATO CHE ALDO MORO ERA STATO AMMAZZATO DALLA MAFIA…