CONTE, IL “BECCHINO” DEL PD – SINISTRA ITALIANA ANNUNCIA CHE NEL LAZIO NON SOSTERRÀ ALESSIO D’AMATO, CANDIDATO DI PARTITO DEMOCRATICO E TERZO POLO, MA CONVERGERÀ SUL NOME SCELTO DA CONTE (CHE ANCORA È IGNOTO) – IL SEGRETARIO REGIONALE, MASSIMO CERVELLINI: “CERCHEREMO DI VERIFICARE SE C'È LA POSSIBILITÀ DI MANTENERE L'ALLEANZA CON I VERDI MA LI VEDIAMO ANCORA 'ATTRATTI' DA QUESTO CAMPO CON IL PD. VISTO CHE NON C'È UN TEMPO INFINITO, PARTIREMO PRESTO CON LE INTERLOCUZIONI CON IL MOVIMENTO 5 STELLE E CON LE ALTRE FORZE DI SINISTRA"

-

Condividi questo articolo


MASSIMO CERVELLINI MASSIMO CERVELLINI

(ANSA) - "Non staremo con il Pd e Calenda. Per un'incompatibilità su elementi portanti e un profilo politico a guida Calenda" che sostiene D'Amato. Siamo per l'ecosostenibilità, sanità e trasporti pubblici. In questo campo non possiamo esserci.

 

Ovviamente cercheremo, in queste ore, di verificare se c'è la possibilità di mantenere l'alleanza con i verdi ma li vediamo ancora 'attratti' da questo campo con il Pd. Visto che non c'è un tempo infinito, partiremo presto con le interlocuzioni con il Movimento 5 stelle e con le altre forze di Sinistra". Così all'ANSA il segretario regionale di Sinistra Italiana, Massimo Cervellini, in merito a quanto deciso oggi in segreteria regionale.

 

ALESSIO DAMATO ALESSIO DAMATO

"Con i Verdi abbiamo un lista insieme ci sarà il prima possibile l'interlocuzione finale per capire che cosa valutano loro", ha aggiunto il segretario regionale di Sinistra Italiana, Massimo Cervellini.

ALESSIO DAMATO CARLO CALENDA ALESSIO DAMATO CARLO CALENDA alessio damato nicola zingaretti alessio damato nicola zingaretti

 

 

Condividi questo articolo

politica

“AI TEMPI DI DRAGHI PER MOLTO MENO DURIGON ERA STATO COSTRETTO A DIMETTERSI DA SOTTOSEGRETARIO…” - NELLA MAGGIORANZA COVA IL MALCONTENTO PER IL CASO DONZELLI-DELMASTRO - NELLA LEGA IERI NESSUNO HA RIBADITO LA SOLIDARIETÀ ESPRESSA DA SALVINI VERSO DONZELLI E BERLUSCONI HA DEFINITO “INAPPROPRIATO” IL DISCORSO DEL FEDELISSIMO DI GIORIGA MELONI - L’AFFONDO DEL RONZULLIANO GIORGIO MULÉ: “DICIAMO CHE SE IL PRESIDENTE DELLA CAMERA DECIDE DI ISTITUIRE IL GIURÌ D’ONORE, NON C’È FUMUS PERSECUTIONIS CONTRO DONZELLI…”

“MI SONO IMMOLATO DICENDO CHE DONZELLI È UN GENIO, ORA NON POSSONO ROMPERMI I COGLIONI PER QUEI DUE MILIONI DI EURO A LAMPEDUSA” - SALVINI SPIEGA A GIORGETTI COSA VUOLE IN CAMBIO PER LA DIFESA ACCORATA DEL VICEPRESIDENTE DEL COPASIR SUL CASO COSPITO - AL MINISTRO DELL’ECONOMIA, IL CAPITONE HA CONSEGNATO IL MESSAGGIO: “GIANCA, FAMMI SAPERE PER QUELLA ROBA LÀ, CHE MI INCAZZO…” - SALVINI SI ASPETTA MENO RESISTENZE SUI TEMI CARI ALLA LEGA, A PARTIRE DALLA GESTIONE DEI FLUSSI MIGRATORI…