CONTE PERDE ALTRI PEZZI? - SE IL M5S DECIDESSE DI NON VOTARE LA FIDUCIA AL DECRETO AIUTO, 7-8 SENATORI SAREBBERO PRONTI A LASCIARE IL MOVIMENTO - ALLA CAMERA SONO 15-20 QUELLI CON LA VALIGIA PRONTA A PASSARE A “INSIEME PER IL FUTURO” DI LUIGI DI MAIO…

-

Condividi questo articolo


CONTE DRAGHI CONTE DRAGHI

Estratto dell’articolo di An. Bull. Fr. Malf. per “il Messaggero”

 

[…] Ieri pomeriggio intanto Conte ha riunito l'intero consiglio di guerra di grillino. Nessuna decisione però dicono sia stata presa. «Attenderemo fino all'ultimo minuto». Si fanno i conti, nel quartier generale di Campo i Marzio. Si valutano scenari e si soppesano benefici e costi. Quelli delle possibili perdite di eletti, innanzitutto. Stimate, a Palazzo Madama, in almeno 7-8 senatori che, in caso di addio a Draghi, sarebbero pronti a lasciare il Movimento.

 

GIUSEPPE CONTE DOPO L INCONTRO CON MARIO DRAGHI GIUSEPPE CONTE DOPO L INCONTRO CON MARIO DRAGHI

Alla Camera, i numeri sono ancora più preoccupanti, per il fronte degli oltranzisti: 15, forse 20 deputati in procinto di lasciare, se la decisione alla fine dovesse essere quella di non votare la fiducia. Perché è vero che il grosso delle truppe grilline, anche a Montecitorio, ripete che «seguiremo le decisioni di Conte». Ma più l'ala dei falchi alza il tiro, più quella delle colombe si mostra irritata. Delusa. Alcuni di loro in queste ore espongono i loro dubbi ai fuoriusciti dal Movimento, come Emilio Carelli. Che all'avvocato dà un consiglio: «Sia se stesso. L'abito dell'uomo di lotta non gli si addice».

 

Condividi questo articolo

politica

MACRON E SCHOLZ HANNO NOSTALGIA DI DRAGHI – LA COPPIA NON BASTA, OCCORRE IL TRIANGOLO PER FRONTEGGIARE LA CRISI: MANCA MARIOPIO E IL SUO RUOLO DI CANALE DI MEDIAZIONE TRA EUROPA E USA –  IL MANDATO DI CHARLES MICHEL ALLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO EUROPEO SCADE A NOVEMBRE 2024. MA L'EMERGENZA E' ORA, E QUINDI LO TAMPINANO CON LUNGHE TELEFONATE CHIEDENDO CONSIGLI – LA PROPOSTA (SCARICA) DI BRETON-GENTILONI PER SEDARE I MAL DI PANCIA EUROPEI: “SE ANDIAMO AVANTI COSÌ, PRIMA O POI TUTTI DIRANNO CHE SULLE SANZIONI ALLA RUSSIA HA RAGIONE ORBAN...”

FINE DI UN’ERA - NON SOLO DI MAIO, TRA I DEPRESSI DAL NUOVO CORSO POLITICO C’È GIANNI LETTA - L’EMINENZA AZZURRINA, CACCIATO DAL “CERCHIO MAGICO” DELLA RONZULLI, HA AFFIDATO AGLI AMICI L’AMAREZZA PER LA FINE DEL RAPPORTO CON SILVIO BERLUSCONI: “QUEL CHE MI DISPIACE DI PIÙ È CHE NON GLI MANCO. E SE LO CHIAMO NEANCHE ME LO PASSANO…” - UNA VOLTA TUTTA ROMA, E MEZZA ITALIA, CHIEDEVA UDIENZA A GIANNI LETTA. OGGI È LUI AD ANDARE DA AMICI E CONFIDENTI PER SFOGARSI…

CHI È GIOVANBATTISTA FAZZOLARI – IL “GIANNI LETTA DELLA MELONI” È SUBITO FINITO NEL MIRINO DI IMPRENDITORI, MANAGER E LECCACULI VARI E AVARIATI CHE SMANIANO DI INCONTRARLO PER SALTARE SUL CARRO DELLA DUCETTA - TIPO TOSTO, PREPARATISSIMO, GRAN LAVORATORE E MOLTO RISERVATO: NON VA A CAFONALIZZARSI DA NESSUNA PARTE, ZERO PARTECIPAZIONI AI TALK, SI FA VIVO SOLO QUANDO AFFIANCA LA MELONI NEGLI INCONTRI IMPORTANTI - POTREBBE RICOPRIRE IL RUOLO DI SOTTOSEGRETARIO ALLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO, INCARICO NEVRALGICO NELLA GESTIONE DEL POTERE, MA CHE TI SPREME H24. MA, DAVANTI A UNA ROGNA PIÙ GROSSA DELL’ALTRA, GIORGIA HA BISOGNO DI AVERLO ACCANTO ANCHE LEI H24…

LA PASSIONE SECONDO CONTE: LA FIDANZATA OLIVIA LO BACIA E LUI ABBRACCIA IL CANE – “CHI” PUBBLICA LE FOTO “RUBATE” DI PEPPINIELLO APPULO CON LA SEMPRE PIU' FILIFORME PALADINO A SPASSO PER ROMA - I DUE SI ACCOCCOLANO SU UNA PANCHINA E LEI NON RESISTE AL FASCINO DEL MASANIELLO IN POCHETTE, LO CINGE E SI AVVICINA PER UNA DOLCE EFFUSIONE - E COSA FA IL NOSTRO GENTILISSIMO PEPPINIELLO? NON SGUINZAGLIA LA LINGUA, CHIUDE LE LABBRA A CULO DI GALLINA E INFLIGGE UN BACETTO A STAMPO D'ALTRI TEMPI, DA UOMO DELICATISSIMO...