CONTE TRACCHEGGIA SUL MES E FA INCAZZARE FORZA ITALIA - ANNA MARIA BERNINI: “SE SONO VERE LE INDISCREZIONI DI STAMPA SECONDO CUI LA RISOLUZIONE DI MAGGIORANZA NON CONTERRÀ ALCUN RIFERIMENTO AL MES, PER NON IRRITARE L'M5S E RINVIARE TUTTO A SETTEMBRE, NOI LO RITERREMMO UN ATTO DI TOTALE IRRESPONSABILITÀ DI FRONTE AL QUALE FORZA ITALIA SAREBBE COSTRETTA A MODIFICARE IL SUO ATTEGGIAMENTO DI COLLABORAZIONE ISTITUZIONALE. PER ESSERE PIÙ CHIARA: IN UNA SITUAZIONE DEL GENERE, NON VOTEREMMO LO SCOSTAMENTO DI BILANCIO".

-

Condividi questo articolo

Da www.ansa.it

 

anna maria bernini silvio berlusconi al quirinale anna maria bernini silvio berlusconi al quirinale

"Il premier non ha ancora fissato la data per l'annunciato incontro con l'opposizione e chissà se mai lo farà. Ma a luglio in Parlamento dovrà presentarsi sia per il nuovo scostamento di bilancio - sul quale evidentemente non ha intenzione di confrontarsi con noi - sia per le comunicazioni prima del Consiglio europeo. Ecco: se sono vere le indiscrezioni di stampa secondo cui la risoluzione di maggioranza non conterrà alcun riferimento al Mes, per non irritare l'M5s e rinviare tutto a settembre, noi lo riterremmo un atto di totale irresponsabilità di fronte al quale Forza Italia sarebbe costretta a modificare il suo atteggiamento di collaborazione istituzionale con un governo che rema palesemente contro l'interesse nazionale. Per essere più chiara: in una situazione del genere, non voteremmo lo scostamento di bilancio". Lo dichiara in una nota la presidente dei senatori di Forza Italia Anna Maria Bernini.

Gualtieri Conte Gualtieri Conte

 

 

Condividi questo articolo

politica

GARA DI RUTTE! – STATE A VEDERE: ALLA FINE CI TOCCHERÀ PRENDERE IL MES PERCHÉ IL RECOVERY FUND AVRÀ PIÙ CONDIZIONALITÀ – DALL’INCONTRO CON IL PREMIER OLANDESE CONTE NON HA CAVATO UN RAGNO DAL BUCO. I FRUGALI VOGLIONO DARCI SOLDI SOLO VERIFICANDO LO STATO DELLE RIFORME. E LA MERKEL SOSTANZIALMENTE È D’ACCORDO (INFATTI HA FATTO PASSARE LA GOVERNANCE DEL PIANO AL CONSIGLIO UE) – IL CARTELLO DI GEERT WILDERS, ALLEATO DI SALVINI IN EUROPA: “NON UN CENTESIMO ALL’ITALIA

LA VERA EMERGENZA È CONTE – IL VOLPINO DI PALAZZO CHIGI DOPO LE POLEMICHE COSTRETTO A PRECISARE: “LA PROROGA DELLO STATO DI EMERGENZA SARÀ UNA DECISIONE FATTA CON IL PARLAMENTO”. COME SE FOSSE UNA SUA ILLUMINATA CONCESSIONE! –  MATTIA FELTRI: “DUNQUE, DA QUI A FINE ANNO, CONTINUEREBBE A DECIDERE QUESTO E QUELLO PER COME GLI GIRA. ED È BUFFO PERCHÉ SIAMO (QUASI) TUTTI TORNATI AL LAVORO, VIAGGIAMO, ANDIAMO AL RISTORANTE. SOLTANTO IL GOVERNO SI SENTE DI RESTARE IN UN REGIME ECCEZIONALE E, A ESSERE MALIZIOSI, VIEN DA PENSARE CHE SIA…”