COSA ACCADREBBE SE L'UCRAINA CHIEDESSE LA PACE IN CAMBIO DEI TERRITORI CHE PUTIN HA GIÀ STRAPPATO CON LA FORZA? - L’IPOTESI DI FUBINI: “PUTIN HA SEMPRE DETTO CHE: 1) NON RICONOSCE IL DIRITTO ALL'ESISTENZA DI UN'UCRAINA INDIPENDENTE 2) VUOLE UN GOVERNO-FANTOCCIO A KIEV 3) VUOLE UN'UCRAINA INCAPACE DI DIFENDERSI ("DEMILITARIZZAZIONE") 4) NON RICONOSCE IL DIRITTO DI POLONIA E PAESI BALTICI DI FAR PARTE DELLA NATO. NESSUNO DI QUESTI 4 PROBLEMI SAREBBE RISOLTO DA UNA PRESUNTA "PACE" CON CESSIONE DI DONBASS E MARIUPOL. L'UCRAINA SAREBBE SOLO PIÙ FRAGILE, POVERA, DESTABILIZZATA E PUTIN CONCLUDEREBBE CHE AGGREDIRE FUNZIONA…”

-

Condividi questo articolo


Dall’account twitter di Federico Fubini

 

FEDERICO FUBINI FEDERICO FUBINI

Kissinger è uno statista che ha avuto intuizioni giuste e anche sbagliate. Ha sostenuto il disgelo con la Cina nel 1972 ma anche il bombardamento della Cambogia nel '70. Non è detto che concessioni di territorio ucraino alla Russia siano la soluzione perché "lo dice K"

 

Proviamo a testare questo "what if": cosa accadrebbe se l'Ucraina chiedesse la pace in cambio dei territori che Putin ha già strappato (e distrutto) con la forza? Putin non ha mai detto che fa la guerra perché vuole il Donbass o Mariupol.

PUTIN ZELENSKY PUTIN ZELENSKY

 

Putin ha sempre detto 4 cose.

1. Non riconosce il diritto all'esistenza di un'#Ucraina indipendente

2. Vuole un governo-fantoccio a Kiev come a Minsk ("denazificazione")

3. Vuole un'Ucraina incapace di difendersi ("demilitarizzazione")

4. Non riconosce il diritto di #Polonia e #Baltici di far parte della #Nato (ma la Russia nel 1997 accettò l'aspirazione di quei Paesi ex Patto di Varsavia a entrare).

LA SITUAZIONE NEL DONBASS AL 27 MAGGIO 2022 LA SITUAZIONE NEL DONBASS AL 27 MAGGIO 2022

 

Nessuno di questi 4 problemi sarebbe risolto da una presunta "pace" con cessione di Donbass e Mariupol. Dunque che accadrebbe a quel punto? #Putin avrebbe vinto un'altra partita, dopo quella della #Crimea. L'#Ucraina e i Paesi che la sostengono avrebbero perso un'altra partita. L'Ucraina sarebbe più fragile, più povera, destabilizzata. Putin concluderebbe che aggredire funziona.

 

Sarebbe questione di tempo prima che la Russia si riorganizzi per scatenare ancora un'altra offensiva, in base ai fini stabili con trasparenza da tempo: governo-fantoccio a Kiev, destabilizzazione della Nato. A quel punto Moldova, Polonia e Baltici sono direttamente minacciate.

 

putin zelensky putin zelensky

E se sono minacciate nazioni della Nato e della Ue, siamo minacciati noi stessi, lo è il nostro ordine di sicurezza, il nostro ordine politico. Dunque chi dice "diamo parte dell'Ucraina a #Putin e chiudiamola qui" o non capisce o è dalla parte di Putin. Tertium non datur - fine.

 

Condividi questo articolo

politica

I RUSSI SONO RIMASTI A PIEDI – LE SANZIONI CONTRO MOSCA COMINCIANO A MORDERE: IN RUSSIA 18 FABBRICHE DI AUTO SU 20 HANNO CHIUSO, LA PRODUZIONE DI VETTURE È CROLLATA DEL 97% RISPETTO ALL'ANNO SCORSO – IL MOTIVO PRINCIPALE È LA MANCANZA DI COMPONENTI IMPORTATI DALL'OCCIDENTE – ALTRA CREPA NELL’ECONOMIA RUSSA: GAZPROM HA ANNUNCIATO CHE NON DISTRIBUIRÀ DIVIDENDI E IL TITOLO DEL COLOSSO DEL GAS È CROLATO DEL 30% – NEL FRATTEMPO IL RUBLO, ANZICHÉ PERDERE VALORE, SI È RIVALUTATO (ANCHE PERCHÉ ORMAI NON C'È UN MERCATO SU CUI SCAMBIARLO)

“SE HO ANCORA FIDUCIA IN DRAGHI? NE PARLIAMO LUNEDÌ” – GIUSEPPE CONTE FA IL PREZIOSO, MA HA GIÀ ABBASSATO IL CIUFFO: NIENTE APPOGGIO ESTERNO, NIENTE USCITA. IL MOVIMENTO 5 STELLE RESTA NELLA MAGGIORANZA COME VUOLE GRILLO – OGGI CI SARÀ UNA TELEFONATA TRA IL PREMIER E IL FU AVVOCATO DEL POPOLO, LUNEDÌ SI INCONTRERANNO IN PRESENZA - DRAGHI NON HA NEGATO DI AVER PARLATO CON BEPPE-MAO DI PEPPINIELLO, MA SOLO DI AVERNE CHIESTO LA RIMOZIONE. IL GIALLO DEI MESSAGGI: ESISTONO DAVVERO O È SOLO UNA BUFALA VEICOLATA DAI CONTIANI PER METTERE IN DIFFICOLTÀ "L’ELEVATO" E "MARIOPIO"?