COSA CAMBIA IN MEDIO ORIENTE DOPO L’ATTACCO DELL’IRAN A ISRAELE – RAMPINI: "IL REGIME DEGLI AYATOLLAH È COSTRETTO A USCIRE DALL’AMBIGUITÀ STRATEGICA E DALLE GUERRE PER PROCURA AFFIDATE A MILIZIE FIANCHEGGIATRICI (DECISIVO L’APPOGGIO DI TEHERAN A HAMAS PER LA STRAGE DEL 7 OTTOBRE) - L’IRAN, CHE HA STRETTO LEGAMI CON CINA E RUSSIA (A CUI FORNISCE ARMI), HA AMPLIATO LA SUA INFLUENZA IN IRAQ, SIRIA, LIBANO E YEMEN. ATTRAVERSO HEZBOLLAH, HAMAS, HOUTHI, E ANCHE ALLEANZE GOVERNATIVE (SIA A DAMASCO CHE A BAGDAD), LA TEOCRAZIA SCIITA HA DI FATTO COMPLETATO UN ACCERCHIAMENTO DI ISRAELE. ORA LA POSTA IN GIOCO SALE PER TUTTI, COMPRESA LA LEADERSHIP IRANIANA….”

Condividi questo articolo


Federico Rampini per corriere.it - Estratti

ALI KHAMENEI IN PREGHIERA PER LA FINE DEL RAMADAN ALI KHAMENEI IN PREGHIERA PER LA FINE DEL RAMADAN

 

La rappresaglia diretta dell’Iran contro Israele apre una fase nuova di questa guerra. Sale il livello di rischio, aumentano i costi. Per tutti: Iran, Israele, America.

 

In un certo senso è la prima volta dall’inizio del conflitto che gli ayatollah iraniani perdono il vantaggio dell’iniziativa, in quanto sono «obbligati» a restituire un colpo, uscendo così dall’ambiguità strategica che finora avevano preferito.

 

Fino a questo momento la guerra era andata secondo i piani: cioè molto bene dal punto di vista della teocrazia islamica di Teheran. La possibilità di una guerra diretta fra Israele e Iran sembrava ancora abbastanza remota il 7 ottobre 2023. Nonostante fosse chiaro che Hamas aveva potuto scatenare quella strage solo grazie all’appoggio del suo grande protettore, il regime degli ayatollah preferiva continuare le «guerre per procura». Un’occhiata alle mappe del Medio Oriente aiuta a capire perché.

 

benjamin netanyahu 6 benjamin netanyahu 6

 

In Occidente descriviamo spesso l’Iran come un regime in difficoltà, messo alle strette dal suo malgoverno, dalla corruzione, dalle sanzioni occidentali, e da movimenti di protesta, soprattutto femminili. Abbiamo avuto tendenza a sopravvalutare la forza delle manifestazioni di piazza, e la loro capacità di rovesciare il regime. Ma lo status internazionale dell’Iran si è rafforzato negli ultimi anni grazie ai legami sempre più stretti con la Cina e la Russia (a cui Teheran fornisce armi), e ancor più negli ultimi sei mesi, cioè dopo l’attacco di Hamas.

missili e droni iraniani intercettati nei cieli israeliani missili e droni iraniani intercettati nei cieli israeliani

 

(...) Se però allarghiamo lo sguardo, le cose cambiano. L’Iran ha ampliato la sua influenza, politica e militare, nei seguenti paesi: Iraq, Siria, Libano, Yemen.

 

Attraverso Hezbollah, Hamas, Houthi, e altre milizie o anche alleanze governative (sia a Damasco che a Bagdad), la teocrazia sciita ha di fatto completato un accerchiamento di Israele. Si può aggiungere un’altra visuale. L’arco di forze sostenute e manovrate da Teheran, sempre in Iraq, Siria, Libano Yemen, configurano un accerchiamento ai danni dell’Arabia saudita. Israele e Regno saudita sono i due bersagli dell’espansionismo iraniano.

 

netanyahu e il gabinetto di guerra israeliano netanyahu e il gabinetto di guerra israeliano

La distruzione dello Stato d’Israele figura tra gli obiettivi ufficiali della Repubblica islamica iraniana, fa parte del suo Dna dal 1979, anno primo della rivoluzione khomeinista. Altrettanto impresso nel Dna dell’islamismo persiano sciita, c’è la guerra di religione contro la monarchia saudita per sottrarle il ruolo di custode dei due luoghi sacri, la Mecca e Medina. L’ayatollah Khomeini lo indicò esplicitamente come un suo obiettivo.

 

benjamin netanyahu 5 benjamin netanyahu 5

L’appoggio agli Houthi nello Yemen ha questa funzione, aggiungere un fronte Sud al possibile attacco contro il Kingdom of Saudi Arabia (Ksa). Riad è già una delle vittime collaterali di questa guerra: alla vigilia del 7 ottobre erano giunti a uno stadio avanzato i preparativi per il riconoscimento diplomatico d’Israele da parte dell’Arabia, tappa finale di un disgelo molto più ampio che era già evidente sul terreno economico, turistico e tecnologico.

 

L’attacco di Hamas sei mesi fa era riuscito subito a fermare quel processo di distensione, ricacciando indietro di molti anni lo scenario del Medio Oriente. Nella prima fase di questa guerra la leadership iraniana aveva scelto di rimanere nelle retrovie, fornendo regìa, supporto ideologico e tanti armamenti alle sue milizie nelle varie guerre per procura.

netanyahu e il gabinetto di guerra israeliano netanyahu e il gabinetto di guerra israeliano

 

Hamas ha sferrato il primo affondo, il più micidiale, con la mattanza di civili del 7 ottobre scorso, dopo che molti dei suoi combattenti erano stati addestrati dagli iraniani. Gli Hezbollah hanno aggiunto le loro offensive dal Libano. Gli Houthi nel Mar Rosso hanno attaccato le navi di una cinquantina di paesi accusati di appoggiare Israele.

 

benjamin netanyahu 3 benjamin netanyahu 3

Ma quando le forze armate israeliane hanno colpito una sede diplomatica iraniana a Damasco, per eliminare alcuni strateghi iraniani degli attacchi delle varie milizie, allora Teheran si è sentita «costretta» a una rappresaglia diretta.

 

Non più guerra per procura affidata a milizie fiancheggiatrici. La posta in gioco sale per tutti, compresa la leadership iraniana. Finora il regime islamista comandato dalla guida suprema Khamenei si era protetto con la tattica della «deniability»: la possibilità di negare in modo plausibile il proprio coinvolgimento.

 

Passando al combattimento diretto quella finzione viene abbandonata.

ANTONY BLINKEN - BENJAMIN NETANYAHU ANTONY BLINKEN - BENJAMIN NETANYAHU BENJAMIN NETANYAHU BENJAMIN NETANYAHU missili di difesa israele iron dome missili di difesa israele iron dome ali khamenei ali khamenei khamenei nelle vignette di charlie hebdo 13 khamenei nelle vignette di charlie hebdo 13 iraniani festeggiano attacco iraniani festeggiano attacco ISMAIL HANIYEH, LEADER DI HAMAS, CON L AYATOLLAH KHAMENEI ISMAIL HANIYEH, LEADER DI HAMAS, CON L AYATOLLAH KHAMENEI Ali Khamenei Ismail Haniyeh e due leader di hamas Ali Khamenei Ismail Haniyeh e due leader di hamas

 

iraniani festeggiano attacco a israele iraniani festeggiano attacco a israele lancio missile iran lancio missile iran

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)

DAGOREPORT - RINNEGANDO LE SVASTICHELLE TEDESCHE DI AFD, MARINE LE PEN SPERAVA DI NON ESSERE PIU' DISCRIMINATA DAGLI EURO-POTERI: MA CONTRO DI LEI C’È MACRON, CHE LA DETESTA - IL TOYBOY DELL’ELISEO HA LA LEADERSHIP DELL'UNIONE EUROPEA E DARÀ LE CARTE DOPO IL 9 GIUGNO. INSIEME CON SCHOLZ E IL POLACCO TUSK NON VUOLE LE DESTRE TRA LE PALLE: UNA SCHICCHERA SULLE RECCHIE DI GIORGIA MELONI, CHE, CON LA SUA ECR, SARÀ IRRILEVANTE E DOVRA' ACCONTENTARSI, AL PARI DI LE PEN, DI UN COMMISSARIO DI SERIE B – LA FUSIONE A FREDDO TRA GLI “IDENTITARI” DI LE PEN E I “CONSERVATORI” DELLA “SÒLA GIORGIA” POTREBBE AVVENIRE, MA SOLO DOPO LE ELEZIONI EUROPEE. MA TRA LE DUE CI SONO SOLO OPPORTUNISMI