1. CRICCA BENEVENTANA! LA SANITÀ DI BENEVENTO È COSA LORO: LA MINISTRA NUNZIA DE GIROLAMO PRESIEDE LE RIUNIONI PER GESTIRE GLI AFFARI DELLA ASL A CASA DEL PADRE! 2. LA MINISTRA CONIUGATA BOCCIA (PD), TANTO CARA A CHIERICHETTO LETTA, INTERCETTATA SEGRETAMENTE DA UN DIRIGENTE SANITARIO: ATTUALMENTE NON È INDAGATA 3. L’AULICO NUNZIA STYLE, TENDENZA ‘STRUM UND DRANG’: “MICHÈ, SCUSAMI, AL FATEBENEFRATELLI FACCIAMO CAPIRE CHE UN MINIMO DI COMANDO CE L’ABBIAMO. ALTRIMENTI MI CREANO COPPETIELLI CON QUESTA STORIA. MANDAGLI I CONTROLLI E VAFFANCULO!” 4. A CASA DE GIROLAMO MICA SI PETTINA LE BAMBOLE: SI DISCUTE DI COME “BYPASSARE” LE GARE D’APPALTO, PIAZZARE GLI UFFICI ASL NEI COMUNI AMICI, RISOLVERE I PROBLEMI AL NEGOZIANTE AMICO CHE HA SUBITO UN SEQUESTRO DI MOZZARELLE…

Condividi questo articolo


Vincenzo Iurillo per "Il Fatto Quotidiano"

L'Asl di Benevento era cosa loro. Del ministro delle Politiche Agricole Nunzia De Girolamo e dei suoi fedelissimi. L'allora semplice deputata Pdl, che è bene chiarire subito non è indagata per i fatti che racconteremo, convocava a casa del padre i vertici dell'azienda sanitaria locale e persone di stretta fiducia.

FRANCESCO BOCCIA E NUNZIA DE GIROLAMO DA CHIFRANCESCO BOCCIA E NUNZIA DE GIROLAMO DA CHI STEFANIA PRESTIGIACOMO MARIASTELLA GELMINI NUNZIADE GEROLAMOSTEFANIA PRESTIGIACOMO MARIASTELLA GELMINI NUNZIADE GEROLAMO

Con loro discuteva di come orientare l'affidamento milionario per il servizio 118, di dove ubicare presidi e strutture dell'Asl, ma anche di questioni spicciole come un sequestro di mozzarelle in un negozio di un "amico di Nunzia" o di come mandare "i controlli" negli ospedali guidati da persone non gradite alla parlamentare azzurra per far capire "che un minimo di comando ce l'abbiamo".

Le riunioni sono state registrate di nascosto dall'ex direttore amministrativo dell'Asl Felice Pisapia (fu licenziato qualche mese dopo), e depositate nell'ambito di un'inchiesta per truffa e peculato per centinaia di migliaia di euro sottratti dalle casse dell'azienda sanitaria a favore di alcuni imprenditori, costata pochi giorni fa a Pisapia l'obbligo di dimora a Salerno.

Con quegli audio Pisapia vorrebbe dimostrare di essere solo un ingranaggio del sistema. Leggendone le trascrizioni, non si trovano riferimenti al merito e a come rendere più efficiente il funzionamento della macchina della sanità pubblica nel nome dell'interesse collettivo.

La preoccupazione principale pare invece quella di premiare gli amici e punire i nemici. E tramutare le decisioni in clientele e voti. Vicende che assomigliano a quelle costate inchieste e processi a un altro potentato sannita, i Mastella. Con una sostanziale differenza: secondo l'informativa della Guardia di finanza di Benevento al pm Giovanni Tartaglia Polcini, "allo stato non ci sono fattispecie penalmente rilevanti".

frzgncc46 scarpetta della degirolamofrzgncc46 scarpetta della degirolamonunzia degerolamo 01nunzia degerolamo 01

Riavvolgiamo il nastro alle ore 19 e 15 del 30 luglio 2012. La De Girolamo riceve Michele Rossi, manager dell'Asl di Benevento, Gelsomino Ventucci detto "Mino", direttore sanitario, Pisapia, l'avvocato Giacomo Papa, molto vicino ai De Girolamo, Luigi Barone, storico portavoce di Nunzia, all'epoca vice direttore de Il Sannio Quotidiano e oggi a Roma con l'incarico di direttore del portale web del ministero delle Politiche Agricole.

Nunzia De Girolamo - Copyright PizziNunzia De Girolamo - Copyright Pizzi

È il "direttorio politico-partitico costituito al di fuori di ogni forma di legge" scrive il gip Flavio Cusani nell'ordinanza cautelare di Pisapia "che si occupava, in funzione di interessi privati e di ricerca del consenso elettorale, con modalità a dir poco deprimenti e indecorose, di ogni aspetto della gestione dell'Asl".

La conversazione si protrae per quasi due ore. Verso la fine cade sul Fatebenefratelli di Benevento, un ospedale religioso convenzionato. La De Girolamo è arrabbiata con loro. Li chiama "stronzi". Due volte. Poi si rivolge a Rossi: "Michè, scusami, al Fatebenefratelli facciamo capire che un minimo di comando ce l'abbiamo. Altrimenti mi creano coppetielli con questa storia. Mandagli i controlli e vaffanculo!... Io non mi permetto di farlo, però ad essere presa per culo da Carrozza, quando poi gli ho dato tanta disponibilità ogni volta che mi hanno chiesto, Miché". Giovanni Carrozza, citato nel colloquio, è il direttore amministrativo del Fatebenefratelli. Per capirci, Miché, ovvero Michele Rossi, è molto riconoscente alla De Girolamo.

Nunzia De GirolamoNunzia De Girolamo

Appena una settimana prima, in un'analoga riunione, gli ha giurato fedeltà: "Nunzia, premesso che io non resterò un secondo su quell'Asl se non per te e con te, perché io la nomina l'ho chiesta a te, tu me l'hai data ed è giusto che ci sia un riscontro...". Ora Miché ne ascolta le riflessioni sull'ubicazione di ufficio territoriale dell'Asl. "Dove dovremmo metterlo? - si chiede la De Girolamo - a Sant'Agata che Valentino (il sindaco, del Pd, ndr) è uno stronzo? Cioè, nemmeno è venuto da me". Rossi però le spiega che Valentino "ha incassato intelligentemente" i problemi da loro creati.

FRANCESCO BOCCIA A PIAZZA PULITA NELLA PUNTATA SU BEPPE GRILLOFRANCESCO BOCCIA A PIAZZA PULITA NELLA PUNTATA SU BEPPE GRILLO

Ad un certo punto Nunzia pone un veto sul collocare una struttura a Forchia: "No, Forchia no! Preferisco poi darlo ad uno del Pd che ci vado a chiedere 100 voti ...". Qualche decina di minuti prima il "direttorio" aveva affrontato il caso del controllo in un negozio di latticini. Parla Luigi Barone: "È l'amico di Nunzia e mio amico... vende le mozzarelle accanto al Maxim's... è un bravo ragazzo, insomma!". Purtroppo per lui una funzionaria dell'Asl gli ha appena sequestrato "un bel po' di roba - sottolinea Barone - tre, 4000 euro... più la sanzione". Si stabilisce, quindi, di parlare con tale Tommaso.

FRANCESCO BOCCIA E NUNZIA DE GIROLAMO DA CHIFRANCESCO BOCCIA E NUNZIA DE GIROLAMO DA CHI

Tutta da decrittare la lunga conversazione del 23 luglio 2012, incentrata quasi esclusivamente sul bando per il 118. "In tutto questo si deve fare la gara?" chiede la De Girolamo. "Non la puoi fare senza?" Si discute se è possibile fare un affidamento diretto breve o comunque, per usare le parole dell'avvocato Papa "bypassare la gara pubblica" perché si è preoccupati del fatto che "tra poco ci commissariano e la gara pubblica se la fa la Regione". Abbiamo provato a contattare la De Girolamo per farle qualche domanda. Ci ha risposto con questo sms: "Chi vuole fare pulizia può essere ucciso con la pistola oppure con la parola. Alla fine viene sempre fuori la verità".

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! - LA GRANDE PAURA SARDA STA METTENDO IN SUBBUGLIO I FRAGILI OTOLITI DELLA MELONA -  L'ANSIA PER UNA POSSIBILE SCONFITTA ALLE REGIONALI IN SARDEGNA E IL TIMORE CHE I MEDIA LA RACCONTINO GIÀ IN DECLINO, FANNO SCOPA CON LA PREOCCUPAZIONE DI NON CONTARE UN CAZZO DOPO IL VOTO DEL 9 GIUGNO IN EUROPA, QUANDO I VOTI DI FRATELLI D'ITALIA POTREBBERO NON ESSERE DETERMINANTI PER LA RIELEZIONE DI URSULA VON DER LEYEN - NON BASTA: SE IL VOTO EUROPEO SARA' CRUDELE CON SALVINI, FARA' SALTARE IL GOVERNO? - MICA E' FINITA PER LADY "FASCIO TUTTO IO": A SETTEMBRE VA SQUADERNATA LA LEGGE DI BILANCIO 2025 CHE SARA' UNA VIA CRUCIS DI LACRIME E SANGUE, VISTE LE DURE NORME DEL NUOVO PATTO DI STABILITÀ SUL RIENTRO DEL MOSTRUOSO DEBITO PUBBLICO ITALIANO - A GUARDIA DELLA FRAGILITA' DELLA TENUTA PSICOFISICA DELLA DUCETTA DEL COLLE OPPIO CI SONO I "BADANTI DI PALAZZO CHIGI", FAZZOLARI E SCURTI, CHE NON LA MOLLANO UN ATTIMO…

DAGOREPORT! - ULTIMI BOATOS DALL’ITALIA FERRAGNIZZATA  -  TRAMONTATO DA TEMPO IL TRASTULLO MATRIMONIALE, QUEL POCO CHE ERA RIMASTO IN PIEDI ERA “THE FERRAGNEZ – LA SERIE” - ANCORA COL PANDORO SULLO STOMACO, L’EX BARBIE DEL WEB NON AVEVA NESSUNA INTENZIONE DI DAR VITA ALLA TERZA STAGIONE. IL RAPPER (PER MANCANZA DI VOCE) NON L’AVREBBE PRESA TANTO BENE: DEPRESSO PER LA MALATTIA, INFEROCITO PER I VAFFA E I PERCULAMENTI, DEPRIVATO, AL PARI DELLA MOGLIETTINA, DI SPONSOR E DI CONTRATTI VARI, FATTI DUE CONTI, FEDEZ LE AVREBBE FATTO SCRIVERE DALL’AVVOCATO: BISOGNA FARLA, CI SONO IN BALLO TROPPI SOLDI E IL PIATTO PIANGE. NIENTE! E DOPO IL DANNO, PER FEDEZ ARRIVA LA BEFFA PIU' CRUDELE: SI INSTALLA IN CASA MARINA, LA SUOCERA PIU' SGOMITANTE D'ITALIA..

DAGONEWS – COME MAI IL NUOVO ROMANZO DI CHIARA VALERIO, “CHI DICE E CHI TACE”, È STATO PUBBLICATO DA SELLERIO E NON, COME I PRECEDENTI, DA EINAUDI? SCREZI? LITI? MACCHÉ: È TUTTA UNA STRATEGIA PER VINCERE IL CAMPIELLO, PREMIO LAGUNARE PRESIEDUTO DA WALTER VELTRONI – LA VALERIO, SCRITTRICE CON LA PASSIONE PER LE SUPERCAZZOLE (E L’AGLIO, OLIO E PEPERONCINO), È UNA DELLE FIRME PIÙ AMATE DA ELLY SCHLEIN: SE VINCESSE IL CAMPIELLO, SAREBBE UNA FESTA GRANDE PER UOLTER E PER LA SEGRETARIA MULTIGENDER…