DAGO-RETROSCENA DAL VERTICE GRILLINO - TRA I PARLAMENTARI 5STELLE, LA MAGGIORANZA, CAPITANATA DA FICO, VUOLE L’ACCORDO COL PD ZINGA-RENZIANO. MA PER DI MAIO NON ESISTE IL PD - SCENARIO PIÙ VEROSIMILE: NUOVO ACCORDO CON LA LEGA, SOLO SE LA LEGA INDICA UN ALTRO GARANTE, SALVINI LASCIA LA VICEPRESIDENZA E CAMBIA 2 O 3 MINISTRI. DETTIAMO NOI REGOLE, SOTTOLINEA DI MAIO. DI BATTISTA E GLI ALTRI BIG LA PENSANO COME LUIGI. SOLO FICO VUOLE L’ACCORDO COL PD INSIEME A MOLTI PARLAMENTARI. MA SONO SOLI

-

Condividi questo articolo

DAGO-RETROSCENA DAL VERTICE GRILLINO

RICCARDO FRACCARO - LUIGI DI MAIO - BEPPE GRILLO - STEFANO BUFFAGNI - ALFONSO BONAFEDE - PIETRO DETTORI - ALESSANDRO DI BATTISTA RICCARDO FRACCARO - LUIGI DI MAIO - BEPPE GRILLO - STEFANO BUFFAGNI - ALFONSO BONAFEDE - PIETRO DETTORI - ALESSANDRO DI BATTISTA

Giggino contro tutti. Tra i parlamentari 5stelle la maggioranza vuole l’accordo col Pd zinga-renziano. Fico porta avanti questa linea. Sta spingendo molto e chiama Beppe Grillo ogni minuto per convincerlo a dire sì al Pd. Anche oggi nella riunione a casa di Grillo si è battuto per i dem.

 

Ma per Di Maio non esiste il Pd. Luigino è il più critico di tutti su questo fronte. Al suo entourage confida: “La parola di Salvini oggi vale come quella di Renzi. Zero”. Insomma se lasci tua moglie perché ti ha fatto cornuto poi non ti puoi sposare una pornostar. Altrimenti diventi cornuto e mazziato.

 

Scenario più verosimile: nuovo accordo con la Lega, solo se la Lega indica un altro garante. Salvini lascia la vicepresidenza e cambia 2 o 3 ministri. Dettiamo noi regole, sottolinea Di Maio.

GRILLO FICO DI MAIO DI BATTISTA GRILLO FICO DI MAIO DI BATTISTA

 

Di Battista e gli altri big la pensano come Luigi. Solo Fico vuole l’accordo col Pd, insieme a molti parlamentari. Ma sono soli.

DI MAIO DI BATTISTA GRILLO FICO DI MAIO DI BATTISTA GRILLO FICO GRILLO DI MAIO DI BATTISTA GRILLO DI MAIO DI BATTISTA GRILLO - DI BATTISTA - DI MAIO GRILLO - DI BATTISTA - DI MAIO

 

Condividi questo articolo

politica

I SONDAGGI SULLE REGIONALI FANNO TREMARE IL PD, A OGGI QUATTRO REGIONI SICURE AL CENTRODESTRA E TRE IN BILICO - IL 21 SETTEMBRE ZINGA LO RITROVIAMO SOLO NEI CAMPI ROM - E NEL PD STA MONTANDO UNA CRESCENTE COLLERA CHE METTE IN DISCUSSIONE LA SCADENZA DEL 2022 DELL'ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA COME DATA LIMITE PER NON ROMPERE L'ALLEANZA CON I 5STELLE - SE SI SONO RIVELATI IMPOSSIBILI GLI ACCORDI PER LE REGIONALI, UN PATTO PER ELEGGERE IL SUCCESSORE DI MATTARELLA CON I 5STELLE NON E’ AFFATTO GARANTITO - C'E' ANCHE IL RISCHIO CHE RENZI FACCIA SALTARE CONTE AD AGOSTO