DAGONEWS - CACCIA AL FORZISTA! IL COGNATO DI GIORGIA MELONI, FRANCESCO LOLLOBRIGIDA, HA INCONTRATO IL DEPUTATO DI FORZA ITALIA ALESSANDRO BATTILOCCHIO, MOLTO VICINO A TAJANI - IL DIALOGO È SERVITO A PIANIFICARE UNA EXIT STRATEGY PER QUEI PARLAMENTARI FORZISTI CHE NON REGGONO PIÙ IL DELIRIO LACERO-CONFUSO DI BERLUSCONI RONZULLIZZATO. IL PROBLEMA È CHE TAJANI, COME GIORGETTI, È UN CACADUBBI AL SEMOLINO. NON HA (ANCORA) IL CORAGGIO DI FARE UN SALTO DELLA QUAGLIA...

-

Condividi questo articolo


GIORGIA MELONI FRANCESCO LOLLOBRIGIDA GIORGIA MELONI FRANCESCO LOLLOBRIGIDA

Dagonews

 

C’è una manovra in corso da parte di Fratelli d’Italia per “spacchettare” Forza Italia e portare via una parte dei suoi parlamentari e farli confluire nel gruppo appena costituito al Senato denominato “Maie – Noi Moderati – Civici d’Italia” (un altro gruppo ‘gemello’ verrà creato alla Camera). Il cognato di Giorgia Meloni, Francesco Lollobrigida, ha incontrato il deputato di Forza Italia Alessandro Battilocchio, molto vicino a Tajani.

licia ronzulli antonio tajani licia ronzulli antonio tajani

 

Il dialogo è servito a pianificare una exit strategy per quei parlamentari forzisti che non reggono più il delirio lacero-confuso di Berlusconi ronzullizzato. Il problema è che Tajani, come Giorgetti, è un cacadubbi al semolino. Non ha il coraggio di fare un salto della quaglia e di portare con sé gli 8-10 parlamentari a lui fedeli (le truppe di Licia Ronzulli sono di circa 17-18 parlamentari su 63 eletti).

alessandro battilocchio 5 alessandro battilocchio 5

 

A proposito di Licia. L’infermiera prestata alla politica è indecisa se piazzare nei posti di sottogoverno i suoi sottoposti o dare spazio ai non eletti di Forza Italia, tanto per allargare ancora un po’ la sua sfera di influenza…

 

Condividi questo articolo

politica

LA DESTRA E LA SINISTRA STANNO CREANDO UN MARTIRE: ALFREDO COSPITO. NON SANNO SPIEGARE LA DIFFERENZA TRA UN ANARCHICO E UN TERRORISTA COME LUI CHE PER QUESTO E’ DETENUTO AL 41 BIS – STEFANO FOLLI E IL FATTORE COSPITO SULLE REGIONALI: "IL GOVERNO, CHE HA INGIGANTITO LA MINACCIA ANARCHICA, TEME FORSE QUALCHE SORPRESA, MAGARI NEL LAZIO, TERRITORIO PRIVILEGIATO DELLA PREMIER? MA ANCHE IL CENTRO-SINISTRA AVREBBE INTERESSE A NON LASCIARSI INGABBIARE TROPPO A LUNGO NELLE POLEMICHE SUL 41 BIS…"

“SINISTRA E GIORNALI NON ASPETTANO ALTRO CHE FARMI FARE UNA PESSIMA FIGURA ALL'ESTERO, PER AZZOPPARMI” – GIORGIA MELONI SI SENTE ACCERCHIATA DOPO LA CONFERMA DI DELMASTRO ACCUSATO DI AVER PASSATO INFORMAZIONI SENSIBILI SUL CASO COSPITO AL SUO COINQUILINO DONZELLI E DENUNCIA UN “ACCANIMENTO” CONTRO DI LEI -  TRA GLI ALLEATI PREVALE UN GELIDO SILENZIO. FORZA ITALIA E LEGA TEMONO LA POLARIZZAZIONE TRA FRATELLI D'ITALIA E PD CHE TOGLIEREBBE LORO SPAZIO E ATTACCANO: “SI È PERSA INUTILMENTE UN'ALTRA SETTIMANA. ABBIAMO ANNUNCIATO MOLTE COSE, EPPURE SI VEDE BEN POCO” - IL GIALLO DELLA CONFERENZA CON LA STAMPA ESTERA