DAGONEWS – LA PRIMA RIUNIONE TRA I PARTITI DI MAGGIORANZA PER DISCUTERE DELLE NOMINE NELLE SOCIETÀ PARTECIPATE È STATA ALTAMENTE INTERLOCUTORIA – I PRESENTI AL TAVOLO, OVVERO SALVINI, FAZZOLARI E GIANNI LETTA, SI SONO LIMITATI A FISSARE LE “REGOLE D'INGAGGIO” E A INDIVIDUARE I PROFILI SGRADITI: STARACE ALL'ENEL E PROFUMO A LEONARDO HANNO IL FOGLIO DI VIA – PARE CHE, AL NOME DI LUCIA MORSELLI, TRA LE CANDIDATE A UNA “POLTRONISSIMA”, IL SOTTOSEGRETARIO MANTOVANO ABBIA AVUTO UN SUSSULTO…

Condividi questo articolo


DAGONEWS

 

giovanbattista fazzolari giorgia meloni al senato giovanbattista fazzolari giorgia meloni al senato

Ieri si è svolta la prima riunione tra i partiti di maggioranza per discutere delle nomine nelle società partecipate. Giorgia Meloni è apparsa per pochi minuti, ma prima di andar via ha dettato la linea: vuole donne nei ruoli chiave.

 

I presenti al tavolo, ovvero Matteo Salvini, Giovanbattista Fazzolari (durissimo e molto risoluto nelle discussioni preliminari) e Gianni Letta (poco preparato sui dossier, visto il recente avvicendamento con la silurata Licia Ronzulli) si sono limitati a fissare le “regole d'ingaggio”. Una sorta di “come procediamo” che ha reso la riunione altamente interlocutoria.

 

matteo salvini giorgia meloni antonio tajani matteo salvini giorgia meloni antonio tajani

Non è stato possibile quindi individuare i profili graditi ma sono stati presi di mira quelli sgraditi: Francesco Starace all'Enel e Alessandro Profumo a Leonardo hanno il foglio di via.

 

Sui giornali ha trovato spazio oggi l'ipotesi di una “poltronissima” per Lucia Morselli, attuale ad di Acciaierie d'Italia. Dicono che, al suo nome, il sottosegretario a Palazzo Chigi Alfredo Mantovano abbia avuto un sussulto: da pugliese ben ricorda il lavoro svolto dalla Morselli a Taranto con ArcelorMittal nel post-Ilva.

 

gianni letta foto di bacco gianni letta foto di bacco

P.S./1 Se il ministro degli Esteri Antonio Tajani si è appalesato al termine dell'incontro, ha destato stupore l'assenza del “Cognato d'Italia” Francesco Lollobrigida.

 

P.S./2 Si vocifera che Silvio Berlusconi, su forte spinta del tandem Marina-Marta Fascina, non solo abbia tolto gran parte dei poteri a Licia Ronzulli, ma che stia pensando a un cambio in corsa dei capigruppo di Forza Italia in Parlamento (Ronzulli al Senato e Cattaneo alla Camera).

LUCIA MORSELLI LUCIA MORSELLI francesco starace foto di bacco (1) francesco starace foto di bacco (1) LICIA RONZULLI SILVIO BERLUSCONI LICIA RONZULLI SILVIO BERLUSCONI alessandro profumo a d di leonardo foto di bacco (1) alessandro profumo a d di leonardo foto di bacco (1) lucia morselli lucia morselli giorgia meloni e francesco lollobrigida giorgia meloni e francesco lollobrigida licia ronzulli silvio berlusconi licia ronzulli silvio berlusconi giorgia meloni e giovanbattista fazzolari giorgia meloni e giovanbattista fazzolari

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! - VIKTOR ORBÁN ASSUMERÀ IL 1° LUGLIO LA PRESIDENZA DI TURNO AL CONSIGLIO EUROPEO MA HA GIÀ FATTO INCAZZARE MEZZO CONTINENTE: IL MOTTO SCELTO DAL PREMIER UNGHERESE È MEGA (‘’MAKE EUROPE GREAT AGAIN’’). UN'EVIDENTE RIFERIMENTO AL MANTRA MAGA (‘’MAKE AMERICA GREAT AGAIN’’) CHE DA ANNI MARCHIA LE CAMPAGNE ELETTORALI DI DONALD TRUMP – NON BASTA: SFANCULATA LA DUCETTA PRO-KIEV, IL FILO PUTINIANO ORBAN MINACCIA DI ENTRARE NEL GRUPPO DI LE PEN-SALVINI – ASPETTANDO IL CAOS-ORBAN A PARTIRE DA LUGLIO, MACRON-SCHOLZ-TUSK VOGLIONO CHIUDERE LE NOMINE DELLA COMMISSIONE EU ENTRO IL 28 GIUGNO…

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…

LE LODI A GIORNALI UNIFICATI PER ELISABETTA BELLONI, SHERPA AL G7, HANNO MANDATO IN TILT GLI OTOLITI FRAGILI DI GIORGIA MELONI - DELLA SERIE: MA ‘STA BELLONI LAVORA PER LO STATO O PER SE STESSA? - LA DUCETTA NON VUOLE NESSUNO A FARLE OMBRA, TANTOMENO UNA “SERVITRICE DELLO STATO” DALLE AMICIZIE TRASVERSALI CHE HA IL QUIRINALE NEL MIRINO - IL “DINAMISMO DI POTERE” DI ELISABETTA BELLONI, CHE HA APPESANTITO IL FEGATO DELLA MELONI, E’ DILAGATO SUI MEDIA GRAZIE ALL’OPERA DEL SUO CAPO DELLA COMUNICAZIONE AL DIS, LUCREZIA PAGANO - IL DAGOREPORT SU VITA, MIRACOLI E SUCCESSI DI LADY BELLONI, SEMPRE ABILE A DESTREGGIARSI NEL MARE AGITATO DELLA POLITICA ITALIANA