DAGONEWS - RUMORS DALLA VISITA DI PUTIN: PARE CHE NON ABBIA GRADITO AFFATTO IL VOLTAFACCIA TRUMPISTA DI SALVINI: AL ''FINANCIAL TIMES'' AVEVA APPENA DETTO CHE ''IL TRADIMENTO È IL PEGGIORE DEI CRIMINI E I TRADITORI VANNO PUNITI''. SARÀ UN CASO L'USCITA DELL'AUDIO SU ''BUZZFEED'' CHE CONFERMA LA RELAZIONE SPECIALE TRA LA LEGA E MOSCA? - UN ALTO FUNZIONARIO DI PUTIN HA SPIEGATO AI GIORNALISTI RUSSI CHE LA RELAZIONE TRA ITALIA E USA È DI TOTALE SUDDITANZA…

-

Condividi questo articolo

DAGONEWS

 

vladimir putin brinda con giuseppe conte e salvini con savoini sullo sfondo vladimir putin brinda con giuseppe conte e salvini con savoini sullo sfondo

Rumors dalla visita di Putin a Roma. Pare che lo Zar sia rimasto piuttosto sorpreso dal voltafaccia atlantista del Capitone Salvini. Le traduzioni dei comunicati stampa sugli incontri a Washington con Pence e Pompeo avrebbero lasciato l'amaro in bocca a Mosca. Sappiamo quello che Putin pensa dei ''traditori'', e se non l'avessimo saputo, lo ha ribadito in perfetto stile sovietico nell'intervista a Lionel Barber del ''Financial Times'', rispondendo a una domanda su Skripal, l'ex spia russa avvelenata vicino Londra.

 

''Il tradimento è il crimine più grave possibile e i traditori devono essere puniti. Non dico che l'incidente di Salisbury sia il modo in cui farlo…ma i traditori devono essere puniti''.

 

Secondo i funzionari russi che hanno viaggiato con lui, i leghisti pagheranno caro l'abbandono dell'amicizia con Mosca. Forse gli audio in alta qualità che sono stati consegnati a Buzzfeed (non si sa da chi, ovviamente) fanno parte di un pizzino al Carroccio?

 

matteo salvini vladimir putin gianluca savoini matteo salvini vladimir putin gianluca savoini

Mentre si trovavano all'Hotel Baglioni di Via Veneto, che ospitava la delegazione russa e casualmente si trova di fronte all'ambasciata americana, un alto funzionario di Putin ha spiegato ai giornalisti russi come funziona la politica estera italica. Non esiste un capo dei servizi segreti che venga nominato senza l'ok della CIA, così come non esiste un ambasciatore italiano in Israele che venga scelto senza il placet della comunità ebraica italiana.

 

I ministri italiani (a volte anche i premier) sono gli unici che partecipano, religiosamente, alla festa dell'Indipendenza americana. Ogni anno i giardini di Villa Taverna, residenza privata dell'ambasciatore statunitense, si riempiono dei principali personaggi politici, da Mario Monti a Beppe Grillo, da Matteo Salvini a Piero Grasso. Non si vedono Theresa May o Emmanuel Macron che mangiano hot dog a meno che non si tratti di un evento bilaterale e ufficiale.

lewis eisenberg con matteo salvini a villa taverna ph andrea giannetti:ag.toiati lewis eisenberg con matteo salvini a villa taverna ph andrea giannetti:ag.toiati

 

Insomma, forse un tempo i leghisti ci credevano di poter spostare l'asse italiano verso Est (si erano dimenticati quello che successe a Berlusconi nel 2011 e quanto gli fosse costata la sua special relationship con Putin), forse gli serviva una sponda politica, forse erano convinti davvero che le sanzioni erano scellerate. Fatto sta che ora sono arrivati al governo e hanno capito che all'amico americano, anche se ora è meno interessato alle faccende europee e convinto che l'Italia conti ancora meno, non si può dire di no.

matteo salvini con l'ambasciatore americano in italia lewis eisenberg ph ansa matteo salvini con l'ambasciatore americano in italia lewis eisenberg ph ansa matteo salvini con vladimir putin matteo salvini con vladimir putin vladimir putin e gianluca savoini vladimir putin e gianluca savoini salvini maglietta putin salvini maglietta putin Berlusconi e Putin Berlusconi e Putin putin berlusconi 08 putin berlusconi 08 vladimir putin con matteo salvini vladimir putin con matteo salvini VLADIMIR PUTIN INCONTRA SILVIO BERLUSCONI A FIUMICINO VLADIMIR PUTIN INCONTRA SILVIO BERLUSCONI A FIUMICINO salvini maglietta pro putin pro russia salvini maglietta pro putin pro russia

 

 

Condividi questo articolo

politica

DAGOREPORT - IL GOVERNO È ARRIVATO ALLA FRUTTA: LA SITUAZIONE STA PRECIPITANDO - LA GOCCIA È STATA LA SONORA SCONFITTA DI SALVINI AL PARLAMENTO EUROPEO, CON SASSOLI E LA BEGHIN (M5S) CHE HANNO ASSICURATO LA NOMINA DELLA VON DER LEYEN GRAZIE AI 14 VOTI GRILLINI - SALVINI NON HA AVUTO LA PERCEZIONE CHE LO STAVANO METTENDO IN UN ANGOLO, DALLA RUSSIA ALL’EUROPA - UNA PARTE DEI DI PD E M5S SAREBBE PRONTA A COSTITUIRE UN GOVERNO CHE SPEDISCA LA LEGA ALL’OPPOSIZIONE. MA TUTTO CIÒ NON È NEI PIANI DI MATTARELLA...