1. CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E ISOLE 
2. ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD
3. ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…)
4. ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO 5. ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGIE...

Condividi questo articolo


elly schlein alla camera 3 elly schlein alla camera 3

 

(ANSA) "E' stato proposto di inserire il mio nome nel logo, si è aperta una bella discussione, ringrazio chi ha fatto questa proposta, ma penso che il contributo lo possa dare correndo accanto a loro, in questa lista. Una proposta più divisiva che rafforzativa e non ne abbiamo bisogno" - "Voglio dare una mano anche io, ci sarò, candidata, e mi candido a provare insieme più in alto possibile il Pd". Mi candido alle europee "perché è una sfida cruciale". Lo ha detto la segretaria Pd, Elly Schlein, in una diretta Instagram.

 

DAGOREPORT

stefano bonaccini elly schlein stefano bonaccini elly schlein

Conto alla rovescia per l’imbroglio-Schlein. "Elly è un mix tra l'arroganza di Renzi, la doppiezza di Forlani e la cultura politica di Jasmine Cristallo", è il commento più sereno al Nazareno, dove in queste ore si corre appresso alle lancette nella speranza di trovare una soluzione che salvi la faccia a Elly: entro le 16 di oggi, termine ultimo per la presentazione dei simboli per le europee.

 

Ma sapremo tutto a partire dalle 15, alla conferenza stampa convocata  in fretta e furia dopo che alla Direzione nazionale del Pd di ieri, la svalvolata con tre passaporti ha perso la maggioranza del partito. La poverina si è rimboccata la lapide quando ha detto: o il mio nome nel simbolo o mi mettete capolista in tutte le circoscrizioni. Che significherebbe rifare le liste, in primis i vari capolista: Stefano Bonaccini, Cecilia Strada, Lucia Annunziata.

DARIO FRANCESCHINI ELLY SCHLEIN GATTOPARDO MEME BY SARX88 DARIO FRANCESCHINI ELLY SCHLEIN GATTOPARDO MEME BY SARX88

 

I venti di rivolta investono tutte le aree del Pd. Si sono schierati contro la neo Zarina del Pd, oltre il grande vecchio Romano Prodi, la sinistra new wave di Provenzano e Sarracino. Furibondi ex lettiani, ex veltroniani, il gruppetto di Cuperlo (fatto fuori da Elly alla presidenza della Fondazione dem per metterci il suo nuovo alleato Zingaretti) e il cosiddetto partito dei sindaci.

 

Anche uno mite come Delrio sta lì pronto col lanciafiamme: non accetta che l’accordo Elly-Bonaccini possa spingersi fino alla scelta del futuro candidato alla Presidenza della Regione Emilia Romagna e quindi pare abbia detto ai suoi (e a Prodi stesso): “Allora mi candido io, si dia spazio ai cattolici”.

FRANCESCO BOCCIA ELLY SCHLEIN - MEME BY DE MARCO FRANCESCO BOCCIA ELLY SCHLEIN - MEME BY DE MARCO

 

Perfino le figurine messe in lista per "allargare il partito" e dare una spruzzatina di "società civile" alzano la voce. Lucia Annunziata stronca la decisione di inserire nel simbolo Pd il nome di Elly Schlein. (A proposito, ma quanti errori, e quindi annullamenti, ci saranno nello scrivere il nome della segretaria sulla scheda: non siamo mica a Zurigo, suvvia…)

 

Un capolavoro però è riuscito alla Schein: ha mandato in frantumi “Energia Popolare”, la corrente dei riformisti dem che l’hanno giurata a Bonaccini accusato di essersi "venduto per quattro spiccioli".

 

nicola zingaretti elly schlein nicola zingaretti elly schlein

Della proposta di mettere il nome nel simbolo, la segretaria multigender non ne aveva parlato nemmeno con Dario Franceschini, che la lanciò al vertice pensando di poter essere il suo burattinaio, ma solo con il presidente del Pd e governatore dell’Emilia Romagna, Stefano Bonaccini.

 

“Bona”, che smaniava dalla voglia di traslocare a Bruxelles come capolista, ha acconsentito alla personalizzazione schleiniana del partito in cambio della candidatura nella circoscrizione Sud del ras delle preferenze, Raffaele “Lello” Topo, figlio dell’autista di Gava, che ovviamente fa parte della sua corrente. Insomma, altro che cacicchi…

raffaele topo raffaele topo

 

Risultato? Alla fine vicino a Schlein restano solo in due, il multi-trasformista Zingar-Elly e Francesco Boccia, cioè colui che è il vero artefice del sistema Puglia, garante di Decaro ed Emiliano.

 

Ora Elly ha davanti tre strade: la prima se ne frega di tutto e di tutti, anche di aver perso la maggioranza, e mette il suo nome nel simbolo; la seconda: fa un bel rinculo su tutto frignando che non vuole spaccare il partito; la terza: toglie il nome dal simbolo ma si candida come capolista. Comunque vada, dopo il 9 giugno, farà le valigie e tornerà da mamma e papà a Zurigo...

lucia annunziata foto di bacco (2) lucia annunziata foto di bacco (2) ROMANO PRODI E ELLY SCHLEIN ROMANO PRODI E ELLY SCHLEIN romano prodi e la candidatura di elly schlein vignetta by rolli per il giornalone la stampa romano prodi e la candidatura di elly schlein vignetta by rolli per il giornalone la stampa

CARICATURA DI ELLY SCHLEIN DISEGNATA DA FRANCESCO FEDERIGHI PER IL FATTO QUOTIDIANO CARICATURA DI ELLY SCHLEIN DISEGNATA DA FRANCESCO FEDERIGHI PER IL FATTO QUOTIDIANO

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY


ultimi Dagoreport

INTER-ZHANG: GAME OVER? IL PRESIDENTE NON PUÒ LASCIARE LA CINA E STA COMBATTENDO IL WEEKEND PIÙ DURO DELLA SUA VITA PER NON PERDERE ANCHE L’INTER. BALLA IL PRESTITO DA 375 MILIONI CHE ZHANG DEVE RESTITUIRE A OAKTREE. IL FONDO PIMCO SI ALLONTANA - SE LA TRATTATIVA PER UN NUOVO FINANZIAMENTO NON SI SBLOCCA ENTRO LUNEDÌ, OAKTREE SI PRENDERA’ IL CLUB. UNA SOLUZIONE CHE SAREBBE MOLTO GRADITA AL DG MAROTTA. FORSE IL DIRIGENTE SPORTIVO PIÙ POTENTE D’ITALIA HA GIÀ UN ACQUIRENTE? O FORSE SA CHE...

DAGOREPORT - VANNACCI SARÀ LA CILIEGINA SULLA TORTA O LA PIETRA TOMBALE PER MATTEO SALVINI, CHE TANTO LO HA VOLUTO NELLE LISTE DELLA LEGA, IGNORANDO LE CRITICHE DEI SUOI? - LUCA ZAIA, A CUI IL “CAPITONE” HA MOLLATO UN CALCIONE (“DI NOMI PER IL DOPO ZAIA NE HO DIECI”), POTREBBE VENDICARSI LASCIANDO CHE LA BASE LEGHISTA ESPRIMA IL SUO DISSENSO ALLE EUROPEE (MAGARI SCEGLIENDO FORZA ITALIA) - E COSA ACCADREBBE SE ANCHE FEDRIGA IN FRIULI E FONTANA IN LOMBARDIA FACESSERO LO STESSO? E CHE RIPERCUSSIONI CI SAREBBERO SUL GOVERNO SE SALVINI SI RITROVASSE AZZOPPATO DOPO LE EUROPEE?

DAGOREPORT - COSÌ COME IL SESSO È LA PARODIA DEL DELITTO, LA “MILANESIANA”, RASSEGNA “IDEATA E DIRETTA DA ELISABETTA SGARBI” (SORELLA DI), È LA PARODIA DELLA CULTURA GLAMOUR, CHIC, RADICAL-COLTA, AMICHETTISTICA DEL NOSTRO PAESE - OGNI ANNO UN TEMA (QUEST’ANNO “TIMIDEZZA”), UNA PAROLA COSÌ OMNICOMPRENSIVA CHE CI CACCI DENTRO QUEL CHE TI PARE, DAL NOBEL ALL’AMICO, DAL GIORNALISTA UTILE PER LA RECENSIONE ALLO SCRITTORE INUTILE: OVVIAMENTE, PRIMUS NON INTER PARES SUO FRATELLO VITTORIONE - LEI SCEGLIE, LEI FA, PRESENTA, OBBLIGA GLI SPETTATORI, ANCHE SE HANNO PAGATO IL BIGLIETTO, AD ASCOLTARE LA SUA BAND EXTRALISCIO: “È INUTILE CHE FISCHIATE…” – L'EVENTO NON BASTA: CI AGGIUNGE I SUOI FILM. E SU TUTTE LE LOCANDINE DELLE SERATE (TUTTE), LA METÀ SINISTRA È OCCUPATA DALLA FOTO (SEMPRE LA STESSA) DELLA SGARBI; POI, IN PICCOLO, I NOMI DEGLI OSPITI...