LORO SI' CHE LO SANNO BENE: SECONDO IL "CANALE 12" DELLA TV ISRAELIANA RAISI È MORTO - DIFFICILE PRENDERE SUL SERIO TEHERAN CHE AFFERMA CHE L'ELICOTTERO CON A BORDO IL PRESIDENTE IRANIANO HA AVUTO UN "INCIDENTE" IN AZERBAIGIAN A CAUSA DEL ''MALTEMPO'' (UN CONVOGLIO DI TRE ELICOTTERI E SOLO QUELLO CON RAISI E' ANDATO GIU'?) - I MEDIA DEL REGIME
PARLANO ANCORA DI "VITA IN PERICOLO" - L'IRAN NON E' DECAPITATO FINCHE' CI SARÀ L’AYATOLLAH KHAMENEI CHE SCEGLIERÀ IL SUCCESSORE DEL FEDELISSIMO RAISI. E PER ORA SI LIMITA A DIRE: "SPERIAMO CHE TORNI, MA NON CI SARANNO INTERRUZIONI" - COME E' ACCADUTO CON L'ATTENTATO ALLA SEDE DIPLOMATICA IRANIANA IN SIRIA, DIETRO L"INCIDENTE" C'E' NETANYAHU? (FINCHE' C'E' GUERRA, C'E' SPERANZA DI RESTARE AL POTERE) - PROPRIO IERI IL MINISTRO DEL GABINETTO DI GUERRA BENNY GANTZ, VICINISSIMO A BIDEN,  DOPO UN INCONTRO IN ISRAELE CON IL CONSIGLIERE PER LA SICUREZZA USA, JAKE SULLIVAN, AVEVA AVVISATO IL PREMIER NETANYAHU: "PIANO SU GAZA ENTRO L'8 GIUGNO O LASCIAMO IL GOVERNO"

Condividi questo articolo


 

 

L ULTIMA FOTO DI EBRAHIM RAISI PRIMA DELLO SCHIANTO IN ELICOTTERO L ULTIMA FOTO DI EBRAHIM RAISI PRIMA DELLO SCHIANTO IN ELICOTTERO

TV ISRAELE, 'PER FONTI OCCIDENTE RAISI NON SOPRAVVISSUTO'

(ANSA) - "Non è ancora chiaro cosa sia successo all'elicottero del presidente dell'Iran, ma fonti diplomatiche in Occidente stimano che Raisi non sia sopravvissuto all'incidente". Lo ha riferito in un aggiornamento la tv israeliana Canale 12.

 

'KHAMENEI, SPERIAMO CHE RAISI TORNI, NON CI SARANNO VUOTI'
(ANSA) -  Il leader supremo dell'Iran, l'Ayatollah Ali Khamenei, ha espresso preoccupazione per l'elicottero scomparso in un incontro pubblico. Lo riporta Al Jazeera. "Speriamo che Dio riporti l'onorevole presidente e i suoi compagni tra le braccia della nazione - ha detto - Tutti devono pregare per la salute di questo gruppo di dipendenti pubblici. La nazione iraniana non deve essere preoccupata, non ci saranno interruzioni nel lavoro del Paese".

 

FUNZIONARIO A REUTERS, FIDUCIOSI MA NOTIZIE PREOCCUPANTI

(ANSA) - Un funzionario anonimo ha detto a Reuters, come si legge sul sito, che la vita del presidente iraniano Ebrahim Raisi e del ministro degli Esteri Hossein Amirabdollahian è "a rischio in seguito all'incidente in elicottero". "Siamo ancora fiduciosi, ma le informazioni che provengono dal luogo dell'incidente sono molto preoccupanti", ha detto il funzionario, parlando a condizione di anonimato.

 

L ULTIMA FOTO DELL ELICOTTERO DI EBRAHIM RAISI L ULTIMA FOTO DELL ELICOTTERO DI EBRAHIM RAISI

 

TV IRAN, SQUADRE SOCCORRITORI VICINE AL LUOGO DELL'INCIDENTE

(ANSA) - Quattro squadre di soccorritori si stanno avvicinando al luogo in cui è avvenuto l'incidente che ha coinvolto l'elicottero sul quale viaggiava il presidente dell'Iran, Ebrahim Raisi. Lo riferisce la tv di Stato. "Siamo in attesa di ricevere presto le ultime notizie", afferma l'emittente.

 

Secondo l'agenzia Irna, alcune persone che si trovavano nei pressi del luogo dell'incidente, un'area forestale di Dizmar vicino a Owzi Vilage a Varzaghan, hanno detto di aver sentito dei rumori. La nebbia, la pioggia, il freddo e il buio e le rocce alte oltre 70 metri nella zona hanno ostacolato le operazioni di ricerca. Un gruppo di alpinisti e squadre di soccorso stanno conducendo le operazioni a piedi. Nel frattempo, l'amministrazione ha tenuto una riunione d'emergenza sull'incidente, dopo la quale alcuni membri del gabinetto si sono recati a Tabriz per seguire la vicenda. L'elicottero era in viaggio per Tabriz dove Raisi avrebbe dovuto inaugurare una raffineria di petrolio.

 

'ISRAELE, NO COMMENT SU INCIDENTE DI RAISI, NON COINVOLTI' 
(ANSA)
- Alti funzionari a Gerusalemme - riferiti dal sito di Ynet - non hanno fatto alcun commento sull'incidente che coinvolge il presidente iraniano Ebrahim Raisi. Ed hanno chiarito ufficiosamente che Israele non ha nulla a che fare o sia coinvolta nell'incidente, che, secondo i rapporti, è stato causato dalle dure condizioni meteorologiche. I funzionari hanno aggiunto che l'eventuale morte di Raisi e del suo ministro degli Esteri Hossein Amir Abdullahian "non dovrebbe avere alcuna conseguenza per Israele, né per la politica della Repubblica islamica nei confronti" di Israele.

 

ricerche dell elicottero di ebrahim raisi 2 ricerche dell elicottero di ebrahim raisi 2

IRAN, ATTERRAGGIO D’EMERGENZA DELL’ELICOTTERO CON IL PRESIDENTE RAISI. LA TV ISRAELIANA: “NON È SOPRAVVISSUTO”

Estratto da www.lastampa.it

 

È mistero sulle condizioni del presidente iraniano Ebrahim Raisi. L’elicottero su cui viaggiava è stato coinvolto in un incidente, costringendolo a un «brusco atterraggio» nei pressi del villaggio di Uzi, nella foresta di Arasbaran.

 

L'agenzia di stampa iraniana Mehr ha prima dichiarato che Raisi sarebbe illeso e avrebbe deciso di continuare il suo viaggio via terra, in direzione di Tabriz. Poi, l'agenzia russa Tass ha riportato che la stessa Mehr avrebbe cancellato la notizia. Per l’emittente israeliana Channel 12 «il presidente iraniano non è sopravvissuto» e cita quelle che definisce "fonti occidentali".

 

 

ebrahim raisi con il presidente azero ilham aliyev ebrahim raisi con il presidente azero ilham aliyev

Sull'accaduto continuano a giungere notizie contraddittorie come alcuni media iraniani che avrebbero diffuso una foto che mostra il presidente, in piedi, apparentemente illeso, con alle spalle il velivolo incidentato.

 

Intanto l’agenzia di stampa semi-ufficiale Fars ha invitato i cittadini iraniani a pregare per lui, come anche la Tv di Stato che starebbe trasmettendo delle preghiere. Il convoglio era formato da tre elicotteri, due dei quali sono arrivati a destinazione. Un funzionario iraniano ha dichiarato alla Reuters che «la vita del presidente Raisi e del ministro degli esteri Amirabdollahian sono a rischio in seguito all’incidente in elicottero».

 

ilham aliyev ebrahim raisi ilham aliyev ebrahim raisi

[...] Al momento le condizioni atmosferiche e la fitta nebbia stanno rendendo difficile il lavoro delle 40 squadre di soccorso inviate, che hanno già iniziato le operazione di ricerca.

 

La Mezzaluna Rossa ha dichiarato di aver inviato droni, otto ambulanze e cani da ricerca. Gli elicotteri, invece, avrebbero dovuto fare marcia indietro sempre a causa della nebbia. Si tratta di una zona montuosa, nell'area della foresta di Dizmar, tra i villaggi di Uzi e Pir Dawood. Il Ministro degli Interni Ahmed Vahidi ha dichiarato alla tv di Stato che le autorità erano in attesa di ulteriori dettagli.

 

ebrahim raisi in azerbaigian prima dello schianto del suo elicottero ebrahim raisi in azerbaigian prima dello schianto del suo elicottero

Con Raisi viaggiavano anche l'ayatollah Al-Hashem, Imam di Juma Tabriz, il ministro degli Esteri Hossein Amirabdollahian, il governatore dell'Azerbaigian Orientale Malik Rahmati. Un funzionario del governo locale ha usato la parola «incidente» per descrivere quanto accaduto, ma ha ammesso a un giornale iraniano di non aver ancora raggiunto il sito di persona. Né l'Irna né la TV di Stato hanno fornito informazioni sulle condizioni di Raisi.

 

Raisi aveva partecipato quest’oggi alla cerimonia di inaugurazione della diga di Qiz-Qalasi, con l'omologo azero Ilham Aliyev. [...]

ebrahim raisi in azerbaigian prima dello schianto del suo elicottero ebrahim raisi in azerbaigian prima dello schianto del suo elicottero ilhan aliyev e ebrahim raisi ilhan aliyev e ebrahim raisi IL PRESIDENTE IRANIANO EBRAHIM RAISI SCENDE DALL ELICOTTERO IL PRESIDENTE IRANIANO EBRAHIM RAISI SCENDE DALL ELICOTTERO

 

rafael grossi ebrahim raisi rafael grossi ebrahim raisi ebrahim raisi e ilhan aliyev ebrahim raisi e ilhan aliyev ebrahim raisi e ilhan aliyev inaugurano una diga sul fiume aras ebrahim raisi e ilhan aliyev inaugurano una diga sul fiume aras ebrahim raisi e ilhan aliyev inaugurano una diga sul fiume aras 2 ebrahim raisi e ilhan aliyev inaugurano una diga sul fiume aras 2 ebrahim raisi e ilhan aliyev inaugurano una diga sul fiume aras 1 ebrahim raisi e ilhan aliyev inaugurano una diga sul fiume aras 1

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – GRANDE È LA CONFUSIONE SOTTO IL CIELO DI BRUXELLES: O IL QUINTETTO AL COMANDO, FORMATO DA MACRON, SCHOLZ, TUSK, SANCHEZ E MITSOTAKIS, TROVA UN ACCORDO IL 28 GIUGNO O SALTA TUTTO - IL BALLO DI SAN VITO SI GIOCA SUL NOME DI URSULA VON DER LEYEN. INVISA A UNA PARTE DEL PPE, CORRE IL RISCHIO DI ESSERE AFFONDATA DAL VOTO SEGRETO DEL PARLAMENTO - URGE AGGIUNGERE UN POSTO A TAVOLA. E QUI IL PPE SI SPACCA: ALLA CORRENTE DI WEBER, CHE VORREBBE IMBARCARE IL GRUPPO ECR GUIDATO DALLA REGINA DI COATTONIA, SI CONTRAPPONE LA CORRENTE DI TUSK. IL LEADER POLACCO CONTA IL MAGGIOR NUMERO DI PARLAMENTARI NEL PPE E ACCETTEREBBE SOLO I FRATELLI D’ITALIA. E PER MAGGIOR TRANQUILLITÀ, ANCHE I VOTI DEI VERDI, MA GIORGIONA NON CI STA - IL GUAZZABUGLIO SI INGROSSERÀ DOMANI, LUNEDÌ, CON L’INCONTRO DI UN IMBUFALITO ORBAN CON LA DUCETTA, REA DI AVER ARRUOLATO I RUMENI ANTI UNGHERESI DI AUR, E PRONTO A SALIRE SUL CARRO DI MARINE LE PEN - ALLA EVITA PERON DELLA GARBATELLA, CHE RISCHIA L’IRRILEVANZA POLITICA NELL’UNIONE EUROPEA, NON RESTA ALTRO CHE FAR SALTARE IL BANCO DEL 28 GIUGNO…

 

FLASH! - VIKTOR ORBÁN ASSUMERÀ IL 1° LUGLIO LA PRESIDENZA DI TURNO AL CONSIGLIO EUROPEO MA HA GIÀ FATTO INCAZZARE MEZZO CONTINENTE: IL MOTTO SCELTO DAL PREMIER UNGHERESE È MEGA (‘’MAKE EUROPE GREAT AGAIN’’). UN'EVIDENTE RIFERIMENTO AL MANTRA MAGA (‘’MAKE AMERICA GREAT AGAIN’’) CHE DA ANNI MARCHIA LE CAMPAGNE ELETTORALI DI DONALD TRUMP – NON BASTA: SFANCULATA LA DUCETTA PRO-KIEV, IL FILO PUTINIANO ORBAN MINACCIA DI ENTRARE NEL GRUPPO DI LE PEN-SALVINI – ASPETTANDO IL CAOS-ORBAN A PARTIRE DA LUGLIO, MACRON-SCHOLZ-TUSK VOGLIONO CHIUDERE LE NOMINE DELLA COMMISSIONE EU ENTRO IL 28 GIUGNO…

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…