DAGOREPORT – ASPETTANDO IL VOTO, MACRON E SCHOLZ HANNO TROVATO UN ACCORDO DI MASSIMA: SILURATA URSULA ED ESCLUSA OGNI ALLEANZA CON LA MELONI, I DUE LASCERANNO AL PPE, GRUPPO DI MAGGIORANZA, L’ONERE DI TROVARE UN NOME ALTERNATIVO A VON DER LAYEN PER LA COMMISSIONE (NO A WEBER, UN PO' TROPPO DI DESTRA, IN POLE IL BAVARESE SÖDER) – I SOCIALISTI PUNTANO ALLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO EUROPEO, DOVE SANCHEZ FA PRESSIONE SU SCHOLZ PER IL PORTOGHESE COSTA. MA SE LA SCELTA RICADESSE SUI LIBERALI, MACRON PROPORREBBE MARIO DRAGHI - MORALE DELLA FAVA: ALLA FACCIA DEL CAMALEONTISMO, LA DUCETTA IN EUROPA SARA' IRRILEVANTE...

-

Condividi questo articolo


emmanuel macron olaf scholz emmanuel macron olaf scholz

DAGOREPORT

Aspettando il 10 giugno, l’accordo tra Macron e Scholz sull’Europa che verrà è sostanzialmente chiuso: i due non ci pensano proprio di allargare la storica maggioranza che governa l’UE (Popolari-Socialisti-Liberali) ai Conservatori capitanati dalla Ducetta e hanno entrambi messo nel mirino la riconferma di Ursula von Der Leyen.

 

Il cancelliere tedesco, una volta silurata la mal-destra Ursula, anche per sgonfiare definitivamente le euroambizioni sbagliate di Giorgia Meloni, lascerà al Partito Popolare Europeo, in quanto primo gruppo per voti e seggi, il potere di scegliere il candidato alla presidenza della Commissione.

OLAF SCHOLZ URSULA VON DER LEYEN EMMANUEL MACRON OLAF SCHOLZ URSULA VON DER LEYEN EMMANUEL MACRON

 

Se l’ex cocca di Angela Merkel ha già il foglio di via, non è considerato migliore Manfred Weber, troppo vicino alle destre europee e al governo italiano, tramite l’amico Antonio Tajani.

 

Il nome in pole position in questa fase è il leader bavarese della Csu Markus Söder.

 

giorgia meloni ursula von der leyen kiev giorgia meloni ursula von der leyen kiev

Anche perché lasciare ai popolari la Commissione permetterà ai socialisti di Scholz e ai liberali di Macron di ambire alla presidenza del Consiglio Europeo. Il premier spagnolo, Pedro Sanchez, fa pressione sul cancelliere tedesco per  piazzare il portoghese Antonio Costa, costretto a dimettersi da premier per uno scandalo di corruzione che si è rivelato una patacca.

 

Se invece la poltrona del Consiglio europeo venisse lasciata ai liberali, Macron proporrebbe Mario Draghi.

 

Morale della fava: alla faccia di tutti i suoi camaleontismi, la Melona in Europa sarà irrilevante. E il suo sogno di allentare il Patto di Stabilità, che per l'Italia è economicamente insostenibile, si trasformerà in un incubo. 

markus soder 5 markus soder 5

macron scholz macron scholz emmanuel macron olaf scholz emmanuel macron olaf scholz

mario draghi emmanuel macron mario draghi emmanuel macron ANTONIO COSTA - PEDRO SANCHEZ ANTONIO COSTA - PEDRO SANCHEZ

 

antonio costa mario draghi pedro sanchez antonio costa mario draghi pedro sanchez

 

 

emmanuel macron olaf scholz emmanuel macron olaf scholz emmanuel macron olaf scholz emmanuel macron olaf scholz

markus soder 3 markus soder 3

DRAGHI SCHOLZ MACRON 33 DRAGHI SCHOLZ MACRON 33

 

giorgia meloni ursula von der leyen vertice italia africa giorgia meloni ursula von der leyen vertice italia africa

olaf scholz angela merkel olaf scholz angela merkel EMMANUEL MACRON - DONALD TUSK - OLAF SCHOLZ EMMANUEL MACRON - DONALD TUSK - OLAF SCHOLZ

markus soder markus soder markus soder beve birra markus soder beve birra

 

markus soder 4 markus soder 4

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – GRANDE È LA CONFUSIONE SOTTO IL CIELO DI BRUXELLES: O IL QUINTETTO AL COMANDO, FORMATO DA MACRON, SCHOLZ, TUSK, SANCHEZ E MITSOTAKIS, TROVA UN ACCORDO IL 28 GIUGNO O SALTA TUTTO - IL BALLO DI SAN VITO SI GIOCA SUL NOME DI URSULA VON DER LEYEN. INVISA A UNA PARTE DEL PPE, CORRE IL RISCHIO DI ESSERE AFFONDATA DAL VOTO SEGRETO DEL PARLAMENTO - URGE AGGIUNGERE UN POSTO A TAVOLA. E QUI IL PPE SI SPACCA: ALLA CORRENTE DI WEBER, CHE VORREBBE IMBARCARE IL GRUPPO ECR GUIDATO DALLA REGINA DI COATTONIA, SI CONTRAPPONE LA CORRENTE DI TUSK. IL LEADER POLACCO CONTA IL MAGGIOR NUMERO DI PARLAMENTARI NEL PPE E ACCETTEREBBE SOLO I FRATELLI D’ITALIA. E PER MAGGIOR TRANQUILLITÀ, ANCHE I VOTI DEI VERDI, MA GIORGIONA NON CI STA - IL GUAZZABUGLIO SI INGROSSERÀ DOMANI, LUNEDÌ, CON L’INCONTRO DI UN IMBUFALITO ORBAN CON LA DUCETTA, REA DI AVER ARRUOLATO I RUMENI ANTI UNGHERESI DI AUR, E PRONTO A SALIRE SUL CARRO DI MARINE LE PEN - ALLA EVITA PERON DELLA GARBATELLA, CHE RISCHIA L’IRRILEVANZA POLITICA NELL’UNIONE EUROPEA, NON RESTA ALTRO CHE FAR SALTARE IL BANCO DEL 28 GIUGNO…

 

FLASH! - VIKTOR ORBÁN ASSUMERÀ IL 1° LUGLIO LA PRESIDENZA DI TURNO AL CONSIGLIO EUROPEO MA HA GIÀ FATTO INCAZZARE MEZZO CONTINENTE: IL MOTTO SCELTO DAL PREMIER UNGHERESE È MEGA (‘’MAKE EUROPE GREAT AGAIN’’). UN'EVIDENTE RIFERIMENTO AL MANTRA MAGA (‘’MAKE AMERICA GREAT AGAIN’’) CHE DA ANNI MARCHIA LE CAMPAGNE ELETTORALI DI DONALD TRUMP – NON BASTA: SFANCULATA LA DUCETTA PRO-KIEV, IL FILO PUTINIANO ORBAN MINACCIA DI ENTRARE NEL GRUPPO DI LE PEN-SALVINI – ASPETTANDO IL CAOS-ORBAN A PARTIRE DA LUGLIO, MACRON-SCHOLZ-TUSK VOGLIONO CHIUDERE LE NOMINE DELLA COMMISSIONE EU ENTRO IL 28 GIUGNO…

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…