DAGOREPORT – CHI SOGNA IL RITORNO DI TRUMP ALLA CASA BIANCA? DI CERTO NETANYAHU ED EMIRATI ARABI UNITI, MA TRA LE VEDOVELLE DI “THE DONALD” NON C’È PUTIN. “MAD VLAD” PREFERISCE IL PREVEDIBILE NEMICO BIDEN A QUEL MATTACCHIONE INAFFIDABILE DEL TYCOON (CHE GIUSTO IERI HA INVOCATO LE BOMBE AMERICANE SU MOSCA). UNA DIFFIDENZA POTENZIALMENTE UTILE A “SLEEPY JOE”: IL CREMLINO POTREBBE “CONCEDERGLI” LA PACE IN UCRAINA PER EVITARE IL RITORNO DI TRUMP – E LA MELONI? TIENE IL PIEDE IN DUE STAFFE: MANDA I SUOI ALLA CONVENTION CPAC, MA SI FA DARE I BACETTI DA BIDEN…

-

Condividi questo articolo


DAGOREPORT

DONALD TRUMP BENJAMIN NETANYAHU DONALD TRUMP BENJAMIN NETANYAHU

Chi vuole davvero Trump alla Casa Bianca? A parte il popolo “Maga” e le frange più infervorate del partito repubblicano, che venerano l’ex Presidente come una divinità, quali sono i leader mondiali che non vedono l’ora che il tycoon riprenda possesso dello Studio ovale?

 

Di certo, c’è Benjamin Netanyahu. Il premier israeliano, che lega la sua sopravvivenza politica al conflitto a Gaza, ormai guerreggia non solo contro Hamas, ma anche con Biden, un giorno sì e l’altro pure.

 

donald trump con lo sceicco mohamed bin zayed al nahyan donald trump con lo sceicco mohamed bin zayed al nahyan

Il disprezzo mostrato da “Sleepy Joe” per Bibi ha ormai raggiunto livelli di esasperazione.

 

I due non si amano e non si sopportano più e non è neanche un mistero che la Casa Bianca, tramite la sua madonna pellegrina Blinken, abbia provato a far cadere il governo israeliano sfilandogli alleati e spingendo altri leader.

 

Trump e Putin Trump e Putin

Certo, il Trump del 2024 non è il Trump del 2016: ridimensionato il genero Jared Kushner, ebreo e grande architetto degli accordi di Abramo, The Donald ha mostrato qualche esitazione nel sostegno aprioristico al premier israeliano (in un’intervista al Time, ha riconosciuto le colpe di “Bibi” per il pogrom del 7 ottobre parlando della sua “brutta esperienza” ai tempi del raid Usa che uccise Qassem Soleimani, nel 2020). Agli occhi di Netanyahu, sono piccole prese di posizione che non mettono in discussione l'amicizia di Trump con Israele e lo rendono in ogni caso preferibile a Biden

 

vladimir putin donald trump vladimir putin donald trump

Ad aspettare il ritorno del “Rusty Trumpone” ci sono certamente gli Emirati Arabi, che sperano, agganciandosi alla presidenza repubblicana, di ottenere quello status e quel riconoscimento internazionale che gli otto anni di Obama e quattro di Biden hanno via via concesso a sauditi e qatarini.

 

Nella lista delle vedovelle di Trump, a sorpresa, non c’è Putin. Nonostante i rapporti tra i due vengano descritti come ottimi, per via di quella mezza patacca che fu il Russiagate, in realtà “Mad Vlad” non desidera un nemico inattendibile e volubile come “The Donald”. Lo stesso presidente russo ha detto (a febbraio) di preferire Biden, perché “è più esperto di politica”.

 

benjamin netanyahu, donald trump e i ministri degli esteri di barhein e emirati arabi uniti benjamin netanyahu, donald trump e i ministri degli esteri di barhein e emirati arabi uniti

Vladimir Vladimirovich è un vecchio arnese della guerra fredda che ragiona con gli schemi del Novecento: meglio un prevedibile nemico che un simpatizzante svalvolone. E infatti, ieri Trumpone se n’è uscito con una sparata delle sue: “Se fossi stato presidente avrei bombardato Mosca e Pechino se la Russia avesse invaso l'Ucraina o la Cina avesse invaso Taiwan".

 

La diffidenza di Putin nei confronti di Trump potrebbe tornare utile a Biden perché, se davvero il Cremlino vuole evitare il ritorno dei repubblicani alla Casa Bianca potrebbe “concedergli” la pace in Ucraina.

 

giorgia meloni donald trump giorgia meloni donald trump

I trumpiani de’ noantri si riducono alle esternazione goffe di Matteo Salvini, che dieci giorni fa, a Firenze, ha auspicato il ritorno di Donald Trump: “la sua vittoria è una speranza di ritorno alla pace in Ucraina”.

 

E Giorgia Meloni? Da un lato alcuni parlamentari di Fratelli d’Italia hanno timbrato il cartellino alla Cpac, la conferenza dei conservatori Usa dove la stessa Ducetta parlò nel 2022, come a voler tenere aperto un canale. Dall’altro si fa dare i bacetti in testa da Joe Biden di cui è diventata l’ancella mignon…

SALVINI TRUMP SALVINI TRUMP

 

 

LA VIGNETTA DEL NEW YORK TIMES SU NETANYAHU E TRUMP LA VIGNETTA DEL NEW YORK TIMES SU NETANYAHU E TRUMP

donald trump in mezzo a donald trump con lo sceicco mohamed bin zayed al nahyan e salman dell'arabia saudita donald trump in mezzo a donald trump con lo sceicco mohamed bin zayed al nahyan e salman dell'arabia saudita donald trump con lo sceicco mohamed bin zayed al nahyan 1 donald trump con lo sceicco mohamed bin zayed al nahyan 1

putin trump putin trump trump salvini trump salvini vladimir putin donald trump vladimir putin donald trump vladimir putin donald trump vladimir putin donald trump Trump e Putin Trump e Putin MELONI TRUMP MELONI TRUMP MELONI TRUMP 1 MELONI TRUMP 1

 

giorgia meloni donald trump giorgia meloni donald trump trump putin trump putin

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – GRANDE È LA CONFUSIONE SOTTO IL CIELO DI BRUXELLES: O IL QUINTETTO AL COMANDO, FORMATO DA MACRON, SCHOLZ, TUSK, SANCHEZ E MITSOTAKIS, TROVA UN ACCORDO IL 28 GIUGNO O SALTA TUTTO - IL BALLO DI SAN VITO SI GIOCA SUL NOME DI URSULA VON DER LEYEN. INVISA A UNA PARTE DEL PPE, CORRE IL RISCHIO DI ESSERE AFFONDATA DAL VOTO SEGRETO DEL PARLAMENTO - URGE AGGIUNGERE UN POSTO A TAVOLA. E QUI IL PPE SI SPACCA: ALLA CORRENTE DI WEBER, CHE VORREBBE IMBARCARE IL GRUPPO ECR GUIDATO DALLA REGINA DI COATTONIA, SI CONTRAPPONE LA CORRENTE DI TUSK. IL LEADER POLACCO CONTA IL MAGGIOR NUMERO DI PARLAMENTARI NEL PPE E ACCETTEREBBE SOLO I FRATELLI D’ITALIA. E PER MAGGIOR TRANQUILLITÀ, ANCHE I VOTI DEI VERDI, MA GIORGIONA NON CI STA - IL GUAZZABUGLIO SI INGROSSERÀ DOMANI, LUNEDÌ, CON L’INCONTRO DI UN IMBUFALITO ORBAN CON LA DUCETTA, REA DI AVER ARRUOLATO I RUMENI ANTI UNGHERESI DI AUR, E PRONTO A SALIRE SUL CARRO DI MARINE LE PEN - ALLA EVITA PERON DELLA GARBATELLA, CHE RISCHIA L’IRRILEVANZA POLITICA NELL’UNIONE EUROPEA, NON RESTA ALTRO CHE FAR SALTARE IL BANCO DEL 28 GIUGNO…

 

FLASH! - VIKTOR ORBÁN ASSUMERÀ IL 1° LUGLIO LA PRESIDENZA DI TURNO AL CONSIGLIO EUROPEO MA HA GIÀ FATTO INCAZZARE MEZZO CONTINENTE: IL MOTTO SCELTO DAL PREMIER UNGHERESE È MEGA (‘’MAKE EUROPE GREAT AGAIN’’). UN'EVIDENTE RIFERIMENTO AL MANTRA MAGA (‘’MAKE AMERICA GREAT AGAIN’’) CHE DA ANNI MARCHIA LE CAMPAGNE ELETTORALI DI DONALD TRUMP – NON BASTA: SFANCULATA LA DUCETTA PRO-KIEV, IL FILO PUTINIANO ORBAN MINACCIA DI ENTRARE NEL GRUPPO DI LE PEN-SALVINI – ASPETTANDO IL CAOS-ORBAN A PARTIRE DA LUGLIO, MACRON-SCHOLZ-TUSK VOGLIONO CHIUDERE LE NOMINE DELLA COMMISSIONE EU ENTRO IL 28 GIUGNO…

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…