1. FINORA, LO SCANDALO CHE HA TRAVOLTO GENOVA HA UN SOLO VINCITORE: E' GIGI APONTE   2. AZZOPPATO IL SUO TIGNOSO COMPETITOR, ALDO SPINELLI, SISTEMATI AI DOMICILIARI I COMPAGNI DI YACHT E DI FICHES, TOTI E SIGNORINI, L'ARMATORE PARTENOPEO E PARTE-SVIZZERO NON SOLO NON È INDAGATO, MA NON È STATO NEMMENO ASCOLTATO DALLA PROCURA DI GENOVA COME PERSONA INFORMATA SUI FATTI. NIENTE. ALLA FINE IL PATRON DI MSC POTRÀ REGNARE  INCONTRASTATO SUL PORTO DELLA CITTÀ LIGURE CHE, GRAZIE AL MAXI-PROGETTO DELLA DIGA FORANEA E AI TANTI SOLDI DEL PNRR, DIVENTERÀ IL PRINCIPALE HUB DEL MEDITERRANEO 
3. SPINELLI PAGA LA SUA HYBRIS: COME SI FA A METTERE I BASTONI TRA LE ELICHE AL COLOSSO MSC SFIDANDO LA PRIMA LEGGE DEL POTERE: ''ARTICOLO QUINTO, CHI HA I SOLDI HA VINTO''?
4. IL PROFONDO LEGAME DI APONTE CON ISRAELE E I SUOI APPARATI, A PARTIRE DAL MOSSAD: IL SUOCERO, IL BANCHIERE EBREO PINHAS DIAMANT, È UNO DEI FONDATORI DELLO STATO EBRAICO, E I CARGO MSC VENGONO CONSIDERATI ''NAVI ISRAELIANE''. INFATTI GLI HOUTHI LE ATTACCANO...

Condividi questo articolo


DAGOREPORT

rafaela diamant gianluigi aponte rafaela diamant gianluigi aponte

A chi giova la caduta del Sistema Toti, con le rivelazioni su mazzette e appalti allegri, fiches e fiche, yacht e mign-yacht destinazione Montecarlo, che sta terremotando il quadro politico ed economico di Genova e dintorni?

 

Per ora, a 23 giorni dall'esplosione del Genova-gate, l’unico vero beneficiario dello sconquasso che ha messo fuori dai giochi il triangolo Toti-Signorini-Spinelli si chiama  Gianluigi Aponte.

 

L’ex scugnizzo caprese, tramutatosi in un signorotto svizzero con residenza a Ginevra, azzoppato l’unico competitor (il tignoso calabro-ligure Aldo Spinelli), potrà finalmente regnare incontrastato e papparsi tutti gli affari del porto, che, grazie alla diga foranea di Genova, un maxi progetto da 1,3 miliardi finanziato con i soldi del Pnrr, diventerà il principale hub marittimo del Mediterraneo.

 

MARCO BUCCI - ALDO SPINELLI - GIANLUIGI APONTE - GIOVANNI TOTI MARCO BUCCI - ALDO SPINELLI - GIANLUIGI APONTE - GIOVANNI TOTI

Come ricorda il sito del “Sole 24 ore”, la grande opera, “protagonista di cronache non solo economiche ma anche giudiziarie, […] dovrà essere realizzata dal consorzio Pergenova Breakwater (WeBuild al 40% e a seguire Fincantieri, Fincosit e Sifra) è considerata uno dei progetti strategici del Pnrr”.

 

Il ciclone giudiziario, che ha spedito ai domiciliari i capoccioni di Genova, non ha toccato nemmeno di striscio l'83enne  Aponte, Gigi per gli amici, il quale non solo non è indagato, ma finora non è stato neanche ascoltato dalla Procura di Genova come persona informata sui fatti. Niente.

 

Dal quartier generale di Ginevra, ma il polmone finanziario dell’impero Msc è in Lussemburgo, Aponte osserva e aspetta. L’armatore segue gli interrogatori di Toti e Signorini legge le dichiarazioni di Spinelli padre e figlio (che, comunque finisca l’inchiesta, sono ormai compromessi), si informa sull’attività della Guardia di Finanza, che cerca all’estero (leggi: Montecarlo) il malloppo di denaro che avrebbe oliato il “Sistema Genova”.

 

GIANLUIGI APONTE GIOVANNI TOTI GIANLUIGI APONTE GIOVANNI TOTI

Nelle ricostruzioni più o meno informate sulla genesi della “Tangentopoli al pesto” c’è chi sostiene che Aldo Spinelli abbia peccato di hybris: pur senza disporre della centesima forza politica ed economica di Aponte, ha tentato di mettere le mani sulla futura cuccagna del porto, infilandosi in un gioco enorme rispetto alle sue possibilità.

 

Contando sui rapporti con la politica e la magistratura locale (aveva chiamato come consulente legale l’ex capo della Procura di Genova, Francesco Cozzi), l’ex presidente del Genoa avrebbe voluto scalzare il partenopeo e parte-svizzero Aponte, considerandolo un forestiero lontano dalle dinamiche “amichettiste” della città di Grillo e Villaggio.

 

PAGO - ALDO SPINELLI MEME BY EMILIANO CARLI - IL GIORNALONE - LA STAMPA PAGO - ALDO SPINELLI MEME BY EMILIANO CARLI - IL GIORNALONE - LA STAMPA

Nel farlo, nel mettere i bastoni tra le ruote al colosso Msc (leader mondiale dei cargo), Spinelli ha sfidato la legge cardine del potere: “articolo quinto, chi ha i soldi, ha vinto”. Per comprendere meglio il potere dell’armatore non basta leggere i bilanci floridi delle sue società, ma occorre unire i puntini che legano una folgorante carriera a una più che interessante biografia.

 

Come già raccontato da Dagospia il 17 maggio 2024, Aponte deve le sue fortune alla moglie. O meglio, al suocero, il facoltoso ebreo Pinhas Diamant, uno dei fondatori dello Stato di Israele. Come scriveva nel 2007 Teodoro Chiarelli, sulla “Stampa”, il peso specifico della famiglia Diamant “certo non gli è stato di ostacolo con le banche estere che generosamente da anni lo finanziano”. Le sue navi vengono considerate a tutti gli effetti “navi israeliane”, al punto da finire più volte nel mirino dei terroristi yemeniti filo-iraniani Houthi quando provano ad attraversare il canale di Suez, tant'è che hanno ufficialmente la protezione del Mossad. 

 

msc vittoria msc vittoria

Quando il legame con lo Stato del premier Netanyahu è così solido, è facile immaginare che ci siano rapporti e collaborazioni, a vari livelli,  con tutti gli apparati di quel Paese.

 

In tempi di globalizzazione, chi trasporta merci attraverso acque internazionali svolge un ruolo molto delicato: attraverso i cargo passa ogni tipo di prodotto, anche quello più “sensibile”. Nulla di più rilevante per i servizi di intelligence, soprattutto in un’area – il Medioriente – funestata da guerre, pirati e turbolenze geopolitiche.

 

rafaela diamant rafaela diamant

Chissà se Gianluigi Aponte, sotto sotto, non confidasse in un passo falso di Spinelli, che mettesse la protervia di “Scio Aldo” fuori dai coglioni.

 

E chissà se lo scoppio dello scandalo abbia poi colto di sorpresa l’armatore, o se, dati causa e pretesto, non si aspettasse le attuali conclusioni.

 

Sicuramente, il sempre riservato Aponte non starà apprezzando la ribalta mediatica imposta dall’inchiesta e dalle cronache giudiziarie. Conoscendo il suo proverbiale understatement, sperava di non essere tirato in ballo in intercettazioni e interrogatori. E forse confidava che i magistrati chiudessero la pratica con più rapidità. Ma siamo in Italia, mica in Svizzera.

Gianluigi Aponte, Paolo Signorini e Alfonso Lavarello Gianluigi Aponte, Paolo Signorini e Alfonso Lavarello MATTEO SALVINI - MARCO BUCCI - ALDO SPINELLI MATTEO SALVINI - MARCO BUCCI - ALDO SPINELLI nave msc nicola mastro 6 nave msc nicola mastro 6 MSC GAYANE MSC GAYANE MSC GAYANE 2 MSC GAYANE 2 msc diego msc diego NAVE MSC NAVE MSC gianluigi aponte 6 gianluigi aponte 6 gianluigi aponte con i figli diego e alexia gianluigi aponte con i figli diego e alexia msc gina msc gina msc vittoria 1 msc vittoria 1 Aldo Spinelli Aldo Spinelli Piacenza, Bucci, Aponte, Rixi, Pellicciari, Toti e Lavarello Piacenza, Bucci, Aponte, Rixi, Pellicciari, Toti e Lavarello E IO PAGO - MEME BY EMILIANO CARLI - IL GIORNALONE - LA STAMPA E IO PAGO - MEME BY EMILIANO CARLI - IL GIORNALONE - LA STAMPA gianluigi aponte gianluigi aponte gianluigi aponte 8 gianluigi aponte 8 gianluigi aponte 8 gianluigi aponte 8 gianluigi aponte rafaela diamant gianluigi aponte rafaela diamant msc lirica msc lirica spinelli aponte spinelli aponte gianluigi aponte francois hollande gianluigi aponte francois hollande sophia loren gianluigi aponte sophia loren gianluigi aponte Toti Aponte Toti Aponte sarkozy aponte sarkozy aponte

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – GRANDE È LA CONFUSIONE SOTTO IL CIELO DI BRUXELLES: O IL QUINTETTO AL COMANDO, FORMATO DA MACRON, SCHOLZ, TUSK, SANCHEZ E MITSOTAKIS, TROVA UN ACCORDO IL 28 GIUGNO O SALTA TUTTO - IL BALLO DI SAN VITO SI GIOCA SUL NOME DI URSULA VON DER LEYEN. INVISA A UNA PARTE DEL PPE, CORRE IL RISCHIO DI ESSERE AFFONDATA DAL VOTO SEGRETO DEL PARLAMENTO - URGE AGGIUNGERE UN POSTO A TAVOLA. E QUI IL PPE SI SPACCA: ALLA CORRENTE DI WEBER, CHE VORREBBE IMBARCARE IL GRUPPO ECR GUIDATO DALLA REGINA DI COATTONIA, SI CONTRAPPONE LA CORRENTE DI TUSK. IL LEADER POLACCO CONTA IL MAGGIOR NUMERO DI PARLAMENTARI NEL PPE E ACCETTEREBBE SOLO I FRATELLI D’ITALIA. E PER MAGGIOR TRANQUILLITÀ, ANCHE I VOTI DEI VERDI, MA GIORGIONA NON CI STA - IL GUAZZABUGLIO SI INGROSSERÀ DOMANI, LUNEDÌ, CON L’INCONTRO DI UN IMBUFALITO ORBAN CON LA DUCETTA, REA DI AVER ARRUOLATO I RUMENI ANTI UNGHERESI DI AUR, E PRONTO A SALIRE SUL CARRO DI MARINE LE PEN - ALLA EVITA PERON DELLA GARBATELLA, CHE RISCHIA L’IRRILEVANZA POLITICA NELL’UNIONE EUROPEA, NON RESTA ALTRO CHE FAR SALTARE IL BANCO DEL 28 GIUGNO…

 

FLASH! - VIKTOR ORBÁN ASSUMERÀ IL 1° LUGLIO LA PRESIDENZA DI TURNO AL CONSIGLIO EUROPEO MA HA GIÀ FATTO INCAZZARE MEZZO CONTINENTE: IL MOTTO SCELTO DAL PREMIER UNGHERESE È MEGA (‘’MAKE EUROPE GREAT AGAIN’’). UN'EVIDENTE RIFERIMENTO AL MANTRA MAGA (‘’MAKE AMERICA GREAT AGAIN’’) CHE DA ANNI MARCHIA LE CAMPAGNE ELETTORALI DI DONALD TRUMP – NON BASTA: SFANCULATA LA DUCETTA PRO-KIEV, IL FILO PUTINIANO ORBAN MINACCIA DI ENTRARE NEL GRUPPO DI LE PEN-SALVINI – ASPETTANDO IL CAOS-ORBAN A PARTIRE DA LUGLIO, MACRON-SCHOLZ-TUSK VOGLIONO CHIUDERE LE NOMINE DELLA COMMISSIONE EU ENTRO IL 28 GIUGNO…

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…