LA PAROLA D’ORDINE TRA I PRETORIANI DI TELE-MELONI È: SOPIRE E TRONCARE. ANZI, INSABBIARE – PER LO SCURATI-GATE NON PAGHERÀ NESSUNO: GIAMPAOLO ROSSI VOLEVA
LA TESTA DI PAOLO CORSINI, MA A DIFENDERE IL “CAMERATA” È SCESA IN CAMPO LA “FIAMMA MAGICA” DI GIORGIA MELONI. RISULTATO? FINISCE TUTTO A TARALLUCCI E VINO – LO SCONTRO
A VIALE MAZZINI DIMOSTRA CHE ORA LE VERE FAIDE SI CONSUMANO NEI PARTITI E NON TRA ESSI…

Condividi questo articolo


DAGOREPORT

GIORGIA MELONI A BRUXELLES GIORGIA MELONI A BRUXELLES

La parola d’ordine tra i Fratellini d’Italia è: sopire e troncare. Anzi, insabbiare. Come già accaduto con il caso Striano, partito tra fuochi d’artificio e ormai finito con un petardino al punto che nessuno più se ne occupa, così avverrà per lo Scurati-gate. La censura dell’innocuo monologo dello scrittore aveva acceso polemiche virulente, compresa la  richiesta di dimissioni della conduttrice della trasmissione “Chesarà”, Serena Bortone, arrivate dal capogruppo alla Camera, Tommaso Foti. Scazzi, accuse, reazioni e controreazioni, e a cosa siamo arrivati? Praticamente a nulla.

 

giampaolo rossi foto di bacco giampaolo rossi foto di bacco

Il dg, Giampaolo Rossi, per salvaguardare soprattutto se stesso e il suo futuro da ad, voleva la testa di Paolo Corsini, direttore degli approfondimenti Rai, per allontanare da sé ogni responsabilità legata al caso: vuole restare immacolato fino all’investitura ufficiale. La mossa di Rossi è anche legata al non idilliaco rapporto con Corsini, che da tenace rugbista mostra i muscoli e si prende un po’ troppa (per Rossi) autonomia sulle decisioni.

 

Esautorarlo sembrava la decisione più conveniente, ma a difendere Corsini sono scesi in campo il partito, Palazzo Chigi, e la stessa Fiamma magica di Giorgia Meloni (Arianna- Scurti-Fazzolari): nessun “camerata” viene abbandonato al suo destino. Con il risultato della solita “scemeggiata” all’italiana quando si parla delle beghe Rai: finisce tutto a tarallucci e vino.

 

PAOLO CORSINI PAOLO CORSINI

Ps. Lo scazzo Rossi-Corsini è l’ennesima dimostrazione che ormai le vere lotte politiche avvengono all’interno dei partiti e non tra di essi. Nella Lega si battaglia sulla candidatura alle Europee del generale Vannacci (dopo Centinaio e Molinari, Max Romeo è tornato a esprimere perplessità: “Io voterò per la Lega, poi la preferenza la darò ai candidati che riterrò meritevoli, non dico a chi”); nel Pd volano i colt-Elly sulle scelte improvvide della Schlein (dal suo nome nel simbolo, fino alle candidature); nel Movimento 5 Stelle è iniziato un tiro al piccione contro Conte per il suo leaderismo senza limitismo.

paolo corsini paolo corsini LA NUOVA RAI MELONIANA - VIGNETTA BY ELLEKAPPA LA NUOVA RAI MELONIANA - VIGNETTA BY ELLEKAPPA GIAMPAOLO ROSSI - PAOLO CORSINI - ANGELO MELLONE - GIAN MARCO CHIOCCI GIAMPAOLO ROSSI - PAOLO CORSINI - ANGELO MELLONE - GIAN MARCO CHIOCCI giorgia meloni al consiglio europeo 1 giorgia meloni al consiglio europeo 1 GIAMPAOLO ROSSI A CARTOONS ON THE BAY - FESTIVAL DELL ANIMAZIONE DI PESCARA GIAMPAOLO ROSSI A CARTOONS ON THE BAY - FESTIVAL DELL ANIMAZIONE DI PESCARA LA DERIVA ORBANIANA DELLA RAI - LA SCHEDA DEL PD LA DERIVA ORBANIANA DELLA RAI - LA SCHEDA DEL PD giorgia meloni in molise selfie giorgia meloni in molise selfie LA RAI DI GIORGIA MELONI - VIGNETTA BY ELLEKAPPA LA RAI DI GIORGIA MELONI - VIGNETTA BY ELLEKAPPA paolo corsini paolo corsini

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

INTER-ZHANG: GAME OVER? IL PRESIDENTE NON PUÒ LASCIARE LA CINA E STA COMBATTENDO IL WEEKEND PIÙ DURO DELLA SUA VITA PER NON PERDERE ANCHE L’INTER. BALLA IL PRESTITO DA 375 MILIONI CHE ZHANG DEVE RESTITUIRE A OAKTREE. IL FONDO PIMCO SI ALLONTANA - SE LA TRATTATIVA PER UN NUOVO FINANZIAMENTO NON SI SBLOCCA ENTRO LUNEDÌ, OAKTREE SI PRENDERA’ IL CLUB. UNA SOLUZIONE CHE SAREBBE MOLTO GRADITA AL DG MAROTTA. FORSE IL DIRIGENTE SPORTIVO PIÙ POTENTE D’ITALIA HA GIÀ UN ACQUIRENTE? O FORSE SA CHE...

DAGOREPORT - VANNACCI SARÀ LA CILIEGINA SULLA TORTA O LA PIETRA TOMBALE PER MATTEO SALVINI, CHE TANTO LO HA VOLUTO NELLE LISTE DELLA LEGA, IGNORANDO LE CRITICHE DEI SUOI? - LUCA ZAIA, A CUI IL “CAPITONE” HA MOLLATO UN CALCIONE (“DI NOMI PER IL DOPO ZAIA NE HO DIECI”), POTREBBE VENDICARSI LASCIANDO CHE LA BASE LEGHISTA ESPRIMA IL SUO DISSENSO ALLE EUROPEE (MAGARI SCEGLIENDO FORZA ITALIA) - E COSA ACCADREBBE SE ANCHE FEDRIGA IN FRIULI E FONTANA IN LOMBARDIA FACESSERO LO STESSO? E CHE RIPERCUSSIONI CI SAREBBERO SUL GOVERNO SE SALVINI SI RITROVASSE AZZOPPATO DOPO LE EUROPEE?

DAGOREPORT - COSÌ COME IL SESSO È LA PARODIA DEL DELITTO, LA “MILANESIANA”, RASSEGNA “IDEATA E DIRETTA DA ELISABETTA SGARBI” (SORELLA DI), È LA PARODIA DELLA CULTURA GLAMOUR, CHIC, RADICAL-COLTA, AMICHETTISTICA DEL NOSTRO PAESE - OGNI ANNO UN TEMA (QUEST’ANNO “TIMIDEZZA”), UNA PAROLA COSÌ OMNICOMPRENSIVA CHE CI CACCI DENTRO QUEL CHE TI PARE, DAL NOBEL ALL’AMICO, DAL GIORNALISTA UTILE PER LA RECENSIONE ALLO SCRITTORE INUTILE: OVVIAMENTE, PRIMUS NON INTER PARES SUO FRATELLO VITTORIONE - LEI SCEGLIE, LEI FA, PRESENTA, OBBLIGA GLI SPETTATORI, ANCHE SE HANNO PAGATO IL BIGLIETTO, AD ASCOLTARE LA SUA BAND EXTRALISCIO: “È INUTILE CHE FISCHIATE…” – L'EVENTO NON BASTA: CI AGGIUNGE I SUOI FILM. E SU TUTTE LE LOCANDINE DELLE SERATE (TUTTE), LA METÀ SINISTRA È OCCUPATA DALLA FOTO (SEMPRE LA STESSA) DELLA SGARBI; POI, IN PICCOLO, I NOMI DEGLI OSPITI...