DAGOREPORT – SORCI VERDI PER URSULA VON DER LEYEN: L’ACCORDO SOTTOBANCO CON GLI AMBIENTALISTI FA INCAZZARE UNA GROSSA FRANGIA DEL PARTITO POPOLARE EUROPEO – I DUBBI DELL’ALA DESTRA DEL PPE: COSA HA PROMESSO PER AVERE I VOTI DEI 53 EUROPARLAMENTARI GREEN VOTERANNO PER LEI? E SOPRATTUTTO, LE BASTERANNO PER COMPENSARE I FRANCHI TIRATORI, CHE POTREBBERO MOLTIPLICARSI?

-

Condividi questo articolo


DAGOREPORT

URSULA VON DER LEYEN - GREEN DEAL URSULA VON DER LEYEN - GREEN DEAL

Ursula von der Leyen si è complicata la vita. Il suo accordo sottobanco con i Verdi, la cui delegazione è composta da 53 europarlamentari, è risultato indigesto a quella frangia del Partito popolare europeo che non ha mai sopportato gli ambientalisti e il loro Green Deal.

 

Nel Ppe, infatti, in molti reputano le politiche verdi un suicidio economico per l’Unione europea, e dannoso l’ambientalismo ideologico che ha caratterizzato i cinque anni di presidenza Ursula.

 

ursula von der leyen manfred weber ursula von der leyen manfred weber

L’accordo elettorale che l’ex cocca della Merkel ha ora siglato con i Verdi, per un appoggio esterno che controbilanci i franchi tiratori della maggioranza, spaventa i popolari: cosa ha promesso Ursula agli eco-parlamentari in cambio del loro sostegno? I timori di nuove restrizioni nazi-ambientaliste rischia di moltiplicare i malcontenti nel Ppe e di conseguenza i possibili voti contrari…

 

IL SENTIERO «STRETTO» DI URSULA STOP DEL PPE A UN PATTO CON I VERDI

Estratto dell’articolo di Francesca Basso per il “Corriere della Sera”

 

URSULA VON DER LEYEN URSULA VON DER LEYEN

Il sentiero di Ursula von der Leyen per la riconferma alla guida della Commissione europea resta stretto. L’ipotesi di un allargamento della maggioranza composta da Popolari, Socialisti e Liberali ai Verdi non sembra percorribile, questo è il segnale che arriva dalle giornate di studio del Ppe a Cascais ed è anche la posizione espressa con forza dalla delegazione italiana. Se i Verdi decideranno di votare in favore di von der Leyen sarà solo in base al programma che presenterà. Mentre gli estremi dell’emiciclo hanno confermato che non la sosterranno.

 

ursula von der leyen giorgia meloni g7 borgo egnazia ursula von der leyen giorgia meloni g7 borgo egnazia

[…] Le giornate di studio del Ppe a Cascais sono state l’occasione per von der Leyen per fare il punto con le delegazioni del suo gruppo. Il pericolo per la sua riconferma (ha bisogno di 361 voti, la maggioranza che la sostiene è di poco meno 400) viene proprio dai franchi tiratori.

 

 Von der Leyen ha incontrato il capodelegazione di Forza Italia Fulvio Martusciello, che ha elencato le priorità del partito: «Un approccio moderato del Green deal che garantisca la competitività. Abbiamo chiesto che non ci sia più un super commissario al Green deal e che le deleghe siano divise e assegnate a seconda del reale impatto e competenza. E una semplificazione, perché l’Ue non sia un’Europa delle regole, e una politica industriale non intrisa da posizioni ideologiche».

 

ursula von der leyen manfred weber illustrazione di politico ursula von der leyen manfred weber illustrazione di politico

Forza Italia è contraria a un allargamento ai Verdi, come ha spiegato in più occasioni il ministro degli Esteri Antonio Tajani. L’eurodeputato Massimiliano Salini ha ribadito al Corriere «la completa indisponibilità ad accordare il nostro consenso a un’alleanza con i Verdi» e ha spiegato che «tutto il Ppe qui a Cascais ha manifestato questa contrarietà». Non sarà facile per von der Leyen mettere a punto un programma sul Green deal che trovi concordi Ppe, S&D e Renew. «Nei socialisti e tra i macroniani ci sarà un grande dibattito interno — osserva Salini —. Restiamo il continente della sostenibilità ma i target ambientali non devono più prevalere sul nostro modello economico di sviluppo, come avvenuto sullo stop ai motori a benzina e diesel dal 2035 che va revocato».

ursula von der leyen giorgia meloni g7 borgo egnazia ursula von der leyen giorgia meloni g7 borgo egnazia antonio tajani e giorgia meloni al senato antonio tajani e giorgia meloni al senato IL VOTO DI MELONI ALLA VON DER LEYEN - VIGNETTA BY GIANNELLI IL VOTO DI MELONI ALLA VON DER LEYEN - VIGNETTA BY GIANNELLI ursula von der leyen ursula von der leyen antonio tajani antonio tajani tazze per ursula von der leyen al vertice ppe tazze per ursula von der leyen al vertice ppe

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY


ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - A MEDIASET NULLA SARÀ COME PRIMA: CON PIER SILVIO E MARINA AL COMANDO, TRAMONTA LA STELLA DEL GRAN CAPO DELL'INFORMAZIONE, MAURO CRIPPA (DA OLTRE 25 ANNI SOTTO L'ALA PROTETTIVA DI CONFALONIERI) - NELLA PROSSIMA STAGIONE TV, I CONDUTTORI-ULTRA’ CHE HANNO POMPATO I VOTI DI SALVINI E ORA TIRANO LA VOLATA ALLA MELONI (DEL DEBBIO, PORRO E GIORDANO) DOVRANNO DARSI UNA REGOLATA: PIER SILVIO VUOLE UN BISCIONE PLURALISTA - LO SCAZZO DI “PIERDUDI” CON PAOLO DEL DEBBIO - NICOLA PORRO, SE NON SI TOGLIE IL FEZ, RISCHIA DI PERDERE IL PROGRAMMA: LO STIPENDIO GLIELO PAGA MEDIASET, NON FRATELLI D’ITALIA - SILVIO NON C'E' PIU', CONFALONIERI HA 87 ANNI E CRIPPA INIZIA A PRENDERE CEFFONI: LA CACCIATA DELLA D’URSO E IL LICENZIAMENTO IN TRONCO DI DEL CORNO…

DAGOREPORT - I FRATELLINI D’ITALIA VARANO TELE-MELONI CON GIAMPAOLO ROSSI SEDUTO SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO E SIMONA AGNES (IN QUOTA FORZA ITALIA) ALLA PRESIDENZA - ALLA LEGA, CHE VUOLE LA DIREZIONE GENERALE, NIENTE. SALVINI S'INCAZZA DI BRUTTO E SFANCULA I MELONI DI VIALE MAZZINI: LE NOMINE RAI RISCHIANO DI SALTARE A SETTEMBRE - LA DAGO-INDISCREZIONE DI UNA TRATTATIVA IN CORSO PER UN TRASLOCO DI FIORELLO A DISCOVERY NON HA FATTO PER NIENTE PIACERE (EUFEMISMO) ALLA MELONA. C’È UN ANTICO AFFETTO E SIMPATIA TRA FIORELLO E L’EX BABY SITTER DELLA FIGLIA OLIVIA DIVENTATA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. ED È SUBITO PARTITA UNA TELEFONATA DELLA MELONA AI “SUOI” DIRIGENTI RAI: IL SUO “FIORE ALL’OCCHIELLO” DEVE RESTARE IN AZIENDA A QUALSIASI COSTO…

DAGOREPORT - GIORGIA MELONI È AL SUO PIÙ IMPORTANTE BANCO DI PROVA: IL VOTO PER L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE DEFINIRÀ IL SUO PROFILO INTERNAZIONALE. FARÀ UNO SCATTO DA STATISTA, METTENDO GLI INTERESSI ITALIANI AL CENTRO E VOTANDO PER LA RICONFERMA DI URSULA VON DER LEYEN O DIRÀ “NO, GRAZIE”, IN VERSIONE RAMBA DELLA GARBATELLA, SPINGENDO L’ITALIA IN UN MARE DI GUAI? - DAL MES AL PATTO DI STABILITA’, DALLA FINANZIARIA AL POSTO DA COMMISSARIO, CON BRUXELLES BISOGNERA’ TRATTARE: MEGLIO FARLO DA AMICO CHE DA NEMICO - LA SPINTA DI CONFINDUSTRIA, TAJANI E CROSETTO: GIORGIA, VOTA URSULA…

DAGOREPORT - DOPO LA CONFERENZA STAMPA AL VERTICE NATO, BIDEN HA PARTECIPATO A UNA CONFERENCE CALL CON BARACK OBAMA, IL LEADER DEI DEMOCRATICI AL SENATO, CHUCK SCHUMER, E LA GOVERNATRICE DEL MICHIGAN, GRETCHEN WHITMER. I TRE SONO STATI PIUTTOSTO ASSERTIVI NEL FAR CAPIRE A BIDEN CHE LA SITUAZIONE È PRECIPITATA: SE NON FARÀ UN PASSO INDIETRO, I GOVERNATORI DEMOCRATICI NON MANDERANNO I LORO DELEGATI ALLA CONVENTION DEMOCRATICA, PREVISTA DAL 19 AL 22 AGOSTO A CHICAGO: UN CHIARO ATTO OSTILE PER SABOTARE LA CANDIDATURA - DIETRO LA LETTERA DI CLOONEY C'E' LA MANO DI OBAMA CHE DOMANI PARLERA' AGLI AMERICANI...

L’ESTATE SI CONFERMA LA STAGIONE PIÙ CRUDELE PER LE CELEBRITÀ! - DOPO TOTTI-BLASI, AMENDOLA-NERI, MARCUZZI-CALABRESI, BONOLIS-BRUGANELLI, FEDEZ-FERRAGNI, DAGOSPIA È COSTRETTA AD ANNUNCIARE LA SEPARAZIONE DI CHECCO ZALONE DALLA COMPAGNA MARIANGELA EBOLI - I DUE STAVANO INSIEME DAL 2005, ANNO IN CUI IL COMICO PUGLIESE ESORDI' SUL PALCO DI ZELIG OFF - IN BARBA ALLA LORO IDIOSINCRASIA PER IL BARNUM DEL FLASH, SULLA COPPIA CIRCOLAVANO DA TEMPO VOCI DI CRISI. IL SIPARIO SI È DEFINITIVAMENTE ABBASSATO ALCUNI GIORNI FA QUANDO CHECCO, ALL’ANAGRAFE LUCA PASQUALE MEDICI, SI È PRESENTATO NELLO STUDIO DI UN AVVOCATO DI ROMA PER ATTIVARE LE PRATICHE DI FINE RAPPORTO (MALGRADO LA NASCITA DI DUE BAMBINE, NON HANNO MAI TROVATO LA STRADA VERSO L’ALTARE PER IL FATIDICO “SÌ”)