DAGOREPORT - SE LA GUERRA IN UCRAINA CONTINUA, È ANCHE COLPA DI QUEL SURVOLTATO DI BORIS JOHNSON. QUANDO IL MINISTRO DEGLI ESTERI RUSSO, SERGEI LAVROV, AFFERMA CHE "C'ERA UN ACCORDO PER LA FINE DEL CONFLITTO, MA BORIS DISSE DI CONTINUARE", DICE IL VERO - ERA IL MAGGIO DEL 2022, E A ISTANBUL (CHEZ ERDOGAN) ERA STATO TROVATO IL COMPROMESSO. MA IL MINI-TRUMP D'ALBIONE SI MISE DI TRAVERSO MINACCIANDO KIEV DI CHIUDERE IL RUBINETTO DEGLI AIUTI...

-

Condividi questo articolo


boris johnson lavrov boris johnson lavrov

1. “C'ERA UN ACCORDO CON L'UCRAINA PER LA FINE DELLA GUERRA MA BORIS JOHNSON DISSE DI CONTINUARE IL CONFLITTO” – LE BOMBE DI LAVROV: "L'ALTO RAPPRESENTANTE PER LA POLITICA ESTERA DELLA UE JOSEP BORRELL E IL SEGRETARIO DI STATO AMERICANO ANTONY BLINKEN SONO DEI CODARDI, SONO FUGGITI DA SKOPJE PER EVITARE DI INCONTRARMI. UNA SOLUZIONE PER L’UCRAINA? DEVONO PARTECIPARE ENTRAMBE LE PARTI, “COME NEL TANGO”, MA DALL'ALTRA PARTE SEMBRA CHE BALLINO LA "BREAKDANCE" – IL PIANO (FALLITO) DI PUTIN PER LASCIARE LA GERMANIA SENZA GAS

boris johnson toglie la mano di erdogan 9 boris johnson toglie la mano di erdogan 9

 

https://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/ldquo-39-era-accordo-39-ucraina-fine-guerra-ma-376506.htm

 

2. DAGOREPORT

Chissà se alla fine non ha ragione Sergei Lavrov: se la guerra in Ucraina continua a mietere vittime e ad avere conseguenze sull’economia dell’Occidente, è colpa di quel survoltato di Boris Johnson.

 

Quando il ministro degli Esteri russo sostiene che “c’era un accordo con l’Ucraina per la fine della guerra, ma Boris Johnson disse di continuare il conflitto”, dice il vero.

 

roman abramovich con erdogan ai negoziati tra russia e ucraina in turchia roman abramovich con erdogan ai negoziati tra russia e ucraina in turchia

Come ha ricordato il capo della diplomazia di Putin, era il maggio del 2022, e a Istanbul (chez Erdogan), si era arrivati a una soluzione condivisa per porre fine al massacro in Ucraina.

 

Una soluzione che ancora oggi è quella all’ordine del giorno e riguarda la Crimea e una piccola parte del Donbass, da cedere a Mosca come, di fatto, era prima dell’inizio dell’invasione.

 

Dopo quegli incontri, a cui partecipava anche l’oligarca russo Roman Abramovich, che ha fatto fortune a Londra (era il proprietario del Chelsea), la guerra poteva finire.

 

E allora cosa ha impedito il cessate il fuoco? Fu la tigna bionda di Boris Johnson, il mini-Trump d’Albione con manie di grandezza churchilliane (spesso si paragona all’ex primo ministro che sconfisse Hitler, di cui ha scritto anche una monumentale biografia), a stoppare tutto.

vladimir putin si tiene a distanza dagli ambasciatori 4 vladimir putin si tiene a distanza dagli ambasciatori 4

 

“BoJo” si impuntà e disse: “No, dovreste continuare la guerra”, minacciando gli uomini di Zelensky di chiudere il cospicuo rubinetto di aiuti che la Gran Bretagna ha fornito a Kiev.

 

Johnson è infatti venerato in Ucraina come un semi-dio: gli hanno intitolato strade, dedicato dolciumi e pupazzi, proprio per il sostegno indefesso alla causa della resistenza a Putin.

 

Ma perché Boris si è opposto e ha convinto l’ex comico a non cedere alle sirene del negoziato?

 

boris johnson volodymyr zelensky a kiev boris johnson volodymyr zelensky a kiev

Johnson, che durante la pandemia invocò la strategia dell’immunità di gregge, sostenendo la necessità di lasciar circolare il virus, salvo poi esserne colpito lui stesso, nonostante l’eccentricità del suo look (e della sua vita privata), è un conservatore vecchio stampo, che pensa che l’Inghilterra sia ancora un impero.

 

Erede di una lunga tradizione storica che vede la Russia come il nemico numero uno, Boris non ha dimenticato gli avvelenamenti celebri, compiuti presumibilmente dai servizi di Putin a Londra e dintorni (remember Litvinenko e Skripal?). E per questo, aveva dichiarato guerra agli oligarchi che a cavallo degli anni 2000 hanno trasformato la City in London-grad, a suon di investimenti e mazzette.

BORIS JOHNSON E ZELENSKY A KIEV BORIS JOHNSON E ZELENSKY A KIEV

 

Morale della fava? Johnson, che durante il lockdown teneva party segreti a Downing Street, è stato silurato dal suo partito, e ora è ai giardinetti a meditare sul suo futuro. Putin e i suoi accoliti sono ancora in giro a far danni, impuniti. E la guerra in Ucraina continua, anche per colpa della chioma platinata di un politico che non ha saputo accettare un compromesso (per conto terzi).

MEME SULLE DIMISSIONI DI BORIS JOHNSON 2 MEME SULLE DIMISSIONI DI BORIS JOHNSON 2

boris johnson volodymyr zelensky 6 boris johnson volodymyr zelensky 6 BORIS JOHNSON DONALD TRUMP BORIS JOHNSON DONALD TRUMP boris johnson volodymyr zelensky 9 boris johnson volodymyr zelensky 9 la giornalista e attivista ucraina contro boris johnson la giornalista e attivista ucraina contro boris johnson discorso di boris johnson al parlamento ucraino discorso di boris johnson al parlamento ucraino BORIS JOHNSON VLADIMIR PUTIN BORIS JOHNSON VLADIMIR PUTIN onorificenza ucraina per boris johnson onorificenza ucraina per boris johnson

 

boris johnson volodymyr zelensky 10 boris johnson volodymyr zelensky 10

 

meme su boris johnson meme su boris johnson

boris johnson fa jogging boris johnson fa jogging

meme su boris johnson e il progetto pilota meme su boris johnson e il progetto pilota

sergei lavrov al summit osce di skopje sergei lavrov al summit osce di skopje

meme party boris johnson 1 meme party boris johnson 1

boris johnson toglie la mano di erdogan 4 boris johnson toglie la mano di erdogan 4 boris johnson toglie la mano di erdogan 1 boris johnson toglie la mano di erdogan 1 roman abramovich con erdogan ai negoziati tra russia e ucraina in turchia 2 roman abramovich con erdogan ai negoziati tra russia e ucraina in turchia 2 boris johnson toglie la mano di erdogan 7 boris johnson toglie la mano di erdogan 7

MEME SULLE DIMISSIONI DI BORIS JOHNSON MEME SULLE DIMISSIONI DI BORIS JOHNSON MEME SUL PARTYGATE DI BORIS JOHNSON 2 MEME SUL PARTYGATE DI BORIS JOHNSON 2 meme party boris johnson 4 meme party boris johnson 4 meme party boris johnson 2 meme party boris johnson 2

bilaterale donald trump boris johnson al g7 di biarritz bilaterale donald trump boris johnson al g7 di biarritz

oris johnson davanti alla commissione sul partygate 1 oris johnson davanti alla commissione sul partygate 1 sergei lavrov sergei lavrov BORIS JOHNSON BORIS JOHNSON BORIS JOHNSON GUTO HARRI BORIS JOHNSON GUTO HARRI vladimir putin si tiene a distanza dagli ambasciatori 1 vladimir putin si tiene a distanza dagli ambasciatori 1 vladimir putin si tiene a distanza dagli ambasciatori 5 vladimir putin si tiene a distanza dagli ambasciatori 5 delegati lasciano la sala quando parla sergei lavrov vertice osce di skopje 2 delegati lasciano la sala quando parla sergei lavrov vertice osce di skopje 2

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…

DAGOREPORT! - IL VENTO STA CAMBIANDO? A OTTOBRE, SI RITORNA ALLE URNE? SALVINI MOLLA MELONI? - DELIRIO PER I SONDAGGI CHOC DELLE REGIONALI IN SARDEGNA: ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, AVREBBE DUE PUNTI DI VANTAGGIO SUL MELONIANO TRUZZU - IN VISTA DELLE EUROPEE, UNA SCONFITTA SAREBBE UN PESSIMO SEGNALE PER LA MELONA - SALVINI AL MURO: SE LA LEGA VA SOTTO L’8%, POTREBBE TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO - IN CASO DI CRISI, NESSUN GOVERNO TECNICO: SI VOTA SUBITO, A SETTEMBRE/OTTOBRE. LA MELONA VUOLE CAPITALIZZARE IL CONSENSO, PRIMA DELL'ARRIVO DELLA CRISI ECONOMICA - RESO INERTE TAJANI, PER GOVERNARE, LA DUCETTA HA BISOGNO DI UNA LEGA DESALVINIZZATA - E NON È DETTO CHE IL CAPITONE RIMANGA AL SUO POSTO: LA BASE ELETTORALE DEL CARROCCIO HA UN DNA MODERATO E PRAGMATISTA, E NE HA PIENE LE PALLE DELLA POLITICA DESTRORSA, AFFOLLATA DI LE PEN E NAZISTOIDI. I FEDRIGA, I ZAIA, I FONTANA, I GIORGETTI SONO LEGHISTI BEN COMPATIBILI CON GIORGIA “FASCIO TUTTO IO!”. E’ SALVINI CHE SI È ESTREMIZZATO

DAGOREPORT! FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI. ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, RAGGIUNGE IL 45% MENTRE PAOLO TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI, SI DEVE ACCONTENTARE DEL 42,5%. SEMPRE A SINISTRA, RENATO SORU, CON LA SUA 'COALIZIONE SARDA’, INTASCA L'11,2% - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER IL FATIDICO “CAMPOLARGO” PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ NAZIONALE-. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? “IO SO’ GIORGIA” HA QUASI DEL TUTTO CASSATO L’IDEA SULLA SUA CANDIDATURA ALLE EUROPEE. FRATELLI D'ITALIA CHE NON SUPERA IL 30% CON LA LEADER IN CAMPO SAREBBE VISSUTO ALLA STREGUA DI UN CLAMOROSO FLOP