DATEMI UN MATTARELLA – LA "MUMMIA SICULA" ALZA LA CORNETTA PER TELEFONARE ALLA MELONI, TRAVOLTA DALLA VALANGA DI INSULTI DA GIOVANNI GOZZINI, ORDINARIO DI STORIA CONTEMPORANEA ALL'UNIVERSITÀ DI SIENA: “È UN GESTO CHE HO APPREZZATO MOLTO E CHE RIBADISCE CON FERMEZZA IL LIMITE INVALICABILE, IN UNA DEMOCRAZIA, TRA CRITICA E VIOLENZA” – FINITO NELLA BUFERA GOZZINI PROVA A METTERCI UNA PEZZA: “CHIEDO SCUSA PER AVER USATO DELLE PAROLE SBAGLIATE”. MA DOVE SONO LE INDIGNATE A CORRENTE ALTERNATA DI SINISTRA?

-

Condividi questo articolo

Claudio Bozza per "il Corriere della Sera"

 

SERGIO MATTARELLA MEJO DI BERNIE SANDERS SERGIO MATTARELLA MEJO DI BERNIE SANDERS

«La Meloni? È una s... Una rana...». È sabato pomeriggio: su Controradio , storica emittente fiorentina con il cuore a sinistra, il professor Giovanni Gozzini, ordinario di Storia contemporanea all'Università di Siena, perde il controllo e copre d'insulti Giorgia Meloni, leader di Fratelli d'Italia. Lo sproloquio del docente, profilo peraltro apprezzato a livello accademico, inizia con appellativi tipo «ortolana» o «pesciaiola». Doveva essere un confronto sul delicato momento politico, poi Gozzini ha iniziato a tacciare la leader sovranista con epiteti irriferibili. Il professore è un personaggio non nuovo a incidenti di percorso.

giorgia meloni giorgia meloni

 

Anni fa, l'allora sindaco di Firenze Leonardo Domenici dopo aver nominato assessore alla Cultura Gozzini - figlio di Mario, padre della storica riforma dell'ordinamento penitenziario -, fu costretto ad allontanarlo dopo poche settimane perché aveva invitato (sempre in diretta radio) l'ex presidente della Fiorentina Diego Della Valle a «cacciarsi...» il progetto per il nuovo stadio viola.

 

giovanni gozzini 7 giovanni gozzini 7

La trasmissione con gli insulti della Meloni, ieri, è poi finita online. «Siamo increduli che nel 2021 ci si possa esprimere ancora così pubblicamente - attacca Giovanni Donzelli, deputato e dirigente nazionale di Fratelli d'Italia -. Ancora di più che a farlo sia un professore come Gozzini, ha insultato e denigrato pesantemente Meloni». E poi: «Come al solito gli intellettuali di sinistra predicano bene e razzolano male, dimostrandosi buoni a cavalcare le battaglie in difesa delle donne solo a corrente alternata. Chiediamo che l'Università di Siena sospenda il professor Gozzini: un personaggio del genere non può insegnare a Scienze politiche».

GIORGIA MELONI E IL VIDEO CON IL PESCE GIORGIA MELONI E IL VIDEO CON IL PESCE

 

Lo sdegno è così forte che, dopo poco, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella alza la cornetta per solidarizzare con Meloni: «Ringrazio il presidente, che mi ha telefonato per esprimermi personalmente la sua solidarietà». E poi: «È un gesto che ho apprezzato molto - sottolinea - e che ribadisce con fermezza il limite invalicabile, in una democrazia, tra critica e violenza».

giovanni gozzini 5 giovanni gozzini 5

 

A ruota arriva anche la dura condanna di Francesco Frati, rettore dell'Università di Siena, al quale la ministra per l'Università Cristina Messa si rivolgerà per essere aggiornata sui provvedimenti presi contro Gozzini. Mentre lo storico prova a metterci una pezza: «Chiedo scusa per aver usato delle parole sbagliate. Sono a porgere le mie scuse a tutti quanti, a Giorgia Meloni per prima e a tutte le persone che si sono sentite offese».

giovanni gozzini 6 giovanni gozzini 6 giorgia meloni giorgia meloni giovanni gozzini 1 giovanni gozzini 1 giovanni gozzini 2 giovanni gozzini 2 giovanni gozzini 3 giovanni gozzini 3 GIORGIA MELONI E IL VIDEO CON IL PESCE GIORGIA MELONI E IL VIDEO CON IL PESCE giovanni gozzini 4 giovanni gozzini 4 MATTARELLA COME DANAERYS TARGARYEN INVOCA DRAGHI MATTARELLA COME DANAERYS TARGARYEN INVOCA DRAGHI GIORGIA MELONI E IL VIDEO CON IL PESCE GIORGIA MELONI E IL VIDEO CON IL PESCE mattarella chiama draghi mattarella chiama draghi mattarella dracarys mattarella dracarys GIORGIA MELONI E IL VIDEO CON IL PESCE GIORGIA MELONI E IL VIDEO CON IL PESCE GIORGIA MELONI GIORGIA MELONI

 

Condividi questo articolo

politica

CHE FA LORENZETTO DI NOTTE? LE PULCI AI GIORNALI! - CASALINO: “CON 'IL PORTAVOCE' STO VENDENDO PIÙ DI BARACK OBAMA”. COME SEMPRE TA-ROCCO LE SPARA GROSSE. NELLA SUA PRIMA SETTIMANA IN LIBRERIA, IL SUO LIBRO HA VENDUTO 3.665 COPIE. NELLA STESSA SETTIMANA, “UNA TERRA PROMESSA” NE HA VENDUTE QUASI IL TRIPLO, 9.604. DA QUANDO È USCITO, A METÀ NOVEMBRE, IL SAGGIO DI OBAMA HA GIÀ TOTALIZZATO 120.152 COPIE, PER VENDERNE DI PIÙ A TA-ROCCO SERVIRÀ UN GRANDE PUNTELLO, PIÙ CHE UN "GRANDE FRATELLO"