I DEMOCRATICI HANNO SCELTO IL SOSTITUTO DI NANCY PELOSI: IL NUOVO LEADER ALLA CAMERA DEI RAPPRESENTANTI USA SARÀ HAKEEM JEFFRIES. SARÀ IL PRIMO AFROAMERICANO A RICOPRIRE IL RUOLO DI CAPOGRUPPO – NEWYORCHESE, 52ANNI, JEFFRIES SI DEFINISCE UN “PROGRESSISTA PRAGMATICO”: È MEMBRO DELL’HOUSE PROGRESSIVE CAUCUS, UN COLLETTIVO DI LEGISLATORI CHE LAVORA PER PORTARE AVANTI UN’AGENDA PIÙ DI SINISTRA…

-

Condividi questo articolo


 

1. HAKEEM JEFFRIES PRENDE IL POSTO DI NANCY PELOSI ALLA GUIDA DEI DEM

Da www.lastampa.it

 

HAKEEM JEFFRIES NANCY PELOSI HAKEEM JEFFRIES NANCY PELOSI

Hakeem Jeffries è stato eletto mercoledì per diventare il massimo leader dei democratici alla Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti a partire da gennaio, diventando così il primo afroamericano a ricoprire questo ruolo.

 

Il voto dei colleghi democratici di Jeffries ha poi anche segnato l'ascesa di una generazione più giovane di leader nella Camera dei 435 membri e la fine dell'era Nancy Pelosi. Nel 2007 è diventata la prima donna ad essere eletta presidente della Camera.

 

Jeffries, un newyorkese di 52 anni, ricoprirà la carica di leader democratico alla Camera per il 118° Congresso che si riunirà il 3 gennaio. Poco prima dell'annuncio del risultato elettorale, il leader della maggioranza al Senato Chuck Schumer ha dichiarato: «È un punto di svolta nella storia degli Stati Uniti».

 

HAKEEM JEFFRIES 1 HAKEEM JEFFRIES 1

Entrambi sono originari del Brooklynborough di New York City. Il cambio al comando per i democratici arriva proprio nel momento in cui i repubblicani dovrebbero assumere il controllo della maggioranza della Camera, dopo il risultato delle elezioni di medio termine dell'8 novembre. Una maggioranza esigua, di una manciata di seggi.

 

 

2. CHI È HAKEEM JEFFRIES, PROBABILE SUCCESSORE DI NANCY PELOSI ALLA CAMERA

Rossana Miranda per www.formiche.net – 19/11/2022

 

nancy pelosi nancy pelosi

Con le dimissioni di Nancy Pelosi, è cominciata la corsa all’interno del Partito Democratico per chi guiderà il gruppo alla Camera. Nel suo intervento, la speaker uscente ha detto “è giunta l’ora che una nuova generazione guidi il caucus democratico”.

 

A prendere il posto di Pelosi un nome risuona con più forza rispetto agli altri: Hakeem Jeffries, congressman dell’8° distretto di New York, a Capitol Hill dal 2013. Se riuscisse, entrerebbe nella storia come prima persona di colore a ricoprire questo incarico. Il voto è previsto il 28 novembre.

 

 

katherine clark katherine clark

Nato e cresciuto a Brooklyn, nello specifico a Crown Heights, ha raccontato che il suo “spirito di servizio pubblico” proveniva dai suoi genitori, entrambi dipendenti pubblici. La mamma era un’assistente sociale mentre suo padre lavorava come consulente statale.

 

Jeffries ha 52 anni e vive, sempre a Brooklyn ma a Prospect Heights, con la moglie Kennisandra Arciniegas Jeffries, anche lei assistente sociale, e i loro due figli. Ha frequentato la Binghamton University e conseguito prima un master in Politiche pubbliche alla Georgetown University e poi la laurea in Giurisprudenza alla New York University.

 

Per anni lavorato avvocato d’affari con clienti come Viacom Inc. e CBS, si è poi impegnato in politica a livello locale. Il suo primo incarico è stato all’Assemblea dello Stato di New York nel 2006, e il salto a livello nazionale è arrivato nel 2012, riuscendo a spodestare un congressman in carica da 30 anni per vincere il suo seggio in rappresentanza dell’8° distretto.

 

hakeem jeffries hakeem jeffries

Sul suo pensiero politico, Jeffries si definisce un “progressista pragmatico”. È membro dell’House Progressive Caucus, un collettivo di legislatori che lavora per portare avanti un’agenda più progressista, come la riforma della giustizia penale e alloggi a prezzi accessibili.

 

Crede molto nella linea progressista, ma ha dichiarato che non sacrificherebbe tutto per progetti irrealizzabili. Tra le priorità della sua campagna elettorale c’è l’abbassamento dei costi per l’assistenza all’infanzia e l’assistenza sanitaria, nonché il costo dell’istruzione e dei farmaci da prescrizione.

 

pete aguilar pete aguilar

Jeffries è un grande sostenitore della riforma della giustizia penale, essendosi impegnato per anni a correggere le disparità di condanna tra chi è accusato di traffico di crack e chi di cocaina. Ha presentato riforme sull’uso eccessivo della forza da parte della polizia dopo le morti di Eric Garner e George Floyd. Vuole misure per il controllo delle armi e più libertà di scelta per le donne in campo riproduttivo.

 

In una lettera indirizzata ai colleghi democratici, Jeffries ha scritto che punta a recuperare la maggioranza della Camera nel 2024: “Spero di trovare sempre un terreno di comprensione con i nostri colleghi repubblicani per offrire risultati agli americani”.

 

Condividi questo articolo

politica

“GIOVANNI HA SBAGLIATO, MA IO DIFENDO GLI AMICI. PRIMA SONO UN UOMO E POI UN SOTTOSEGRETARIO” – ANDREA DELMASTRO ABBANDONA IL COINQUILINO DONZELLI AL SUO DESTINO: “NON DOVEVA LEGGERE TESTUALMENTE L’INFORMATIVA. SONO IN ORDINE CON LA MIA COSCIENZA. NON SAPEVO CHE L’AVREBBE USATA” – “HO CHIARITO LA MIA POSIZIONE CON LA PREMIER E MI HA CREDUTO. NON ERANO DOCUMENTI SECRETATI. NON MID IMETTO, MA STO PENSANDO DI CAMBIARE CASA” – LA TELEFONATA DELLA MELONI: “NON MI PRENDERE PER I FONDELLI, SE SEMO CAPITI?”

“CI VUOLE UNA BELLA FACCIA TOSTA COME QUELLA DI RENZI PER DIRE CHE IL 41 BIS È STATA UNA VITTORIA POLITICA” IL SENATORE M5S SCARPINATO PRENDE A SCARPATE MATTEUCCIO: “LA LEGGE SUL 41 BIS È UNA LEGGE SPORCA DI SANGUE, VERSATO DA PAOLO BORSELLINO E DAI 5 AGENTI DELLA SCORTA CHE COSTRINSE UN PARLAMENTO RIOTTOSO AD APPROVARE IL 41 BIS. FU UNA VITTORIA DELLO STATO E DELLA SOCIETÀ CIVILE” – LA REPLICA DI RENZI CHE TIRA IN BALLO PALAMARA E IL PRESIDENTE EMERITO NAPOLITANO - VIDEO

“IL 41 BIS PER COSPITO? PER LUI C’ERANO ALTRI STRUMENTI ANCHE PER EVITARE UNA SALDATURA TRA FRANGE DEL TERRORISMO E CRIMINALITÀ ORGANIZZATA” – L'EX MINISTRO DELLA GIUSTIZIA, ANDREA ORLANDO, SI SCAGLIA CONTRO DONZELLI CHE HA ACCUSATO LUI E GLI ALTRI PARLAMENTARI DEM CHE SONO ANDATI A TROVARE COSPITO IN CARCERE DI AVER INCORAGGIATO L'ANARCHICO NELLA SUA BATTAGLIA CONTRO LO STATO: “RIDICOLO E CALUNNIOSO. NESSUNO DI NOI HA SPOSATO LA BATTAGLIA CONTRO IL 41 BIS. ABBIAMO CHIESTO CHE COSPITO FOSSE TRASFERITO PER LE SUE CONDIZIONI SANITARIE. LA MAGGIORANZA PROVA A INTIMIDIRCI. È UNA VICENDA INQUIETANTE”