A DESTRA SE LA SENTONO CALDA - NELLE SIMULAZIONI, SALVINI-MELONI-BERLUSCONI IMMAGINANO DI FARE QUASI CAPPOTTO - IL CENTROSINISTRA AVREBBE SOLO 15 COLLEGI BLINDATI TRA CAMERA E SENATO - SI PREVEDONO UNA VENTINA DI COLLEGI INCERTI PER PALAZZO MADAMA E CIRCA IL DOPPIO PER MONTECITORIO. IL RESTO DEL CUCUZZARO SAREBBE TUTTO DEL CENTRODESTRA, CHE SI ASPETTA DI VINCERE PRATICAMENTE OVUNQUE AL NORD, FATTA ECCEZIONE PER L'ALTO ADIGE - AL CENTRO L'UNICA REGIONE DOVE L'ALLEANZA A GUIDA PD RACCOGLIEREBBE PIÙ PARLAMENTARI È LA TOSCANA

-

Condividi questo articolo


Nic.Car. per “la Stampa”

LE PREVISIONI ELETTORALI DEL CENTRODESTRA - 5 AGOSTO 2022 LE PREVISIONI ELETTORALI DEL CENTRODESTRA - 5 AGOSTO 2022

 

Quasi un cappotto, nelle stime e nelle speranze del centrodestra. Un'Italia in gran parte blu, con qualche sparuta isola rossa. Si presenta così la cartina del nostro Paese, su cui sono stati segnati i collegi considerati sicuri e quelli in cui il centrosinistra viene dato in vantaggio. Una simulazione su cui stanno lavorando i rappresentanti dei partiti della coalizione, che devono mettersi d'accordo sulla divisione dei collegi uninominali, in base alla loro contendibilità.

 

Secondo questo schema, Letta, Calenda e i futuri alleati avrebbero solo 5 collegi blindati al Senato e una decina alla Camera. Poi si prevedono una ventina di collegi incerti per palazzo Madama e circa il doppio per Montecitorio. Il resto del montepremi sarebbe tutto del centrodestra, che si aspetta di vincere praticamente ovunque al Nord, fatta eccezione per l'Alto Adige, dove il centrosinistra rimane in vantaggio in tutti e due i rami del Parlamento, nella provincia di Genova alla Camera e in quelle di Trento e Torino al Senato.

SILVIO BERLUSCONI - GIORGIA MELONI - MATTEO SALVINI SILVIO BERLUSCONI - GIORGIA MELONI - MATTEO SALVINI

 

Al Centro l'unica regione dove l'alleanza a guida Pd raccoglierebbe più parlamentari è la Toscana. Potrebbe essere asso pigliatutto a destra, invece, negli uninominali in Umbria, Abruzzo, Molise, Basilicata, Friuli, Veneto, Calabria e Sicilia. Mentre in Sardegna i giochi sembrano più aperti, seppur sempre con Fratelli d'Italia, Lega e Forza Italia in vantaggio.

 

Una sconfitta certa alla Camera è messa in conto solo a Livorno, Prato e in alcuni collegi dell'Emilia-Romagna, tra Bologna, Modena e Reggio Emilia. Al Senato si danno per persi due collegi in Emilia, uno in Toscana, uno a Roma e l'altro a Milano. Anche in base a questa prospettiva, all'interno del centrodestra si continua a trattare per trovare la quadra sulla ripartizione dei candidati nei vari collegi. Oggi è prevista una nuova riunione.

BERLUSCONI SALVINI MELONI BERLUSCONI SALVINI MELONI

 

«Abbiamo affrontato e quasi risolto alcune discrepanze tecniche», ha spiegato Ignazio La Russa, che segue il negoziato per FdI. «Per quanto riguarda i centristi la nostra generosità è stata massima», ha aggiunto. Uno dei nodi, infatti, riguarda il numero e la distribuzione dei collegi riservati ai partiti minori della coalizione, che potrebbero aumentare da 11 a 13.

 

Sui nomi ancora si prende tempo, con parecchi dubbi anche su come schierare i propri big. In Forza Italia, ad esempio, viste le simulazioni negative sui risultati in Veneto, potrebbe essere a rischio la corsa della presidente del Senato Elisabetta Casellati. Mentre tra le possibili new entry c'è chi fa il nome del presidente di Confcommercio Carlo Sangalli.

 

Condividi questo articolo

politica

DAGOREPORT! CRONACHE DALL’ASILO MARIUCCIA A 5 STELLE - IL PROSSIMO MATCH TRA GRILLO E CONTE È IN AGENDA DOPO IL 25 SETTEMBRE: SE IL MOVIMENTO VA SOTTO IL 10% E PERSISTERANNO GLI ATTUALI SCAZZI TRA IL FONDATORE E L’AVVOCATO, CON IL COMPLEMENTO IN CHIAVE ESTREMISTICA DELLA RAGGI E DI BATTISTA, CONTE POTREBBE RIPETERE L’ITER DI DI MAIO: SCISSIONE, PORTANDOSI APPRESSO UNA PATTUGLIA DI PARLAMENTARI FEDELISSIMI - UNA VOLTA FUORI, GIUSEPPI SARÀ LIBERO, IN TESTA AL SUO NUOVO PARTITO, DI CORRERE TRA LE BRACCIA DI BETTINI E ZINGARETTI, ORLANDO E BOCCIA, CHE LO ATTENDONO IMPAZIENTI…

“BERLUSCONI HA DETTO UNA COSA OVVIA MA È STATA USATA PER LA SOLITA GAZZARRA POLITICA” – BELPIETRO CONTRO IL "MONARCA" MATTARELLA: “IN NESSUNA DEMOCRAZIA OCCIDENTALE UN UOMO CHE NON SIA STATO ELETTO POTREBBE RIMANERE PER UN COSÌ LUNGO PERIODO AI VERTICI DELLE ISTITUZIONI” – “SE GLI ITALIANI VOGLIONO DECIDERE DA CHI FARSI RAPPRESENTARE, È EVIDENTE CHE CHI LI RAPPRESENTA OGGI NON È PIÙ LEGITTIMATO A FARLO” – “LA SINISTRA È TERRORIZZATA ALLA SOLA IDEA CHE A DECIDERE IL CAPO DELLO STATO NON SIA LA PARROCCHIETTA LORO, MA GLI ITALIANI. LA COSA PARADOSSALE È CHE..."

GIORGIA, L’OSSESSIONE DI SALVINI – LA MELONI È LA BESTIA NERA DEL “CAPITONE”: PRIMA CHE SI METTESSE DI TRAVERSO ANDAVA TUTTO BENE, POI DAL PAPEETE IN POI, È ANDATO TUTTO STORTO – IL “CORRIERE”: “MATTEO SI VEDE COSTRETTO A SCOMODARE GIULIO CESARE E UNO DI SUOI MOTTI: SE NON PUOI BATTERLI, UNISCITI A LORO. CHE NELLA TRADUZIONE LETTERALE SUONA COSÌ: SE NON PUOI SCONFIGGERE IL TUO NEMICO, FATTELO AMICO. SEMPRE CHE GIORGIA CI CASCHI” - L'ESORDIO TV CON CORRADO TEDESCHI, IL GOVERNO CON DI MAIO, IL 34% E LE MAGLIETTE CON PUTIN: IL RITRATTONE