1. IL DIRETTORE DEL 'QUOTIDIANO NAZIONALE' SGANCIA UNA BOMBA SU RENZI: ''DURANTE IL SUO PRIMO ANNO DI GOVERNO, UN GIORNALISTA LO AVEVA SEGUITO IN VACANZA. DOPO AVER PUBBLICATO IL PRIMO ARTICOLO SU DI LUI, TOTALMENTE INNOCUO, SENTÌ BUSSARE ALLA PORTA''
2. ''UN SIGNORE ROBUSTO SI QUALIFICA COME AGENTE DEI SERVIZI SEGRETI: 'SO CHI SEI, SO CHI È TUA MOGLIE, SO CHI È LA TUA AMANTE'. IL COLLEGA CAPÌ IL MESSAGGIO E FECE LA VALIGIA''
3. UN FATTO GRAVISSIMO, CHE L'EX PREMIER NON HA SMENTITO, E CHE RIENTRA PERFETTAMENTE NELLA SUA OSSESSIONE NEL CONTROLLARE I SERVIZI SEGRETI (TRA CARRAI E CARABINIERI)
4. CANGINI: 'È TIPICO DEI POLITICI IDENTIFICARE L’INTERESSE NAZIONALE COL PROPRIO. ED È TIPICO DEI DIRIGENTI DEI SERVIZI TUTELARE QUEI LEADER DA CUI DIPENDE LA LORO CARRIERA...'

Condividi questo articolo


 

Andrea Cangini per 'QN - Resto del Carlino - Il Giorno - La Nazione'

andrea cangini andrea cangini

 

Durante il suo primo anno di governo, Matteo Renzi si ritirò per qualche giorno con la famiglia in un bell’albergo sul mare. Cercava riposo e riservatezza. Un cronista prese una camera vicino alla sua con l’intenzione di scrivere qualche pezzo ‘di colore’ sulla vita privata del premier. Niente di insidioso.

 

Dopo l’uscita del primo articolo, il giornalista sentì bussare alla porta, aprì e si trovò al cospetto di un signore robusto che, qualificatosi come agente dei servizi segreti, con tono convincente inanellò tre affermazioni in un’unica, breve frase: "So chi sei, so chi è tua moglie, so chi è la tua amante". Il collega capì il messaggio e fece la valigia.

 

carrai renzi cybersecurity 5 carrai renzi cybersecurity 5

Non è detto che a mobilitare l’uomo dei servizi fosse stato Renzi in persona, né che l’allora premier fosse a conoscenza della cosa. Lo zelo dei funzionari spesso prescinde da richieste esplicite. Certo è che da sempre i servizi segreti vengono usati anche a fini ‘politici’: il Sifar (l’Aise di allora, ovvero il servizio segreto militare) guidato dal generale De Lorenzo negli anni Cinquanta collezionò 157mila dossier su politici, magistrati, giornalisti, imprenditori... e non sempre l’uso che ne fece atteneva alla ragion di Stato.

 

alfredo mazzei alfredo mazzei

È infatti tipico dei politici identificare l’interesse nazionale col proprio, personale, interesse. Ed è tipico dei dirigenti dei servizi tutelare quei leader politici da cui ritengono dipenda la loro carriera. Nella vicenda Consip si parla molto di un presunto ruolo dei servizi segreti. Li ha evocati in un’intervista al nostro giornale il commercialista partenopeo Alfredo Mazzei, li ha tirati in ballo sulla ‘Verità’ il leghista Calderoli, li ha citati – dichiarando, sembra consapevolmente, il falso – il comandante dei carabinieri del Noe, Giampaolo Scafarto, nell’informativa scritta per conto della procura di Napoli.

SCAFARTO SCAFARTO

 

A oggi, però, non esiste alcuna evidenza circa un loro effettivo coinvolgimento. Si sa solo che il mitico capitano Ultimo, al secolo Sergio De Caprio, fu rimosso dal vertice del Noe dal comandante generale dell’Arma, Tullio Del Sette, poi indagato nel processo Consip per favoreggiamento e rivelazione di segreto istruttorio, e di conseguenza inquadrato nei ranghi dell’Aise.

 

Nessuno può escludere che gli 007 abbiano inquinato o semplicemente monitorato l’inchiesta, nessuno può dire con quale obiettivo e al servizio di chi lo avrebbero fatto. A oggi, si tratta solo di fantasie. Di sicuro c’è solo che il capitano Scafarto, braccio operativo del pm Woodcock, ha compiuto due errori. O due falsi.

LUCA LOTTI E TIZIANO RENZI LUCA LOTTI E TIZIANO RENZI

 

Ha attribuito all’imprenditore Romeo le parole su Tiziano Renzi pronunciate invece dal consigliere di Romeo, Italo Bocchino; ha adombrato la presenza dei servizi segreti. Perché l’abbia fatto sarà, forse, appurato dalla procura di Roma. Certo è che la tendenza ad accondiscendere ai desiderata dei politici che spesso caratterizza l’approccio dei servizi può contraddistinguere anche il legame tra polizia giudiziaria e pm.

italo bocchino al telefono italo bocchino al telefono

 

Condividi questo articolo

politica

POSTA! - CARO DAGO, CHISSÀ SE DOPO L'AVVISO DI GARANZIA AL LORO BENEFATTORE GRILLO, I GRILLINI E TRAVAGLIO SI SCOPRIRANNO "GARANTISTI". NON MI STUPIREI SE INIZIASSERO A PENSARE DI VOTARE BERLUSCONI… - DI FRONTE AGLI IPOCRITI, AI CALCOLATORI, AI FURBASTRI CHE SI ACQUATTANO COME CONIGLI NELLA TANA DEI MESSAGGI CRIPTICI, DELLE ALLUSIONI, DEI TATTICISMI, ECC. ECC. UNO COME BERLUSCONI CHE (PIACCIA O MENO) ROMPE GLI SCHEMI ED ESCE ALLO SCOPERTO ALLA LUCE DEL SOLE APPARE UN LEONE…

 

“CHI È POSITIVO AL COVID DEVE POTER VOTARE”. DA FRATELLI D’ITALIA AI 5 STELLE, SALE IL PRESSING PER FAR VOTARE I GRANDI ELETTORI CONTAGIATI: LE AUTORITÀ SANITARIE POSSONO AUTORIZZARE GLI SPOSTAMENTI DA UN DOMICILIO A UN ALTRO, CON MEZZI SPECIALI PER GARANTIRE LA MASSIMA TUTELA – I DEM CHIUDONO: “NON CI SONO LE CONDIZIONI” – ESCLUSO IL VOTO A DISTANZA, PROPOSTO UN COVID HOTEL DAVANTI A MONTECITORIO PER VOTARE POI NEL CORTILE DELLA CAMERA. ATTUALMENTE I POSITIVI TRA CAMERA E SENATO SONO UNA QUARANTINA…

DATE TUTTO IL CANONE ALLA RAI E NESSUNO ROMPERÀ PIÙ LE PALLE - L'AD DELLA TV PUBBLICA, CARLO FUORTES, È ANDATO A PROTESTARE IN SENATO PERCHÉ LA RAI PERCEPISCE SOLO L'86% DEI 90 EURO CHE NOI PAGHIAMO: "SE NELLE CASSE ARRIVASSE L'INTERO CANONE MOLTI DEI DISCORSI CHE STIAMO FACENDO NON SAREBBERO FATTI E IL RICAVO SAREBBE SUFFICIENTE PER GESTIRE L'AZIENDA" - OGNI ANNO VENGONO REGISTRATE MENO RISORSE, PARI A 240 MILIONI DI EURO - COI NOSTRI SOLDI FINANZIAMO PURE TV, GIORNALI E RADIO COMMERCIALI LOCALI DI CUI IGNORIAMO L'ESISTENZA...