DA DRAGHI ALTRA BATOSTA PER IL "CAPITONE" - IL PREMIER A BRUXELLES ARCHIVIA QUOTA 100, UNA DELLE MISURE "BANDIERA" DELLA LEGA SULLE PENSIONI: "HO SEMPRE DETTO CHE NON LA CONDIVIDO, HA DURATA TRIENNALE E NON VERRÀ RINNOVATA" - SALVINI HA GIÀ DOVUTO INGOIARE IL RIFINANZIAMENTO PER UN ULTERIORE MILIARDO DEL REDDITO DI CITTADINANZA… - ORA L'INTERO PACCHETTO PREVIDENZIALE RISCHIA DI ESSERE STRAVOLTO

-

Condividi questo articolo


Da www.liberoquotidiano.it

 

MATTEO SALVINI DOPO L'INCONTRO CON MARIO DRAGHI MATTEO SALVINI DOPO L'INCONTRO CON MARIO DRAGHI

Addio Quota 100. Ad annunciarlo da Bruxelles è Mario Draghi, che anticipa "soluzioni graduali" sul tema delle pensioni. "Questo è oggetto di discussione nella legge di bilancio che presenteremo la prossima settimana. Ho sempre detto che non condivido Quota 100, che ha durata triennale e non verrà rinnovata. Ora occorre assicurare una gradualità nel passaggio alla normalità, a quello che era la normalità, ed è questo l'oggetto della discussione".

 

salvini draghi salvini draghi

In conferenza stampa al termine del Vertice Ue a Bruxelles, il premier precisa: "L'importante è tener fisso il fatto che la legge non verrà rinnovata per un triennio e che però occorre essere graduali nella sua applicazione. I dettagli verranno resi noti nel corso della legge di bilancio".

 

draghi draghi

La notizia non farà di certo piacere a Matteo Salvini, leader della Lega, che in settimana ha già dovuto ingoiare il rifinanziamento per un ulteriore miliardo del reddito di cittadinanza.

 

Le due misure-simbolo del governo gialloverde del Conte 1, insomma, avranno futuri opposti: il reddito, bandiera del M5s, va avanti. Quota 100, conquista leghista che mandò in pensione la contestatissima riforma Fornero, finisce qua.

 

SALVINI DRAGHI SALVINI DRAGHI

L'intero pacchetto previdenziale rischia di venire stravolto. Secondo il Giornale, potrebbe non venire rinnovata Opzione donna, ad esempio. Occorrerà poi limitare i danni dello scalone creato dalla legge Fornero.

 

"Si parla di Quota 102 nel 2022 e di Quota 104 nel 2023, maturabili rispettivamente con 64 e 66 anni di età (contro i 62 di Quota 100) ed almeno 38 di contributi - spiega sempre il Giornale -. Addirittura si vocifera di una Quota 103, nata proprio nella trattativa tra i partiti. Si tratterà, comunque, sempre di un'uscita anticipata di tipo volontario: chi lo vorrà, infatti, potrà continuare a lavorare fino a 67 anni".

 

conferenza stampa su reddito di cittadinanza e quota 100 1 conferenza stampa su reddito di cittadinanza e quota 100 1

La Stampa ha elaborato un a proiezione: un dipendente pubblico/privato con stipendio medio di 1.600 euro andato in pensione con Quota 100 tra 2019 e 2021 (62 anni di età e 38 di contributi) percepisce un assegno mensile di 1.300 euro.

 

Con Quota 102 e Quota 104, invece, un dipendente nelle stesse condizioni dovrà attendere rispettivamente i 64 o 66 anni di età e comunque i 38 anni di contributi. Sul tavolo anche un indennizzo di 1.500 euro per le categorie usuranti (lavori gravosi e pericolosi sia nel settore pubblico che in quello privato). Necessari 63 anni di età e 36 anni minimi di contributi.

 

Condividi questo articolo

politica

LA RIFORMA DEL CSM VIENE RALLENTATA DALLA PARTITA DEL QUIRINALE? IL TEOREMA DEL QUOTIDIANO "DOMANI": VISTO CHE IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA, MARTA CARTABIA, E' IN BALLO PER SALIRE AL QUIRINALE O PER PRENDERE IL POSTO DI DRAGHI A PALAZZO CHIGI, RITARDA IL PIÙ POSSIBILE LA PRESENTAZIONE DEGLI EMENDAMENTI, COSÌ DA EVITARE DI INIMICARSI QUALCUNO - LA SMENTITA DEL MINISTERO: "SI STA CHIUDENDO LA DEFINIZIONE DEGLI EMENDAMENTI, È QUESTIONE DI GIORNI" - EPPURE IL GRANDE ATTIVISMO DELLA MINISTRA, COMPRESO IL VIAGGIO NEGLI USA PER ACCREDITARSI, VIENE VISTO CON SOSPETTO…

"DIETRO L'ENFASI SUL QUIRINALE SI NASCONDE IL VUOTO DEI PARTITI" - SABINO CASSESE: "DISTOGLIE DALLE COSE PIÙ IMPORTANTI DI CUI OCCORREREBBE OCCUPARSI. LA SCUOLA. LE PENSIONI. LA SANITÀ. IL LAVORO - I PRESIDENTI DELLA REPUBBLICA? SONO STATI EX PRESIDENTI DELLA CAMERE, O EX PREMIER O VICEPREMIER, INSOMMA FIGURE CHE I 1008 GRANDI ELETTORI DEBBONO CONOSCERE BENE. UNA DELLE GRANDI SAGGEZZE DELLA DC FU CHE NON SCELSE MAI UN CAPOCORRENTE, SALVO ANTONIO SEGNI - UN SUCCESSORE DI MATTARELLA A TERMINE? NON SI PUÒ FARE VIOLENZA ALLE ISTITUZIONI…"